2and : Basalghelle – Eraclea 2-1

BASALGHELLE ERACLEA
Basso
Marchese
Costella
Anzanello
(50′ Giust)
Boscariol
Saccon
Mateescu
Cavezzan
(85′ Carlet)
Cancian
Faldon
(77′ Tonon)
Piccini
All. Prizzon
Boso
Rippa
(46′ Follador)
Trevisan
Vettoretto
Teso
Michelin
Boatto
(80′ Santin)
Rosiglioni
Lessi
Rinaldi
Pasqual A.
(72′ Rizzetto)
All. Bergamo

Arbitro: Marian di San Donà di P. 6

Marcatori: 20′ Cancian (B), 31′ Pasqual A. (E), 65′ Piccini (B)

Note Espulsi Cancian (B) al 40′ e Teso (E) al 60′ per doppia ammonizione

CRONACA:
Bisogna tornar indietro fino al campionato 1998/99 per trovare un’altra partenza di campionato con due sconfitte per l’Eraclea, allora l’Eraclea guidata da De Pieri perse le prime due gare con l’Ormelle ed il Torre di Mosto. Questa è un’Eraclea diversa e tecnicamente impoverita rispetto ad allora perchè mancano alcuni giocatori che ora militano in categorie superiori e dall’attuale gruppo non si può pretendere molto di più di quello che stà dando. Rispetto alla prima gara di campionato persa senza attenuanti contro il Burano, i granata hanno già dimostrato dei progressi contro il Basalghelle costruendo varie occasioni da gol ma finalizzandone una sola anche per la grande giornata di grazia del portiere trevigiano Basso. Mister Bergamo può contare sul rientro di Follador, ma deve purtroppo fare i conti con un reparto difensivo nuovamente rivoluzionato per le assenze di capitan Zorzetto, Cibin, Bacchin e Nesto. Le conseguenze di queste importanti defezioni si vedono ben presto, già al 5′ minuto del primo tempo arriva il primo grosso brivido per l’Eraclea quando Mateescu si ritrova solitario davanti a Boso anche se poi lo grazia calciando al lato la favorevolissima occasione. La risposta dell’Eraclea arriva tre minuti più tardi con Lessi che ben servito in area non trova di meglio che calciare addosso al portiere. Al 20′ i padroni di casa passano in vantaggio con un bella rete di Cancian il quale può tranquillamente ricevere palla per poi, in area, liberarsi sia di Rippa che di Michelin e realizzare il gol con una gran bordata che si infila sotto la traversa senza lasciare una minima possibilità all’incolpevole Boso. Dieci minuti dopo, alla mezz’ora, l’Eraclea va vicinissima al pari: su azione d’angolo Lessi svetta di testa mandando la palla all’incrocio dei pali, ma il portiere Basso si supera volando a deviare con la punta delle dita. Il pareggio è nell’aria e arriva un minuto più tardi grazie a Pasqual A. pronto a scattare sul filo del fuorigioco trovandosi così solitario davanti a Basso che non perdona grazie ad un preciso diagonale. Ad inizio ripresa mister Bergamo toglie un difensore per Follador, chiara la mossa del tecnico granata che a quel punto in superiorità numerica per l’espulsione di Cancian vuole vincere la gara. Per i primi tredici minuti del secondo tempo l’Eraclea costringe alla difensiva i padroni di casa i quali faticano anche a passare la metà campo. Il Basalghelle può però contare sulla giornata di grazia del proprio portiere che al 3′ minuto compie un altro miracoloso salvataggio quando Vettoretto con una gran sventola dalla lunga distanza indirizza la palla verso l’incrocio ma Basso riesce anche questa volta a distendersi in tuffo per la deviazione. Al 13′ le cose cambiano perchè anche il granata Teso viene espulso per doppia ammonizione, l’Eraclea comincia a calare ed il Basalghelle riprende coraggio trovando al 20′ anche la rete del definitivo vantaggio. Non sappiamo bene se definirlo come il classico gol della domenica od una magistrale esecuzione quella che ha permesso a Piccini su calcio piazzato di aggirare la barriera e di mettere la palla dalla parte opposta di Boso il quale non ha potuto nemmeno muoversi ma solamente raccogliere la palla finita in fondo alla rete. Nonostante la doppia mazzata dell’espulsione e del gol dello svantaggio l’Eraclea non si perde d’animo e cerca di riagguantare il pareggio, ma il Basalghelle negli ultimi venti minuti è squadra molto attenta a chiudere tutti gli spazi e controlla senza correre grossi pericoli la reazione offensiva dei granata. Da menzionare nei minuti di recupero un’altra grande parata di Basso che vola a deviare in angolo una insidiosissima conclusione di Follador salvando ancora una volta il risultato a favore del Basalghelle. Allegria fra i padroni di casa al termine della gara, dopo la sconfitta subita a Chiarano nella prima giornata di campionato raccolgono i primi tre punti della stagione al contrario dell’Eraclea che rimane ancora a bocca asciutta. Domenica prossima per i granata c’è il consueto combattutissimo derby contro il Ponte Crepaldo, gli eracleensi a questo punto non possono e non devono più commettere errori.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*