2rit : Eraclea – Bibione 1-1

ERACLEA BIBIONE
Boso
Zorzetto
Boatto Al.
Vettoretto
Stefenel
Furlanetto
Bacchin
(55′ Cibin)
Boatto G.
(87′ Rizzetto)
Boatto An.
Rosiglioni
Lessi
(66′ Berton)
All. Biancotto
Moretto
Tolomio
(47′ Baldo D.)
Buttò
Scodeller
Etro
(87′ Cepparo)
Fornaro
Bettin
Barchetta
Blasigh
Ramon
Anzolin
All. Baldo
 

Arbitro: Peruch di San Donà di P. 5,5

Marcatori: 65′ Boatto An. (E), 93′ Buttò (B)

Note

CRONACA:
Arriva anche il quarto pareggio consecutivo per un’Eraclea sempre più abulica che sembra aver rinunciato a qualsiasi velleità di promozione. E’ curioso il fatto che nelle ultime tre gare disputate i granata dopo essere passati in vantaggio non siano riusciti in nessuno dei tre casi a mettere al sicuro la vittoria o almeno a mantenere il gol di vantaggio, con il Bibione si sono addirittura fatti raggiungere al 93′ minuto proprio nell’ultima azione concessa dall’arbitro. L’Eraclea terza in classifica affrontava il Bibione penultimo, ma sul campo tutta questa differenza non si è vista. Gli ospiti hanno cercato di sopperire a questa differenza con una gara basata sull’agonismo e sul pressing, gli eracleensi hanno forse sottovalutato l’impegno mostrando una certa sufficienza già dalle prime battute. Per questi motivi la prima mezz’ora di gioco trascorre senza il minimo palpito per i pochi tifosi granata presenti in tribuna, gli unici fra l’altro ad occupare le gradinate in quanto il Bibione è sembrato non avere proprio nessuno al seguito. La prima segnalazione di cronaca arriva solamente al 37′ minuto quando un secco tiro dalla lunga distanza di Fornaro viene bloccato a terra dal portiere eracleense Boso. Due minuti più tardi Alessandro Boatto lancia lungo a favore del fratello Andrea il quale, invanamente inseguito dal marcatore, appena entrato in area da posizione un po’ decentrata conclude verso la porta avversaria ma trova l’estremo Moretto pronto al salvataggio con una deviazione di piede. La ripresa inizia con un cambio forzato per il Bibione, gli ospiti al 2′ minuto sostituiscono l’infortunato Tolomio con Baldo ed un minuto più tardi l’Eraclea ha una ghiotta occasione per portarsi in vantaggio: Giuliano Boatto recupera palla sulla fascia destra del centrocampo e serve prontamente per Lessi il quale in velocità imbocca il giusto corridoio per presentarsi solitario davanti a Moretto, ma con l’ultima falcata si allunga un po’ troppo la palla e finisce per trovarsi troppo sotto al portiere che è bravo a chiudergli lo specchio della porta e a respingere col corpo la sua ravvicinata conclusione. All’undicesimo minuto è ancora Giuliano Boatto l’assist-man dell’Eraclea quando cambia gioco scodellando il pallone da destra verso sinistra a favore di Andrea Boatto, il capitano granata giunge così palla al piede fino al vertice dell’area ospite da dove conclude verso la porta difesa da Moretto che nell’occasione riesce fortunosamente a deviare con il corpo la palla in angolo. Ancora l’Eraclea protagonista in fase offensiva al 17′ momento in cui si crea una mischia nell’area del Bibione, dopo un batti e ribatti la palla giunge a centro area fra i piedi di Giuliano Boatto che controlla e calcia in porta ma la sua conclusione, anche se di poco, sorvola la traversa mancando una buona occasione. ll gol è però nell’aria ed arriva al 20′: punizione dai 20 metri di Vettoretto respinta dalla barriera, Cibin si avventa sul pallone ma invece di concludere serve centralmente per Andrea Boatto, il numero nove granata appostato a centro area controlla il pallone e batte senza grandi difficoltà Moretto che nulla può fare per evitare lo svantaggio al Bibione. Mancano ancora venticinque minuti al termine, un po’ troppi per contare su un solo gol di vantaggio, mister Biancotto sperando che i suoi possano a quel punto giocare in contropiede sostituisce Lessi con Berton, ma l’Eraclea dopo i primi venti minuti del secondo tempo giocati all’attacco si spegne all’improvviso e permette così al modesto avversario di poter sperare nella rimonta. Trascorrono i minuti con gli ospiti che spingono in avanti animati da tanta buona volontà ma scarsa pericolosità in fase conclusiva e fino al 90′ non c’è nient’altro di particolare da segnalare. Inizia il periodo di recupero concesso dall’arbitro ed i granata si sono oramai illusi di avercela fatta, invece al termine del terzo minuto arriva beffardo il pareggio per il Bibione: è l’ultima azione della gara, un calcio d’angolo a favore degli ospiti spiove nei pressi della porta eracleense, Rosiglioni riesce solamente a sfiorare il pallone di testa sbuca all’improvviso il terzino Buttò al quale invece riesce un pieno impatto di testa con la sfera che viene schiacciata per terra prima di finire in fondo alla rete alla sinistra di Boso. Incontenibile la gioia fra le fila del Bibione, grande delusione invece fra i granata che subiscono ancora una volta il pareggio con l’unica vera conclusione in porta subita dagli avversari. Non proprio sufficiente la prova del giovane arbitro sandonatese, il signor Peruch nella ripresa ha invertito più di qualche decisione assegnando alcuni calci d’angolo e punizioni inesistenti.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*