13and : Eraclea – Burano 3-0

ERACLEA BURANO
Teso An.
Rippa
Boatto Al.
Bacchin
Michelin
Pasian
(14′ Dorigo)
Cerchier
(46′ Pasqual)
Rosiglioni
Boatto An.
Follador
Destito
(67′ Berton)
All. Pattaro
Costantini R.
Costantini A.
Rossi
Costantini F.
Cavarzeran
Bon R.
(63′ Costantini E.)
Lazzarini
Vitturi
Molin I.
D’Erto
(46′ Rizzo)
Dei Rossi
All. Rosso
 

Arbitro: Stevanato di Mestre 6,5

Marcatori: 31′ Cerchier (E), 54′ e 74′ Boatto An. (E)

Note

CRONACA:
L’Eraclea sembra proprio aver cambiato passo imboccando la giusta strada che porta all’alta classifica e sono i numeri a dimostrarlo: consideriamo gli incontri casalinghi dei granata, nelle prime cinque gare giocate in casa la squadra allenata da Luca Pattaro aveva collezionato due sconfitte, due pareggi ed una sola vittoria, nel mese di dicembre le cose sono decisamente cambiate con due brillanti vittorie entrambe per tre a zero nelle ultime due partite giocate fra le mura amiche. L’avversario di turno, il Burano, non ha però sfigurato anzi ha reso la vita difficile ad Andrea Boatto e compagni per lunga parte dell’incontro dimostrando di avere i numeri giusti per riuscire a risalire la china di una classifica al momento un po’ deficitaria per gli isolani. I primi 45 minuti non riservano grosse emozioni e bisogna attendere il 21′ per la prima nota di cronaca, è il buranello Lazzarini ad impegnare l’estremo granata Teso con un calcio di punizione che il portiere stendendosi in tuffo riesce a bloccare. In seguito l’Eraclea alla prima vera occasione da gol passa in vantaggio: è il 31′ minuto quando Rosiglioni effettua un lungo cross che taglia tutta l’area ospite, sul secondo palo è appostato Cerchier che svetta indisturbato di testa mandando il pallone alle spalle dell’incolpevole Riccardo Costantini. Un minuto più tardi il Burano sfiora il pareggio, gli isolani ottengono un calcio di punizione poco fuori del vertice sinistro dell’area granata, Dei Rossi lo calcia all’improvviso con una traiettoria assai insidiosa, ma prima che la palla possa infilarsi sotto la traversa Teso riesce con le punte delle dita a deviare la sfera in angolo. Con la cronaca si passa ora al secondo tempo, il Burano rientra in campo intenzionato a trovare il pareggio e dopo pochi secondi di gioco Dei Rossi servito sulla destra calcia prontamente verso la porta eracleense chiamando l’estremo Teso ad un non facile intervento. Poco dopo, al 2′ minuto di gioco, a seguito di una indecisione della difesa granata la palla giunge ancora a Dei Rossi che da ottima posizione spreca l’occasione calciando al lato. Passata indenne a questa breve sfuriata degli isolani l’Eraclea cerca il gol del raddoppio che ottiene al 9′ minuto grazie al tandem Destito-Boatto Andrea, il primo serve con precisione un pallone in profondità al proprio capitano il quale stringe verso il centro area resistendo all’attacco del diretto marcatore per poi finalizzare con un preciso diagonale che non lascia scampo a Riccardo Costantini. Subire il raddoppio può essere una vera doccia fredda, il Burano però non demorde e continua ugualmente con i suoi tentativi offensivi, ma quando non è sufficiente il filtro di centrocampo ci pensa la difesa eracleense a stoppare i pericoli di marca buranella. Ancora una volta gli ospiti si rendono pericolosi su calcio di punizione, è il 23′ quando Lazzarini sferra una gran conclusione su calcio piazzato, ma trova altrettanto pronta ed efficace la risposta del numero uno granata Teso che con un gran balzo riesce a sventare la minaccia deviando oltre il fondo il pallone in calcio d’angolo. Passa qualche minuto e l’Eraclea grazie ad un cinico contropiede assesta il colpo di grazia agli avversari: l’azione si svolge al 29′, l’instancabile Rosiglioni recupera palla a centrocampo e rilancia subito in profondità per Boatto Andrea che nel frattempo era scattato veloce, i difensori del Burano si fermano reclamando un fallo di mano commesso dal centrocampista granata, l’arbitro non è di questo avviso e fa proseguire, così il centravanti eracleense può prendere il tempo anche al portiere evitandolo per poi, invanamente inseguito da un difensore, depositare comodamente il pallone in rete. Sul risultato di tre a zero la partita può considerarsi conclusa, c’è ancora il tempo per segnalare un altro pericoloso contropiede con il solito servizio a favore di Andrea Boatto, questa volta il capitano granata anche a causa della stanchezza grazia gli avversari concludendo sul portiere. Grazie a questa limpida vittoria l’Eraclea rimane agganciata al gruppetto delle inseguitrici della capolista Cessalto, ora per i granata c’è l’impegnativa trasferta di Pramaggiore. Buono nel complesso l’arbitraggio del signor Stevanato di Mestre anche se facilitato dalla correttezza e dalla lealtà dei ventidue in campo.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*