15rit : Aurora San Nicolò – Città di Eraclea 0-4

AURORA SAN NICOLO’

CITTA’ DI ERACLEA

Gastaldin
Lorenzon
Gaiatto
Trevisan
Gruarin
Nadalin
Rosini Giovanni
Cusin
Rosini Gianluigi
(63′ Moretto)
Zorzetto
(60′ Battiston)
Alba S.
(46′ Alba A.)
All. Puppo

Villa Stefano
Daneluz
Rosiglioni
Coppola
Vallese
Fasan
Villa Alberto
(66′ Zanusso)
Finotto
(71′ Stefanel)
Fregonese
Belloni
Marian
(66′ Turchetto)
All. Vio

Arbitro: Bellinvia Carmelo di Treviso

Marcatori: 37′ Rosiglioni (E)(rig.) 55′ Villa Alberto (E), 66′ Belloni (E), 77′ Fasan (E). 

CRONACA:
Per il Città di Eraclea questa stagione calcistica si conclude anzitempo e non di poco rispetto alle due precedenti quando la squadra granata dovette sudare a lungo per guadagnarsi la permanenza in categoria, in particolar modo lo scorso anno allorchè vinse la gara decisiva il 2 giugno. Di certo che quest’anno un periodo extra di gare lo si sarebbe giocato volentieri visto che si sarebbe trattato di play-off, le vacanze avrebbero potuto attendere senza rimpianti, ma come ben sappiamo non è andata a finire così. Con l’ottavo posto in classifica e con la certezza di non dover giocare ne i play-off ne tanto meno i play-out l’Eraclea ha raggiunto Portogruaro con la convinzione di voler salutare i propri sostenitori con una buona prestazione sul campo che possa almeno in parte addolcire l’amarezza per la mancata qualificazione agli spareggi promozione. Ci sono tutti i ragazzi a disposizione di mister Vio a parte Piovesan Federico che è squalificato, la gara con l’Aurora San Nicolò si gioca in un pomeriggio dalla temperatura estiva e nel classico campo da oratorio con delle dimensioni ridotte rispetto alla media ed un fondo duro la cui situazione è peggiorata dalla lunga mancanza di precipitazioni. Per questo motivo gli eracleensi stentano un po’ a trovare le giuste misure nella prima fase del match durante la quale alcuni lanci si perdono sul fondo od in fallo laterale. Nonostante questo nel primo quarto d’ora di gioco ci sono da segnalare un paio di chiare occasioni da gol a favore dell’Eraclea: all’ottavo minuto, dopo un batti e ribatti nell’area dell’Aurora la palla viene controllata da Finotto che prova la staffilata dai 20 metri sulla quale Gastaldin si inarca e riesce a deviare la sfera con la punta delle dita mandandola ad impattare sulla traversa. Tre minuti più tardi i granata colpiscono un altro legno, questa volta con Fregonese il quale dopo aver ricevuto palla sul lato destro dell’area conclude verso il palo più vicino colpendolo alla base. Dopo aver traballato nei primi minuti correndo alcuni rischi i padroni di casa cercano di organizzarsi ed anche se si denota un po’ di confusione in certi settori del campo costruiscono alcune azioni offensive che passano quasi tutte per i piedi di Zorzetto, ma non arrivano mai ad impensierire Villa Stefano. Trascorrono i minuti con l’Eraclea che colleziona angoli ma non trova ancora la conclusione vincente fino al 37′ minuto momento in cui si registra l’episodio che porta allo sblocco del risultato: i granata scendono sulla destra con Daneluz che giunge sulla trequarti per poi effettuare un traversone sulla cui traiettoria un difensore dell’Aurora salta a braccia larghe intercettando il pallone proprio con un braccio. L’arbitro non ha dubbi nell’assegnare la massima punizione a favore dell’Eraclea che capitan Rosiglioni trasforma calciando alla sinistra di Gastaldin il quale intuisce ma non arriva a deviare. La rete subita non demoralizza i padroni di casa che ad inizio ripresa hanno una doppia occasione per trovare il pareggio: al 6′ minuto una insidiosissima conclusione dalla lunga distanza di Giovanni Rosini sembra destinata ad insaccarsi sull’angolino basso alla sinistra di Villa Stefano il quale invece compie una grande parata allungandosi in tuffo e deviando il pallone con la punta delle dita. Un minuto dopo approfittando del momento favorevole l’Aurora spinge in avanti creando una mischia nell’area eracleense durante la quale vengono tentate un paio di conclusioni in porta da distanza ravvicinata, ma prima Villa Stefano e poi Vallese riescono a metterci una pezza deviando il pallone. Scampato il pericolo per l’Eraclea è giunto il momento di provare a mettere il risultato al sicuro ed al 10′ minuto trova proprio la rete del raddoppio: un calcio d’angolo viene battuto con palla a spiovere verso il secondo palo dove Villa Alberto è lesto a calciare in porta da breve distanza senza lasciare a Gastaldin la possibilità di opporsi. Ora la gara si mette in discesa per gli ospiti che giocano con maggior tranquillità mettendo in campo anche un paio di forze fresche: Zanusso e Turchetto in sostituzione di chi ha corso molto in un pomeriggio afoso come Villa Alberto e Marian. I granata continuano a spingere trovando un calcio di punizione al 21′ minuto che Coppola batte facendo spiovere palla verso il centro area dove Belloni controlla la sfera e poi la calcia a scavalcare il portiere, sulla linea c’è anche il tentativo di salvataggio in extremis di un difensore ma invano perchè la palla va a finire ugualmente in fondo alla rete. Al 32′ minuto il poker granata diventa realtà quando Turchetto riceve palla e la controlla difendendola ma allo stesso tempo subisce il fallo del suo marcatore alle spalle. Altro calcio di punizione a favore del Città di Eraclea con palla decentrata sulla sinistra, sul punto di battuta ci sono Belloni e Fasan, parte quest’ultimo che calcia direttamente in porta con una traiettoria che coglie di sorpresa Gastaldin che rimane fermo ad osservare il pallone che si insacca (nella foto). Appagata dalla quarta rete la formazione granata bada più a controllare la situazione negli ultimi dieci minuti mentre l’Aurora San Nicolò cerca almeno la rete della bandiera che non arriva nemmeno al 41′ minuto quando un’azione sulla fascia destra dei padroni di casa si conclude con un traversone sul quale c’è una bella girata di testa da parte del neo entrato Moretto che meriterebbe la gioia del gol se non fosse per la grande risposta del portiere eracleense che in tuffo va a togliere la palla dal sette alla sua sinistra con il conseguente applauso del pubblico per entrambi. La gara si conclude poco dopo e le due formazioni rientrano negli spogliatoi con due stati d’animo diversi: per i padroni di casa dell’Aurora non c’è tempo per pensare allo 0-4 appena subìto perchè ci si deve ora concentrare sui play-out e sul Torre di Mosto in una doppia gara che deciderà una stagione. Per il Città di Eraclea oltre all’euforia per la bella vittoria è già tempo di saluti con mister Vio in testa che ringrazia un po’ tutti quelli che gli sono stati vicini in questo campionato. Arrivederci alla prossima stagione calcistica!

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*