10and : Eraclea – Passarella 1-0

ERACLEA PASSARELLA
Boso
Zorzetto
Cibin
(59′ Trevisan)
(77′ Carraro)
Furlanetto
Michelin
Bacchin
Boatto Al.
Rosiglioni
Santin
(31′ Schiavon)
Boatto An.
Boatto G.
All. Schugur
Enzo
Furlanetto
Terreo
Tonetto
Biancotto
Celadon
Teso
(55′ Cagnin)
Vallese
Davanzo
Bonadio
(45′ Tagliapietra)
Cibin
(85′ Matiuzzo)
All. Marusso

Arbitro: Pizzol di San Donà di P. 5,5

Marcatori: 83′ Boatto An. (E)

Note Espulsi al 42′ Biancotto (P) per doppia ammonizione e Davanzo (P) per proteste

CRONACA:
Non basta un gol di Andrea Boatto a sette minuti dal termine per dar colore alla grigia prestazione che ancora una volta in questo campionato l’Eraclea ha offerto fra le mura amiche. Pochissime le vere emozioni vissute in questo match che ha finito per perdere di ogni interesse già al 42′ del primo tempo, quando il giovane arbitro ha un po’ frettolosamente espulso due calciatori del Passarella lasciando in nove contro undici la pimpante formazione ospite che a partire da quel momento ha dovuto arrangiarsi alla meglio per cercare di limitare i danni. Il Passarella inizia la partita senza alcun timore reverenziale riuscendo a mantenere il possesso di palla nella metà campo dell’Eraclea, nella prima mezz’ora però non succede proprio nulla perchè gli ospiti nonostante un certo tentativo di pressione offensiva sono poi quasi sempre imprecisi nel passaggio finale mentre l’Eraclea per il momento stà a guardare. Per la prima vera occasione da gol bisogna attendere il 32′ minuto quando un assist di Alessandro Boatto permette al fratello Andrea di infilarsi nella difesa avversaria sfruttando un corridoio centrale, l’azione gli permette di trovarsi a centro area a tu per tu con il portiere che è bravo a chiudergli lo specchio della porta deviando la sua conclusione in angolo. Trascorrono dieci minuti e si arriva all’episodio che cambierà il volto della partita: il difensore ospite Biancotto, già ammonito in precedenza, rimedia un secondo cartellino giallo che gli vale quindi il rosso, i suoi compagni di squadra non sono per niente d’accordo con il direttore di gara attorno al quale si forma un capannello di calciatori vocianti, vola anche qualche parola pesante che porta l’arbitro ad estrarre un secondo cartellino rosso indirizzato a Davanzo, il Passarella nel giro di pochi istanti si ritrova così in nove. Il primo tempo termina con un eloquente zero a zero, ma l’Eraclea ha ora il vantaggio di giocarsi la ripresa in undici contro nove, almeno in questi casi si pensa sia un vantaggio, in realtà nemmeno la superiorità numerica cambia molto il volto ad uno scialbo match nel quale un’Eraclea ancora una volta in formazione rimaneggiata si rivela priva di idee e confusa nella manovra di rimessa. Al dodicesimo ci prova Alessandro Boatto con una azione solitaria, il numero sette granata scatta veloce sfruttando un rilancio della propria mediana e giunto solitario al limite dell’area avversaria cerca il pallonetto sul tentativo di uscita dell’estremo Enzo ma la sua conclusione termina di poco al lato. Trascorrono i minuti ed il Passarella nonostante l’inferiorità numerica tiene bene il campo riuscendo anche ad evitare di finire compressa nella propria metà campo. L’Eraclea sa rendersi pericolosa solo in maniera occasionale come al 31′ quando Schiavon ricevuta palla sul lato destro del proprio fronte d’attacco effettua una conclusione dal vertice dell’area che fa gridare al gol, in realtà la palla esce di pochissimo colpendo il montante esterno della porta difesa da Enzo. Cinque minuti dopo, al 36′, un tiro-cross dalla lunghissima distanza del difensore Michelin sta per sorprendere Enzo fuori dai pali, in questo caso il portiere del Passarella è molto bravo con un colpo di reni a deviare la palla in calcio d’angolo. Gli ospiti fino a quel momento oltre a presidiare la propria metà campo hanno anche cercato qualche azione di rimessa ed ora che la stanchezza si somma all’inferiorità numerica finiscono per pagare la loro generosità con un gol subito in contropiede: è il 38′ minuto il momento in cui Furlanetto con un preciso rilancio capovolge un’azione difensiva dell’Eraclea in offensiva facendo scattare dalla linea di centrocampo Andrea Boatto il quale prima si allunga il pallone di testa e poi visto il portiere scattargli incontro lo scavalca con un preciso pallonetto che termina la sua corsa in fondo alla rete. Mancano una decina di minuti al termine, recupero compreso, il gol appena realizzato potrebbe spalancare le porte ad un secondo, ma non è così, in quanto l’Eraclea bada solamente a trascorrere indenne il tempo che manca al triplice fischio finale permettendo al Passarella una reazione d’orgoglio che potrebbe anche costare il gol del pareggio ai padroni di casa. Nervosismo fra le fila del Passarella al rientro negli spogliatoi con ulteriori proteste all’indirizzo del direttore di gara a causa della doppia espulsione subita, sulla sponda opposta, quella eracleense, ora si spera di recuperare qualcuno degli assenti perchè aiutino a superare questo periodo fatto di scialbe prove casalinghe.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*