1a: Nuova Caorle – Città di Eraclea 4-3

NUOVA CAORLE 

CITTA’ DI ERACLEA

Padoan
Buoso
Corazza
Malocco
Rusalen
Geretto
Balduit
(70′ Martinazzi)
Cibin
Presotto
Corazza
Benatelli
(78′ Rizzetto)
All. Stefanutto

Villa Stefano
Daneluz
Di Fonzo
(80′ Terreo)
Fasan
Vallese
Piovesan Luca
Marian
(46′ Coppola)
Rosiglioni
(65′ Amadio)
Fregonese
Belloni
Turchetto
All. Storto


Arbitro: Cester di San Donà di P. 5,5

Marcatori: 15′ Benatelli (NC), 17′ Belloni (E), 38′ Malocco (NC), 65′ Presotto (NC), 66′ Fregonese (E), 73′ Presotto (NC), 80′ Fregonese (E) 

Note:

CRONACA:
Tutto, o quasi, nuovo per l’Eraclea in questa stagione calcistica: nuovo il nome che cambia da Unione Sportiva Eraclea, battezzato nel 1954, a A.C.D. Città di Eraclea, nuovo il Presidente e la società che regge, nuovi gli sponsor, nuovo l’allenatore che si è già dimesso durante il Trofeo Veneto e si è in attesa dell’ufficializzazione del suo sostituto, nuova in buona parte la rosa dei calciatori. Tutto nuovo a parte l’avvio di campionato, per la quinta volta consecutiva l’Eraclea perde la prima gara di campionato, si può dire che oramai questa è diventata una consuetudine negativa per la squadra granata. Il Città di Eraclea scende in campo con la chiara intenzione di giocare per la vittoria e lo dimostra dalle prime battute di gioco spingendosi con insistenza in avanti ma al primo contropiede degli avversari ecco la prima “frittata” della difesa granata: 15′ minuto del primo tempo su un rilancio del Nuova Caorle dalla mediana vanno a vuoto lisciando il rinvio prima Vallese e poi Fasan lasciando così via libera allo scattante Benatelli che punta solitario verso l’area e poi dal limite con un preciso rasoterra coglie l’angolo basso alla destra di Villa Stefano. L’Eraclea non risente più di tanto della rete subita tant’è vero che in soli due minuti arriva al pareggio con un’azione corale che viene fermata dai caorlotta in maniera fallosa per il conseguente calcio di punizione dai 20-22 metri sul quale Belloni lascia partire una terribile sventola che va ad insaccarsi all’incrocio dei pali nonostante il tuffo di Padoan che riesce solamente a toccare il pallone con la punta delle dita. Rinfrancata dall’immediato pareggio la squadra granata cerca anche la seconda rete, ma sono i padroni di casa ad essere più pericolosi in fase di conclusione al 28′ minuto a seguito di un calcio d’angolo con palla a spiovere verso il limite dell’area dove Malocco si esibisce in una rovesciata che chiama Villa Stefano ad un colpo di reni per riuscire a deviare la sfera sopra la traversa. La gara si mantiene viva con continui rovesciamenti di fronte, al 37′ di gioco Belloni serve un delizioso assist alla sua sinistra liberando Turchetto appena dentro l’area, ma il numero undici granata vanifica la buona occasione calciando in maniera debole e centrale, per Padoan una parata senza problemi. Come spesso succede al gol sbagliato segue un minuto dopo quello subìto, Vallese palla al piede sbaglia il rinvio e manda la sfera in fallo laterale, da questo nasce l’azione del nuovo vantaggio per i padroni di casa: triangolazione al limite dell’area ospite che libera Malocco appena dentro i 16 metri conclusione rasoterra di quest’ultimo non proprio irresistibile e palla in fondo al sacco alle spalle di Villa Stefano. Ad inizio ripresa mister Storto lascia Marian negli spogliatoi sostituendolo con Coppola nel tentativo di vivacizzare la manovra sulla fascia, il Città di Eraclea cerca da subito il pareggio andandoci vicina all’ottavo minuto a seguito di una conclusione di Turchetto dalla destra che l’estremo difensore di casa con fatica riesce a respingere in tuffo. Nei minuti seguenti il possesso di palla e la supremazia territoriale degli eracleensi non si traduce in gol anche perchè la difesa caorlotta sembra ben arroccata nella propria metà campo. Al 20′ su un rinvio del proprio portiere Rusalen stoppa palla a centrocampo un po’ goffamente ma riesce ugualmente a rilanciarla in profondità favorendo la fuga di Presotto lasciato colpevolmente solo sulla trequarti con Vallese che riesce a dribblare per poi concludere nel migliore dei modi la sua azione mettendo palla nell’angolo basso alla sinistra dell’incolpevole Villa Stefano. Nonostante il 3-1 l’Eraclea ha ancora una volta la giusta reazione riducendo le distanze un solo minuto dopo il gol subìto: l’azione nasce dai piedi di Piovesan Luca che imbecca Coppola, quest’ultimo è bravo nell’effettuare la sponda a favore di Fregonese che si inserisce velocemente prima di battere Padoan in uscita. Per il Città di Eraclea c’è ancora tempo per cercare almeno il pareggio, ma a quanto pare c’è anche tempo per commettere un’altra leggerezza al 28′ minuto quando il centrocampo granata perde banalmente la palla ed il Nuova Caorle è veloce a rilanciare a favore di un Presotto sempre in agguato sulla trequarti in attesa dell’occasione giusta per colpire in contropiede, anche questa volta il numero nove biancoazzurro lascia il segno scattando palla al piede verso destra e poi da posizione defilata trova lo spiraglio giusto per infilare la porta eracleense. Partita chiusa sul 4-2? Fregonese risponde no quando all’80’ sfrutta un preciso assist di Piovesan Luca per scattare in profondità, il centravanti ospite sembra decentrarsi un po’ troppo verso sinistra ma giunto quasi a fondo campo con un preciso diagonale sorprende Padoan sul secondo palo. Ci sono ancora dieci minuti a disposizione del Città di Eraclea per raggiungere il pareggio, ma dopo buona parte della gara giocata sotto la pioggia con il terreno allentato la stanchezza comincia seriamente a farsi sentire, i granata comunque non risparmiano l’assalto finale che si infrange inesorabilmente sul muro alzato dal Nuova Caorle a difesa del prezioso vantaggio. Il risultato di 4-3 non cambierà più, nemmeno nei 5 minuti di recupero concessi dal giovane ed indeciso arbitro sandonatese, per il Nuova Caorle quindi un avvio di campionato positivo, per il Città di Eraclea invece ci sono ancora alcune cose da aggiustare iniziando prima di tutto dal reparto difensivo.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*