11and : Eraclea – Torre di Mosto 1-2

ERACLEA TORRE DI MOSTO
Teso An.
Zorzetto
Cella
Boatto Al.
Pinato
Teso Al.
Turcato
Schiavon
(65′ Cerchier)
Lessi
Boatto An.
Pasian
All. De Pieri
 
 
Salvalaio
Pavan
(61′ Camerotto)
Pasquon
Clementi
Mazzarotto L.
Rosan
Stello
(46′ Mazzarotto I.)
Rubin C.
(67′ Romano)
Pasqualini
Rubin N.
Panzarin
All. Tamai

Arbitro: Borelli di Treviso 3

Marcatori: 25′ Lessi (E), 50′ Mazzarotto I. (TdM), 57′ Pasqualini (TdM)

Note Espulso Pinato (E) al 89′ per doppia ammonizione

CRONACA:
Pochi se l’aspettavano, ma è successo: l’Eraclea seconda in classifica è stata sconfitta in casa per due a uno dal Torre di Mosto che invece è penultima. Su questa pesante sconfitta dei granata hanno inciso un paio di fattori determinanti: prima di tutto la giornata poco felice di tutta la compagine diretta da De Pieri, gli eracleensi si sono trovati ad affrontare l’ennesimo impegno infrasettimanale di questo periodo e sono sembrati un po’ “scarichi” sia dal punto di vista fisico che da quello mentale. Secondo ma non meno importante motivo di questo stop casalingo per i granata è da attribuirsi ad alcune incredibili decisioni arbitrali del secondo tempo che hanno in pratica quasi “regalato” la vittoria ai torresani. Cercando di interpretare al meglio la parte di chi occupa l’alta classifica, l’Eraclea parte all’attacco ed al 3′ di gioco Boatto Andrea ha già una buona occasione per portare in vantaggio la propria squadra quando viene servito con precisione in area di rigore, ma la punta eracleense conclude calciando a lato. Risponde il Torre di Mosto in contropiede al 10′ con Pasqualini che entra in area di rigore granata dal lato sinistro e calcia prontamente verso lo specchio della porta chiamando Teso Andrea ad una impegnativa deviazione in tuffo. Gli ospiti sono, come sempre, molto chiusi all’indietro e non concedono alcuno spazio ai temi offensivi dell’Eraclea, i padroni di casa stentano così a trovare la via del gol che comunque arriva al 25′ quando i granata si distendono in avanti con una bella azione corale, dopo una precisa serie di passaggi il centravanti Lessi viene servito a centro area da dove realizza la sua quinta rete personale di questo campionato nonostante il tentativo di opposizione del portiere avversario che sfiora la sfera senza però riuscire a deviarla. Nei minuti seguenti c’è una certa reazione dei torresani i quali cercano, senza sortire grandi effetti, di sorprendere la retroguardia locale, gli eracleensi riescono a controllare gli avversari fino al termine del primo tempo forse lasciando a loro un po’ troppa iniziativa, per questo motivo mister De Pieri durante l’intervallo cerca di mettere in guardia i propri ragazzi da un eventuale pericolo di pareggio dell’avversario quasi prevedendo quanto sarebbe poi successo. I granata iniziano il secondo tempo cercando di seguire il consiglio del proprio allenatore: trovare al più presto il gol del raddoppio, quando sembra ci siano riusciti al 4′ della ripresa, ponte di testa di Lessi per Boatto che da due passi insacca, l’arbitro inizia il suo show annullando la marcatura per presunto fuorigioco dello stesso capitano eracleense. Un minuto più tardi al danno si aggiunge la beffa quando il Torre di Mosto pareggia con il neo entrato Mazzarotto Igor che è lesto ad insaccare una palla vagante dopo un batti e ribatti in area granata, nell’occasione l’estremo Teso Andrea non è del tutto incolume da colpe in quanto su una conclusione non proprio irresistibile riesce a toccare la sfera ma non a sufficienza per deviarla. Al 10′ l’Eraclea è anche sfortunata quando una fucilata dalla lunga distanza del terzino Cella sfiora il palo con il portiere avversario completamente fuori causa. Due minuti dopo al 12′ il Torre di Mosto trova il gol del vantaggio in maniera rocambolesca: nella metà campo eracleense Cella è rimasto a terra infortunato, alcuni suoi compagni di squadra chiedono agli avversari di mettere fuori il pallone, per tutta risposta i torresani, per niente sportivi, lanciano il pallone verso Pasqualini che è in netta posizione di fuori gioco, il centravanti ospite tutto solo davanti a Teso realizza comodamente fra una marea di proteste dei granata. Non si riesce bene a capire come l’arbitro non possa aver visto un fuori gioco così macroscopico! Questa si rivela una vera mazzata sul morale degli eracleensi che da quel momento fino al termine dell’incontro spingeranno sempre in avanti dimostrando però poca lucidità in fase conclusiva anche perchè il Torre di Mosto come è uso fare in queli casi difende con tutti e undici i giocatori. Da ricordare al 35′ anche la traversa colpita da Lessi di testa a seguito di un calcio d’angolo di Cerchier e nel finale al 4′ minuto di recupero il direttore di gara “mette la firma” sulla vittoria del Torre di Mosto quando annulla inspiegabilmente il pareggio che Lessi aveva realizzato con un perentorio colpo di testa, farfugliando poi qualcosa a giustificazione di una scandalosa decisione. Per finire mi sembra inutile sottolineare che le inconcepibili decisioni del signor Borelli di Treviso hanno inciso moltissimo sul risultato finale, il fanalino di coda Torre di Mosto, che ha dimostrato dei limiti di gioco macroscopici e di meritare la zona retrocessione, ringrazia e prende così, grazie all’arbitro una piccola boccata d’ossigeno per la sua asfittica classifica.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*