12rit : Passarella – Eraclea 0-5

PASSARELLA ERACLEA
Moretto
Daupi
Zanchettin
Busanel
Furlanetto
Montemurro
Dizdari
(82′ Visentin)
Ongaretto
Zottino
Stainer
Bianco
All. Biancotto
 
Boso
Zorzetto
Trevisan
Vettoretto
Rippa
Bacchin
Cibin
Rosiglioni
Bonetto
Rinaldi
(65′ Pasqual A.)
Follador
(78′ Rizzetto)
All. Pattaro

Arbitro: Marangon di San Donà di P. 6,5

Marcatori: 6′, 15′, 20′, 25′, 88′ Bonetto (E)

Note

CRONACA:
La cinquina dell’Eraclea sul campo del malcapitato Passarella porta la firma di Cristian Bonetto autentico mattatore che ha firmato tutti e cinque i gol granata. Con questa sonante vittoria la formazione allenata da Luca Pattaro è virtualmente salva, manca la matematica, ma sette punti di vantaggio sulla terz’ultima a tre giornate dal termine dovrebbero bastare. Lo stesso mister Pattaro prima dell’inizio della gara aveva raccomandato ai suoi ragazzi di non sottovalutare l’avversario, “il Passarella è sì ultimo in classifica ma non avendo più nulla da perdere può riservarci qualche brutta sorpresa” e queste parole dell’allenatore granata sono state prese alla lettera dai giocatori eracleensi che hanno disputato una gara accorta mettendo sul campo grinta e determinazione. E’ il primo tempo che ha divertito in particolar modo i tifosi di fede granata, già al 6′ minuto gli ospiti trovano il gol del vantaggio: manovra corale dell’Eraclea che si conclude con un calibrato cross verso il centro area del Passarella dove la torre Bonetto si alza più in alto di tutti e di testa indirizza la sfera nell’angolino basso alla sinistra dell’incolpevole Moretto. L’aver presto sbloccato il risultato spalanca le porte della vittoria all’Eraclea, quattro minuti più tardi, al 10′, i granata sfiorano il raddoppio: Rosiglioni ben servito a centro area nonostante la favorevole posizione non se la sente di concludere e preferisce appoggiare sulla destra a favore di Follador il quale è invece pronto a calciare in porta ma è altrettanto pronto l’estremo Moretto a tuffarsi per deviare il pallone sopra la traversa. L’Eraclea è determinata a cercare almeno il secondo gol, per giocare poi più tranquillamente ed il raddoppio arriva poco dopo, al 15′ minuto, con la più bella azione dell’incontro: Rinaldi si sgancia sulla fascia sinistra dialogando con Rosiglioni, doppio e preciso scambio fra i due centrocampisti granata poi la sfera viene affidata al fluidificante Trevisan il quale palla al piede giunge fino a fondo campo da dove effettua un traversone verso il centro area della squadra di casa ed anche in questo caso Bonetto da dimostrazione delle sue doti acrobatiche tuffandosi per riuscire a deviare di testa un pallone a mezza altezza indirizzandolo a fil di palo alle spalle di Moretto. Al ventesimo minuto, il terzo gol degli ospiti nasce da un lungo rinvio del portiere Boso che arriva fino ai limiti dell’area del Passarella, il primo ad avventarsi sul pallone è Bonetto inutilmente contrastato dal suo diretto marcatore, Moretto decide di uscire dai pali, ma Bonetto gli prende il tempo calciando direttamente appena il pallone tocca terra, la violenta conclusione del centravanti granata rimpalla sul corpo del portiere, la sfera si inalbera per poi ricadere in fondo alla rete della porta della formazione di casa. Tre gol nei primi venti minuti, ora i granata cominciano a fare anche un po’ d’accademia come al 25′ quando Rinaldi controlla e difende palla nella zona mediana del campo per poi smistarla di precisione alla sua destra per lo scattante Bonetto, la punta ospite è inarrestabile nella sua discesa verso l’area avversaria, vi entra di gran carriera, dribbla anche il portiere in uscita e conclude poi da posizione defilata verso il secondo palo portando a quattro i gol di vantaggio per l’Eraclea. Per il momento l’Eraclea sembra paga della quaterna realizzata in nemmeno mezz’ora di gioco e per la prima volta rallenta preferendo il possesso di palla alla verticalizzazione. Il Passarella è stordito dal pesante svantaggio subito in poco tempo, ma cerca ugualmente di costruire qualcosa in attacco guadagnado però nel primo tempo solamente due calci d’angolo. Nella prima frazione di gara da segnalare per la formazione di casa anche un calcio di punizione battuto da Montemurro ed indirizzato verso l’angolo basso alla sinistra di Boso che è però pronto a rispondere tuffandosi per la parata. La ripresa, visto il risultato già abbondantemente acquisito dall’Eraclea è decisamente meno sfavillante del primo tempo, il Passarella è come un pugile suonato e barcollante e l’Eraclea non infierisce ulteriormente giocando prevalentemente a centrocampo e lasciando agli avversari ancora un paio di calci d’angolo che non sortiscono alcun effetto. A due minuti dal termine Bonetto realizza la sua personale cinquina, dopo una lunga serie di passaggi dell’Eraclea a centrocampo, classica di un finale di partita di questo tipo, la palla viene verticalizzata a favore di Bonetto spostato sulla sinistra del proprio fronte d’attacco, il centravanti granata cerca e trova un preciso spiovente che si trasforma in un pallonetto imparabile per il portiere del Passarella battuto per la quinta volta in questa gara. Grande euforia a fine gara per la formazione eracleense ora vicinissima alla salvezza definitiva, i giocatori granata si raccolgono a festeggiare Cristian Bonetto autore di una irripetibile cinquina. Buona la direzione di gara del giovane e promettente arbitro sandonatese, anche se il signor Marangon è stato certamente facilitato nel suo compito dalla grande correttezza sul campo dimostrata dalle due squadre.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*