2rit : Jesolo – Eraclea 1-3

JESOLO ERACLEA
Zentil
Moro
Cappelletto
(80′ Campardo)
Zorzetto
Baiana
(67′ Visentin)
Montagner
Girardi
Mazzon
Rossignoli
(85′ Mazzuia)
Saramin
Pasqual
All. Zanotto
Teso An.
Zorzetto
Pinato
Boatto Al.
Basso
Teso Al.
Turcato
Schiavon
Lessi
(82′ Vallese)
Boatto An.
(Boatto G.)
Pasian
All. De Pieri
 

Arbitro: Giada di Venezia 6

Marcatori: 9′ Teso Al. (rig.)(E), 16′ Saramin (J), 56′ Boatto An. (E), 64′ Lessi (E)

Note

CRONACA:
Grazie ad un secondo tempo giocato molto bene l’Eraclea si aggiudica il match di ritorno con lo Jesolo, una vittoria che alla fine non fa una grinza. La prima frazione di gara offre un buon spettacolo ai presenti sugli spalti, entrambe le formazioni dimostrano di voler giocare per la vittoria e creano più di una occasione da gol. L’Eraclea va presto in vantaggio, sono passati solo otto minuti dal fischio iniziale quando Boatto Andrea, palla al piede, in dribbling entra in area dove viene fallosamente ostacolato ed atterrato da Baiana, l’arbitro non ha dubbi si tratta di calcio di rigore, le proteste jesolane sono pacate e così ben presto Teso Alessio può piazzare la palla sul dischetto per poi realizzare la massima punizione cogliendo l’incrocio dei pali e rendendo inutile il tuffo del portiere. All’undicesimo sono ancora i granata a rendersi pericolosi con una punizione dalla lunghissima distanza di Boatto Andrea che viene deviata in angolo dal portiere jesolano Zentil prima che il pallone possa infilarsi sotto la traversa. Al 13′ c’è la prima palla-gol per lo Jesolo con una mezza girata al volo di Rossignoli che sfiora il palo. Tre minuti più tardi i padroni di casa pervengono al pareggio, l’arbitro assegna loro un calcio di punizione dal limite, della battuta se ne incarica Saramin che indirizza il pallone verso l’angolo coperto dal portiere granata, la sfera rimbalza prima di arrivare in porta e per Teso Andrea, tuffatosi leggermente in ritardo, non c’è nulla da fare. Lo Jesolo è galvanizzato dal repentino pareggio ed ha un buon momento nella zona centrale del primo tempo, dal canto suo l’Eraclea non vacilla mantenendo tranquillità e controllo della situazione, passano così i minuti senza ulteriori grossi scossoni fino al 41′ quando una gran sventola da fuori area di Saramin indirizzata sotto la traversa chiama Teso ad una difficile risposta, il portiere granata riesce a salvare la sua porta deviando la sfera in angolo. Terminano i primi 45 minuti con una leggera supremazia territoriale dei padroni di casa, ma al rientro dagli spogliatoi con il passare dei primi minuti della ripresa si ha la sensazione che le cose siano cambiate, l’Eraclea prende a macinare un tambureggiante gioco offensivo e lo Jesolo va lentamente scomparendo perdendo sempre più terreno, la seconda rete per i granata sembra nell’aria e difatti questa arriva all’undicesimo a causa di un infortunio della difesa jesolana, su un retropassaggio verso il portiere si inserisce con grande tempismo Boatto Andrea che di testa riesce ad aggirare l’estremo Zentil in uscita e poi desposita il pallone nella porta sguarnita. Gli jesolani ora sono costretti ad aprirsi di più e per i granata è giunto il momento del contropiede, al 19′ su una veloce azione di rimessa dopo un paio di precisi scambi viene liberato sull’estrema destra Turcato, il numero sette ospite scodella un delizioso assist a centro area per l’incombente Lessi il quale con un preciso diagonale non lascia scampo a Zentil infilandolo alla sua destra. Ci sono ancora più di 25 minuti per le speranza di recupero dei padroni di casa, ma per gli jesolani non è giornata, la squadra di De Pieri controlla senza pericoli gli sterili tentativi offensivi degli avversari e manca anche un paio di grosse occasioni da gol in contropiede perdendo così la possibilità di rendere ancora più cospiquo a proprio favore il risultato finale, clamorosa quella avuta da Boatto Alessandro che fa tutto bene nello smarcarsi in area e poi con la porta spalancata invece dell’ovvia conclusione a rete opta per l’assist verso un compagno che termina nel nulla. Con questa importante e meritata vittoria l’Eraclea rimane a cinque punti dalla capolista ed ora occupa la quarta posizione, per le speranze di promozione ora ci si aspetta una certa continuità di risultati positivi. Dall’altra sponda lo Jesolo sembra in grado di potersi tranquillamente salvare.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*