12rit : San Stino di L. – Eraclea 1-1

SAN STINO ERACLEA
Madiotto
Battistel
Geretto
(71′ Missio)
De Pieri
Dariol
Presotto
Artico
(79′ Sartorello)
Sandrin
Maronese
Chillon
(77′ Tiso)
Lorenzon
All. Migotto
Teso An.
Zorzetto
Michelin
Boatto Al.
Basso G.
Pasian
(25′ Basso A.)
Giaretta
Cerchier
(64′ Boatto G.)
Lessi
(83′ Santin)
Follador
Turcato
All. Pattaro

Arbitro: Ministeri di Treviso 5

Marcatori: 34′ Maronese (SS), 91′ Boatto Al. (E)

Note

CRONACA:
Prima di questo incontro le due formazioni che si affrontavano, San Stino di Livenza ed Eraclea erano appaiate in classifica come punteggio, da quanto si è visto sul campo si sono equivalse e quindi a fine gara dopo un giusto pareggio continuano ad occupare sempre la stessa posizione a pari punti. La prima frazione di gara è stata poco entusiasmante, pochissime le occasioni da entrambe le parti con l’unica differenza che la formazione di casa grazie ad un calcio di punizione assegnato con grandissima generosità dall’arbitro riesce a sbloccare il risultato. Siamo al 34′ di gioco la punizione è assai insidiosa, Teso Andrea riesce ad intercettarla ma la sua respinta finisce fra i piedi di Maronese che da grande opportunista insacca portando in vantaggio il San Stino. Le cose cambiano nel secondo tempo, si vede da subito che la formazione ospite è molto più intraprendente e comincia a macinare gioco offensivo con la chiara intenzione di arrivare almeno al pareggio. Anche questa volta la formazione granata allenata da Luca Pattaro accusa alcune importanti defezioni causa infortunio, oramai gli eracleensi durante questo campionato si sono abituati a dover fare i conti con la sfortuna ed i giovani e giovanissimi che hanno di volta in volta sostituito gli assenti si sono sempre distinti per serietà ed impegno sul campo. I sanstinesi durante la ripresa badano più a cercare di contenere i tentativi offensivi dell’Eraclea piuttosto che cercare la via del raddoppio e non fanno tanti complimenti per raggiungere lo scopo prefissato, spesso nella zona centrale del campo i granata devono subire i calcioni degli avversari. Senza mai perdere la speranza i giovani eracleensi si spingono all’attacco, la loro manovra però si spegne spesso al momento dell’ultimo passaggio, quello decisivo, in questa maniera le occasioni da rete non sono molte, la prima arriva al 25′ grazie ad un tiro dalla lunga distanza di Follador che impegna il portiere Madiotto in una goffa deviazione a terra con palla che rimane nei pressi della porta senza che alcun granata riesca ad approfittarne per insaccare. Al 33′ ci prova il neo entrato Boatto Giuliano ad impensierire i padroni di casa, spalle alla porta riceve palla a centro area, stoppa e si gira prontamente calciando a rete ma la sua conclusione sorvola di poco la traversa. Se gli eracleensi sono poco fortunati durante il secondo tempo, bisogna dire che il San Stino con il minimo sforzo sta controllando un risicatissimo uno a zero e proprio quando i padroni di casa pensano di avercela fatta, al primo minuto di recupero arriva il meritato pareggio dei granata. E’ il 91′ quando il terzino Zorzetto, mai domo, scende sulla fascia destra e giunto al limite dell’area conquista un calcio di punizione che lui stesso batte scodellando verso il centro area dove il più lesto di tutti all’appuntamento con il pallone è Boatto Alessandro, il suo perentorio colpo di testa si infila imparabilmente sul sette alla destra dell’incolpevole Madiotto. Nei seguenti due minuti di recupero, l’insicurissimo direttore di gara si inventa un calcio d’angolo a favore del San Stino che crea un attimo di brivido alla difesa granata e subito dopo arriva anche il fischio finale che decreta un equo pareggio, un punto per ciascuno che rende tranquillissima la posizione di classifica di entrambe le formazioni. Per alcune strane indecisioni con relativo errore l’arbitraggio del signor Ministeri di Treviso è da considerarsi insufficiente, ma non disastroso.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*