10and : Musile – Eraclea 0-2

MUSILE ERACLEA
Velludo
Bincoletto
Valente
De Faveri
Pallamin
Moro
Callegher
(70′ Arsic)
Bacchin
Tronco
Scaldelai
(56′ Calderan)
Cadamuro
All. Amadio
 
Teso An.
Zorzetto
Cella
Boatto Al.
Pinato
Teso Al.
Turcato
(90′ Nesto)
Schiavon
(81′ Cerchier)
Lessi
(82′ Boatto G.)
Boatto An.
Pasian
All. De Pieri

Arbitro: Michielutto di Conegliano 6,5

Marcatori: 22′ e 76′ Boatto Andrea (E)

Note Espulso Arsic (M) al 90′ per proteste

CRONACA:
Prosegue nel migliore dei modi l’attuale stagione calcistica per l’Eraclea che riesce a portare a casa i tre punti in palio anche dall’ostico campo di Musile. Fino a questo momento nel tabellino dei padroni di casa figurava una sola sconfitta e ben sette pareggi, il Musile è una formazione che molto difficilmente cede la vittoria all’avversario se ne è accorta anche l’Eraclea ha faticato non poco ad avere ragione dell’undici diretto da mister Amadio. La prima frazione di gara offre ben poche emozioni, il Musile cerca di imbrigliare gli ospiti a centrocampo e raramente risponde di rimessa mentre l’Eraclea ha ben pochi varchi a disposizione per concludere a rete, ci vuole una intuizione di Boatto Andrea per sbloccare il risultato: è il 22′ minuto c’è un ingenuo retropassagio di un difensore del Musile all’interno della sua area sul quale si avventa rapidissimo il capitano granata, ruba palla guarda per un attimo la posizione del portiere e poi lo trafigge con un precisissimo diagonale che si infila rasoterra alla sinistra dell’estremo Velludo. Nei minuti seguenti l’Eraclea ha un paio d’occasioni per il raddoppio che però terminano con un nulla di fatto, si assiste anche ad una sterile reazione dei padroni di casa che si infrange sul reparto arretrato dei granata senza creare alcun problema a questi ultimi, scivola via così il resto del primo tempo che si conclude con una bella girata dal limite di Pasian al 44′ al quale risponde bene Velludo bloccando a terra la conclusione del numero undici granata. Inizia la ripresa e ci si aspetta un Musile offensivo alla ricerca del pareggio, la buona intenzione c’è tutta, purtroppo per loro i padroni di casa si trovano di fronte un’Eraclea ben organizzata e ben piazzata in ogni settore del campo, i granata non concedono nulla e non commettono errori, così il tentato forcing del Musile produce solamente un’occasione al 2′ di gioco grazie ad una punizione dalla lunga distanza dell’ex Tronco che impegna Teso Andrea in una plastica respinta. Pronta la risposta dell’Eraclea, un minuto più tardi c’è un bel assist di Boatto Andrea a favore di Lessi ben piazzato a centro area, ci si aspetta il gol invece il numero nove granata perde questa grossa occasione per raddoppiare facendosi respingere la sua debole conclusione dal portiere. E’ un buon momento per l’Eraclea che si fa padrona del campo, al nono minuto una tambureggiante azione offensiva dei granata porta il terzino Zorzetto a calciare dalla lunga distanza, la sua velenosa conclusione colpisce in pieno la base del palo a portiere battuto, si crea una mischia in area dalla quale il Musile si salva anche in maniera un po’ fortunosa. Fra il ventesimo ed il trentesimo minuto del secondo tempo i padroni di casa, che non si danno tanto facilmente per vinti, cercano di spingere maggiormente all’attacco, ma l’attenta difesa eracleense ben diretta da Boatto Alessandro permette all’estremo Teso di dormire sonni tranquilli. Le speranze del Musile vengono stroncate al 31′ minuto di gioco: angolo per l’Eraclea e palla ancora oltre il fondo, anche il secondo tiro dalla bandierina viene calciato da Turcato che indirizza un preciso spiovente a centro area, un difensore sfiora appena con la testa, a quel punto svetta anche Boatto Andrea che corregge sempre di testa mandando il pallone ad insaccarsi a fil di palo. Segue una girandola di sostituzioni da parte dell’Eraclea che portano all’esordio di una giovane e promettente punta classe 82: Boatto Giuliano che porta così a tre il numero dei Boatto in campo. Nel finale i padroni di casa che non riescono a trovare la via del gol si innervosiscono un po’ troppo con l’arbitro che non ha certamente alcuna colpa per la loro sconfitta, la giacchetta nera deve prima ammonire il portiere Velludo e subito dopo, visto che gli animi non si calmano, anche espellere il neo entrato Arsic, per il Musile l’incontro termina così.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*