1and : Eraclea – Jesolo 1-2

ERACLEA JESOLO
Boso F.
Zorzetto
Vallese
Follador
(86′ Teso A.)
Boso M.
Stefenel
Filippi
(38′ Imperi)
Teso J.
Lessi
Rinaldi
(76′ Pellegrin)
Rosiglioni
All. Pavan
De Vettor
Franzo
Mazzuia
(38′ Verreschi)
Maschietto
Mazzon
Zorzetto
Montagner
Babbo
Boatto
Guerrato
(75′ Giacchetto)
Brugnera
All. Beninato
 

Arbitro: Pavan di San Donà di P. 6

Marcatori: 42′ Lessi (E), 45’+1 Babbo (J), 90’+2 Boatto (J)

Note

CRONACA:
Come lo scorso anno l’Eraclea inizia il campionato con una sconfitta casalinga, ma la similitudine è solamente nel risultato di uno a due, perché la sconfitta subita l’anno scorso ad opera del Burano ci stava tutta mentre questa con lo Jesolo è decisamente immeritata. Rispetto alle gare di Coppa Veneto mister Pavan deve rinunciare agli infortunati Trevisan e Cibin, a centrocampo a far coppia con il solito Follador c’è l’esordiente Juri Teso che torna a vestire i colori granata dopo alcuni anni, mentre davanti il tecnico granata schiera il solo Lessi tenendo in panchina Pellegrin per far posto a Rinaldi. La neo promossa Jesolo memore della cavalcata vincente dell’anno scorso parte decisa con la chiara intenzione di mettere da subito in difficoltà la formazione granata. Per i primi venti minuti il possesso di palla è decisamente a favore degli ospiti i quali però non creano alcunché di pericoloso dalle parti di Fabio Boso, anzi è l’Eraclea ad andare vicina al gol al 18′ minuto quando capitan Rosiglioni batte un calcio di punizione dalla destra del fronte d’attacco eracleense con palla che attraversa tutta l’area jesolana e termina fuori di poco alla destra di De Vettor, nell’occasione Lessi a due passi dalla porta manca di un soffio il contatto con la sfera. Con il passare dei minuti va calando la sfuriata iniziale dello Jesolo e in contrapposizione cresce l’azione di rimessa dell’Eraclea che si presenta sempre più spesso dalle parti di De Vettor, durante una di queste manovre offensive bisogna purtroppo registrare un duro scontro di gioco fra Mazzuia e Filippi. I due rimangono doloranti a terra, l’eracleense subisce il danno più grave e viene portato fuori dal campo, per lui si parla di sospetta frattura al piede, a Davide Filippi vanno i migliori auguri di pronta guarigione. Grazie anche ai palloni recuperati a centrocampo da Juri Teso l’Eraclea intensifica l’azione offensiva fino ad arrivare al gol del vantaggio: al 42′ minuto Follador vede Lessi scattare centralmente e con una preciso assist taglia fuori la linea difensiva ospite in modo che il centravanti granata possa incunearsi solitario nel cuore dell’area jesolana, quest’ultimo evita poi l’uscita del portiere ed infine deposita facilmente il pallone in fondo alla rete. Manca poco alla fine del primo tempo e rientrare negli spogliatoi in vantaggio di un gol sarebbe cosa importante per l’Eraclea, ma al primo minuto di recupero lo Jesolo guadagna un calcio di punizione da posizione interessante. Della battuta se ne incarica Babbo il quale mira al secondo palo sorprendendo l’indeciso e mal piazzato Fabio Boso proprio sull’angolo che il portiere granata doveva coprire. Il repentino pareggio galvanizza la formazione ospite che inizia la ripresa allo stesso modo di come era partita nel primo tempo: al 7′ minuto Montagner riceve palla sulla destra evitando l’intervento difensivo di Stefenel serve a favore dell’accorrente Boatto che è lesto a controllare la sfera per poi lasciar partire un insidiosissimo tiro sul quale Boso si allunga in tuffo per la deviazione in angolo. Gli risponde il suo collega De Vettor un minuto più tardi inarcandosi per alzare in angolo una staffilata dal limite del granata Follador. La gara è piacevole e combattuta, l’innesto di Imperi sulla fascia destra al posto dell’infortunato Filippi sembra dare i suoi buoni frutti alla formazione allenata da Franco Pavan, l’Eraclea sale in cattedra e spinge sull’acceleratore creando varie inside alla porta jesolana. Al 16′ Follador riceve palla da Rosiglioni si accentra e poi lascia partire un gran diagonale che il portiere ospite riesce a mettere in angolo con un gran balzo alla sua sinistra. Molti sono i palloni giocati all’attacco da parte della formazione eracleense, ma sotto porta manca sempre la zampata vincente anche perché a difenderla c’è un attentissimo De Vettor. Pavan prova allora a giocare la carta Pellegrin nel tentativo di rafforzare il peso offensivo della sua squadra e proprio il neo entrato va vicinissimo alla marcatura al 35′ minuto quando spalle alla porta riceve un preciso assist in area di Rosiglioni, dopo un veloce controllo si gira e conclude da posizione ravvicinata ma l’estremo jesolano si supera riuscendo con la punta delle dita a deviare la minaccia in calcio d’angolo. l’Eraclea prova a vincere questa prima gara fino alla fine: al 90′ Lessi dal vertice destro dell’area ospite serve un pallone verso il vertice opposto dove il giovane Imperi calcia al volo sfiorando l’incrocio dei pali. Lo Jesolo che nel finale di gara ha solo subìto cerca un’azione di alleggerimento con il solitario Boatto il quale al 91′ guadagna un prezioso calcio d’angolo per far respirare la sua difesa. E’ l’ultima occasione del match, gli ospiti si riversano in massa nell’area granata tentando il colpaccio che manco a dirlo riesce proprio all’ex di turno Andrea Boatto, astuto nell’impedire l’uscita a Fabio Boso sulla palla che spiove all’interno dell’area piccola e lesto nel sospingerla in fondo al sacco nonostante il tentativo di deviazione sulla linea di Juri Teso. Non c’è più tempo, la gara finisce così con un gol di rapina a tempo scaduto che lascia molto amaro in bocca alla generosa, sfortunata, ma anche ingenua formazione granata. Le premesse comunque lasciano ben sperare per l’immediato futuro della squadra diretta da Pavan mentre per lo Jesolo l’inizio di campionato da neo promossa non poteva andar meglio. Sufficiente la direzione di gara del signor Pavan di San Donà, molte piccole sbavature ma nessun errore grave.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*