14rit : Eraclea – Burano 2-1

ERACLEA BURANO

Mancuso
Ongaretto
Rippa
(60′ Turchetto)
Amadio
Teso
Nardin
Brugnerotto
Simonetto
(46′ Terreo)
Boem
Follador
Marian
(72′ Imperi)
All. Boer

Costantini
Zanella
Rosada
Giuman
Dei Rossi L.
Bon
D’Este
(44′ Dei Rossi F.)
Signoretto
(57′ Vidal)
Molin
Dei Rossi E.
Vitturi
(79′ Pinzan)
All. Cavarzeran

Arbitro: La Pietra di Portogruaro 6,5

Marcatori: 11′ Teso (E)(rig.), 28′ Dei Rossi E. (B), 74′ Dopo la rocambolesca sconfitta subita a San Michele le speranze dell’Eraclea di evitare i play-out erano ridotte proprio al minimo, nonostante questo la formazione diretta da mister Boer ha ugualmente affrontato la gara con il Burano con il chiaro proposito di ottenere i tre punti in palio, almeno per quanto ha fatto vedere durante il primo tempo. Già al 4′ minuto l’Eraclea va vicinissima alla marcatura, l’azione nasce dalla fascia sinistra che Simonetto percorre palla al piede fin quasi a fondo campo da dove effettua un calibrato traversone verso il centro area sul quale si avventa Marian che sovrasta nello stacco il proprio marcatore e di testa manda la palla a colpire in pieno la traversa con il portiere avversario fermo a guardare. Prosegue il buon momento iniziale dei padroni di casa che all’undicesimo usufruiscono di un calcio di punizione sulla trequarti di destra che viene calciato scodellando la palla verso il centro dell’area buranella nuovamente alla ricerca del colpo di testa di Marian che questa volta non può nemmeno tentare lo stacco perchè platealmente trattenuto alle spalle da un difensore avversario che gli si attacca alla maglia frenandolo, l’arbitro vede tutto e senza esitazione fischia indicando il dischetto del rigore fra le proteste degli ospiti. Dopo due penalty falliti in precedenza, uno da Turchetto e l’altro da Boem, questa volta è Teso a prendersi la responsabilità della battuta e lo fa indirizzando la palla alla sinistra di Costantini che è bravo ad intuirne la direzione ma non può raggiungere la sfera indirizzata a fil di palo. Passata in vantaggio l’Eraclea prosegue nelle sue folate offensive ma ora è anche il Burano a cercare la via del gol nel tentativo di ristabilire le sorti di parità, cosa che agli ospiti riesce alla prima indecisione della difesa eracleense: al 28′ minuto la squadra granata, che in realtà sfoggia una tenuta completamente bianca, dopo aver rintuzzato una incursione dei buranelli si sta alzando verso la metà campo avversaria ma nei pressi della zona mediana il Burano recupera palla e la rilancia in profondità cogliendo in contropiede Amadio e compagni, del rilancio è lesto ad approfittarne Enrico Dei Rossi che si inserisce tagliando fuori i difensori eracleensi e si presenta solo davanti a Mancuso del quale ne evita l’uscita e poi manda il pallone in fondo al sacco. I padroni di casa non demordono, in breve si riorganizzano ed al 35′ minuto vanno vicinissimi al nuovo vantaggio: lungo traversone dalla destra che attraversa tutta l’area ospite e termina sul versante opposto dove Simonetto si coordina per la battuta al volo con il risultato di colpire la seconda traversa del primo tempo a favore della formazione eracleense. Due minuti dopo ecco l’episodio che potrà influire sull’economia della gara, capitan Amadio a gioco fermo subisce un colpo proibito da Molin che l’arbitro sanziona con un cartellino rosso per il numero nove ospite. L’Eraclea cerca di mantenere la spinta offensiva ma il Burano risponde con delle veloci azioni di contropiede ed al 44′ minuto su un rilancio che spiove all’interno dell’area granata si avventano in contemporanea il portiere granata Mancuso in uscita ed il numero sette buranello D’Este, i due vengono a contatto e nell’occasione il giocatore ospite riporta una ferita al sopracciglio che lo costringe ad abbandonare il campo, al suo posto entra Federico Dei Rossi. Ad inizio ripresa mister Boer prova ad inserire Terreo al posto di Simonetto ma a dispetto della superiorità numerica l’Eraclea pare essersi assopita e non sembra più avere lo smalto del primo tempo, oltretutto il Burano continua a cercare delle sortite in contropiede con dei lunghi rilanci quasi sempre a favore di Federico Dei Rossi che mantiene in apprensione la retroguardia di casa, l’allenatore granata si sbraccia dalla panchina cercando di smuovere i suoi ragazzi aiutandosi anche con altri due innesti: prima quello di Turchetto e poi inserendo anche Imperi. E’ proprio quest’ultimo appena entrato ad avere una occasionissima per riportare in vantaggio la propria squadra: siamo al 28′ minuto la difesa buranella viene colta di sorpresa da un lancio centrale sul quale si inserisce Imperi ritrovandosi palla al piede a tu per tu con l’estremo difensore ospite, ma finisce per sprecare tutto calciando addosso proprio a Costantini. Il gol è però nell’aria ed arriva un minuto dopo: Boem viene servito sul vertice sinistro dell’area e tenta la penetrazione evitando in dribbling un paio di difensori ma non trova lo spazio per battere a rete allora serve a destra per Turchetto che controlla la sfera e poi calcia da distanza ravvicinata trovando però la grande opposizione del portiere Costantini che devia la conclusione ma non abbastanza per evitare che il pallone lo scavalchi e prosegua la sua corsa verso la rete entrandovi nonostante il tentativo di salvataggio sulla linea da parte di un difensore. La reazione del Burano viene ben controllata dall’Eraclea e dove non ci arrivano i difensori ci pensa l’estremo Mancuso che nel finale di gara salva in un paio di occasioni la propria porta: al 44′ minuto sventa una conclusione di Rosada, il terzino buranello prima si inserisce in area dalla sinistra e poi calcia secco da posizione defilata mirando al primo palo ma il numero uno eracleense non si fa sorprendere e devia con i pugni in calcio d’angolo, altrettanto non si fa sorprendere al quinto di recupero quando si allunga alla sua sinistra per deviare un velenoso calcio di punizione battuto da Pinzan. Di tutte le vittorie ottenute dalla formazione eracleense in questo campionato è probabile che questa risulterà essere la più inutile per la classifica visti i tre punti di svantaggio che continuano a separare l’Eraclea dalla Fossaltese, ma certamente questo successo porta allegria e morale allo spogliatoio granata in vista dei play-out, uno spareggio quasi certo che l’Eraclea potrà evitare solamente vincendo l’ultima gara in casa del Lugugnana, vittoria alla quale dovrà associarsi la contemporanea sconfitta della Fossaltese.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*