13rit : Eraclea – Vigor 1-1

ERACLEA VIGOR
Boso F.
Amadio
Rippa
(55′ Pellegrin) 
Teso A. 
Boso M.
Zorzetto
Basei
Furlanetto
(86′ Filippi)
Lessi
Vandal
(71′ Imperi)
Follador
All. Pavan
Colauzzo
Moro
Stefanutto 
Pavan
Fantuz
Pellegrini
Tronchin
Buoso
(81′ Gallinaro)
Owusu
Bozzato
(91′ Grieco)
Olivieri 
All. Lescarini
 

Arbitro: Boato di San Donà di P. 6,5

Marcatori: 50′ Bozzato (V), 57′ Follador (E)

Note

CRONACA:
Eraclea e Vigor sono scese in campo con stati d’animo e necessità diverse: più tranquillo lo stato d’animo dei padroni di casa che navigano in una zona di classifica che si può definire tranquilla, al contrario degli ospiti che si trovano ancora invischiati nella lotta per evitare il terz’ultimo posto che significa spareggio retrocessione. La gara era valida come anticipo serale della tredicesima giornata di ritorno e le pessime condizioni del tempo durante le ore precedenti all’incontro avevano anche fatto pensare al peggio, ma dopo un sopralluogo del campo effettuato da arbitro e capitani si è deciso di dare inizio al match come era previsto per le ore 20.00. Ancora una volta in difficoltà per le varie defezioni mister Pavan è anche costretto a tenere in panchina i claudicanti Pellegrin e capitan Rosiglioni dando ancora fiducia e maglia numero dieci a Vandal dopo la buona prestazione sciorinata sul campo di Treporti. Il primo tempo termina a reti inviolate, ma non è certo stato noioso perchè le due formazioni hanno avuto almeno un paio di occasioni a testa per poter sbloccare il risultato. La prima è a favore della Vigor che conquista un calcio di punizione poco fuori del vertice destro dell’area granata che viene calciato in maniera insidiosa da Bozzato il quale con un secco rasoterra chiama Fabio Boso alla deviazione in tuffo. Risponde l’Eraclea al 10′ minuto quando Basei dimenticato dalla difesa ospite riceve palla sulla destra entra in area da posizione defilata affiancato dall’ultimo difensore e poi calcia in diagonale verso il secondo palo, il portiere non sembra in grado di potersi opporre, ma la palla è troppo angolata ed esce di poco al lato. Al 22′ la Vigor attacca sulla fascia destra, l’azione si conclude con un lungo cross verso il secondo palo dove il bomber africano Owusu arriva all’appuntamento con il colpo di testa ma da posizione favorevole non centra il bersaglio grosso mandando la palla a fondo campo. Quattro minuti più tardi l’Eraclea ribatte con una azione simile a quella degli ospiti che si sviluppa sulla sinistra con lancio finale verso il centro area dove Basei contrastato da un solo difensore colpisce la palla di testa dal limite dell’area piccola mandandola però fuori alla sinistra di Colauzzo che rimprovera i suoi compagni di reparto per la scarsa attenzione prestata al numero sette eracleense. Le due formazioni giocano a viso aperto anche per i restanti minuti del primo tempo puntando sulle veloci ripartenze senza però creare ulteriori occasioni da gol. Ad inizio ripresa l’imperativo per la Vigor rimane sempre lo stesso: cercare di sbloccare il risultato e mantenere il vantaggio fino alla fine della gara perchè i tre punti sarebbero importantissimi per la propria pericolante classifica. Il desiderio degli ospiti comincia a diventare realtà al 5′ minuto quando la formazione diretta da Lescarini può usufruire di un calcio di punizione da fuori area con palla in posizione decentrata sulla sinistra. Per la battuta si prepara Bozzato la cui conlusione filtra fra una selva di gambe, viene anche leggermente deviata da Furlanetto per poi infilarsi in porta alla destra di Fabio Boso che è in ritardo sul pallone perchè visto sbucare troppo tardi. Un solo minuto e l’Eraclea va molto vicina al pareggio con il giovane Vandal che sfrutta un preciso cross a suo favore per indirizzare la palla di testa verso il secondo palo, il portiere ospite sembra fuori causa ma la sfera esce di poco alla sua destra. Mister Pavan allora decide di rinforzare la linea offensiva mandando in campo Pellegrin, anche se un po’ claudicante, al posto del terzino Rippa e centoventi secondi dopo i fatti gli danno ragione. Il neo entrato difende caparbiamente la palla sulla trequarti da ben tre difensori che non riescono a portarla via alla mezza punta granata, a quel punto Pellegrin serve a favore di Follador il quale evita l’uomo che ha davanti creandosi lo spazio per la conclusione dai 20 metri che risulta letale per Colauzzo, la palla rimbalza poco prima di arrivare in porta e mette così fuori causa il tentativo del portiere di intercettarla in tuffo infilandosi nell’angolo alla sua destra. Al dodicesimo minuto quindi l’Eraclea ristabilisce il risultato di parità mentre per la Vigor è tutto da rifare. Si riparte con la formazione ospite in avanti anche se è l’Eraclea al 17′ minuto a sfiorare la seconda marcatura: azione sulla fascia destra, palla da Basei ad Alessio Teso il quale da fondo campo effettua il traversone verso il centro area dove Lessi cerca la conclusione al volo di prima intenzione, ma nonostante la favorevole posizione ancora una volta il numero nove granata non è preciso e nemmeno fortunato perchè la sfera esce di poco al lato alla destra del portiere ospite. La Vigor cerca di accelerare i tempi nel tentativo di riportarsi in vantaggio, ma si trova davanti un Eraclea attenta e tranquilla in fase di contenimento che non concede niente agli avanti avversari. Trascorrono inesorabili i minuti e gli ospiti non sono in grado di produrre un granché, solo un paio di calci di punizione dal limite che non sortiscono alcun effetto. Si giunge senza ulteriori emozioni al triplice fischio finale del signor Boato di San Donà di Piave che si è dimostrato fiscale in certe occasioni ma che nel complesso non ha diretto male l’incontro meritandosi la sufficienza piena. Assai imbronciati al rientro negli spogliatoi i componenti della formazione ospite, la Vigor porta a casa un solo punto che serve a poco per la sua pericolante classifica, mister Lescarini molto probabilmente si aspettava qualcosa in più da Owusu che è il capocannoniere del girone, ma il bomber africano ha trovato Mirko Boso in serata smagliante: il difensore granata gli ha concesso ben poco durante l’arco dei 90 minuti. Per l’Eraclea invece questo pareggio aggiunge sicurezza alla già tranquilla graduatoria.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*