12and : Eraclea – La Stimma Don Bosco 0-1

ERACLEA L.S. DON BOSCO
De Stefani
Buratto F.
Zorzetto
Mattiuzzo
(68′ Schiavon)
Basso
Cella
(46′ Trevisiol)
Pasian
Buratto M.
Bisiol
Teso
Pasqual
All. Gulino
Cuomo
Buratto G.
Iseppi
Buratto D.
(89′ Crosera)
Piccoli
Trevisiol
(55′ Davanzo)
Marchesello
Ramon
Cuomo
Buratto F.
Convento
All. Biancotto

Arbitro: Del Maschio di Venezia 6

Marcatori: 30′ Cuomo (DB)

Note

CRONACA:
E sette, l’Eraclea rimedia l’ennesima sconfitta di misura dopo aver affrontato un avversario molto ben ordinato in campo e che ha sempre messo in difficoltà i granata impedendo loro di ragionare con marcature strette in qualsiasi zona del campo. La Stimma veniva da una sonante vittoria per quattro a zero, il loro morale era quindi alto, come buono si è dimostrato anche il loro stato di forma visto che per buona parte dell’incontro sono riusciti a fare pressing, anche se l’unica vera palla-gol si è vista durante l’azione del vantaggio. Gli ospiti iniziano l’incontro in attacco, ma non riescono a costruire niente di particolare fino al ventesimo quando si crea una insidiosa mischia in area granata, dopo un paio di pericolosi batti e ribatti la difesa eracleense riesce ad avere la meglio allontanando la sfera ed il pericolo. Questo è il preludio al gol-vittoria del Don Bosco che arriva dieci minuti più tardi, è il trentesimo di gioco ed i sandonatesi scendono lungo la fascia destra del loro settore d’attacco effettuando poi un preciso traversone per il terzino Iseppi che lasciato libero sul secondo palo effettua un ponte di testa a favore di Cuomo altrettanto libero a due passi dalla porta e per il centravanti ospite risulta elementare spingere il pallone in rete. Non si vedono reazioni particolari da parte dell’Eraclea, perciò il Don Bosco mantiene il pallino del gioco riuscendo anche a procurarsi una buona occasione per raddoppiare proprio allo scadere del primo tempo quando Cuomo serve con precisione un pallone in area per Convento, ma l’undici ospite tutto solo e da favorevole posizione spreca calciando fuori. La prima parte della ripresa è avara di spunti di cronaca, un solo sussulto verso il decimo per una staffilata dalla lunga distanza dei sandonatesi che sorvola di poco la traversa. Con il passare dei minuti l’efficace pressing del Don Bosco comincia a calare sia per l’affiorare della stanchezza fra le file degli ospiti sia per l’innesto di un paio di validi ed intraprendenti giovanissimi nella formazione granata: l’entrata di Trevisiol e Schiavon porta un po’ più di brio nelle azioni offensive dell’Eraclea che nell’ultimo quarto d’ora gioca quasi esclusivamente nella metà campo avversaria. In quel periodo sono degne di nota un paio di occasioni a favore dei granata: la prima al 78′ e vede protagonista Bisiol che con un insidioso diagonale sfiora il palo a portiere battuto, la seconda poco più tardi al 82′ quando il neo entrato Schiavon stacca molto bene di testa indirizzando il pallone sotto la traversa a quel punto è il portiere sandonatese Cuomo a dirgli di no salvando la propria porta con una impegnativa deviazione in angolo. Niente da fare per le speranze eracleensi neppure nei minuti di recupero e così al triplice fischio finale gli ospiti de La Stimma Don bosco portano a casa i tre punti ottenuti con una vittoria di stretta misura ma tutto sommato meritata per l’impegno e l’ordine dimostrati sul campo. Sufficiente l’arbitraggio, è piaciuto in particolar modo il criterio usato per le ammonizioni: i cartellini gialli sono stati estratti quasi esclusivamente per gioco duro e non per proteste come spesso si vede fare a certi arbitri che poco tutelano l’incolumità dei calciatori.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*