2rit : Torre di Mosto – Eraclea 0-3

TORRE DI MOSTO ERACLEA
Orlando
Pizzuto
Pasquon V.
Clementi
Lorenzon
(78′ Pasquon A.)
Mazzarotto I.
(78′ Rubin)
Marcini
Rosan
(55′ Bigaran)
Pasqualini
Mazzarotto L.
Puppulin
All. Tamai
Conte
Cappelletto
Buratto F.
Pasian
Basso
Buratto M.
Zorzetto
(62′ Pinato)
Mattiuzzo
(83′ Teso)
Bisiol
(72′ Turcato)
Giacchetto
Boatto
All. De Pieri

Arbitro: Bordin di Castelfranco 5,5

Marcatori: 40′ e 75′ Boatto (E), 90′ Turcato (E)

Note

CRONACA:
Non è stato un match entusiasmante quello che vedeva di fronte i padroni di casa del Torre di Mosto, che nell’occasione hanno fatto vedere tutti i loro limiti, e gli ospiti dell’Eraclea anche loro bisognosi di far risultato per rimpinguare un’avara classifica, ma al contrario degli avversari hanno dimostrato di avere qualcosa di più consistente in campo. L’Eraclea ritorna a casa con i tre punti in tasca grazie all’opportunismo di un ritrovato Boatto Andrea il quale è stato lestissimo, una volta per tempo, ad approfittare di due palle vacanti in area torresana anticipando in entrambe le occasioni la distratta difesa degli avversari. Non si vede molto durante il primo tempo, il gioco di entrambe le squadre latita, i due centrocampi non riescono a costruire qualcosa di valido per le punte, nella prima mezz’ora l’unico sussulto per il pubblico presente arriva al 17′ quando Pasqualini viene lanciato in profondità e trovato un corridoio centrale libero si invola tutto solo verso l’area granata, ma si fa parare la conclusione calciando fiacco e centrale sul portiere Conte in uscita, spreca così una grossa occasione per portare in vantaggio il Torre di Mosto. Col passare dei minuti l’Eraclea prende coraggio agendo per lo più sulle fasce ed è proprio da un’azione portata avanti sulla fascia destra da Bisiol al 40′ che il risultato si sblocca, il centravanti granata effettua un tiro cross verso la porta avversaria che il numero uno torresano non riesce a trattenere per la gioia di Boatto Andrea il quale a tre-quattro metri dalla linea di porta si vede capitare il pallone fra i piedi e non ci pensa due volte a spingerlo dentro. Inconsistente la reazione dei padroni di casa e così le due squadre vanno al riposo sul risultato di zero a uno, durante la ripresa l’Eraclea controlla abbastanza agevolmente gli sterili tentativi di pareggio dei torresani che col passare dei minuti dimostrano di avere le idee sempre più annebbiate fino ad arrivare a capitolare verso la mezz’ora di gioco a causa di una seconda “dormita” su un altro pallone vagante in area di rigore, inutile dire che è nuovamente l’opportunista ed attento Boatto ad approfittare dell’occasione infilando l’angolo destro della porta del Torre di Mosto. Prima del novantesimo c’è da registrare una sceneggiata sul campo della mezz’ala torresana Mazzarotto L., il quale, con l’ennesima e pesante sconfitta che stà maturando, dà all’improvviso in escandescenza sbraitando e gesticolando con l’arbitro che invece di mandarlo sotto la doccia rimane stupito ad osservarlo, imitato anche dal suo guardalinee che entra in campo a protestare con il direttore di gara per un fallo laterale che a suo parere non è stato concesso, anche in questo caso la giacchetta nera (sbagliando) chiude un occhio risparmiando l’espulsione al guardalinee. I padroni di casa in pieno marasma si sbilanciano completamente negli ultimi minuti fornendo così il fianco al contropiede granata, è il neo entrato Turcato ad essere lanciato al 90′ tutto solo verso la porta torresana, l’attaccante eracleense parte dal centrocampo e dopo una lunga sgroppata giunto al limite dell’area osserva la posizione del portiere e poi lo trafigge con un preciso diagonale che va ad infilarsi sull’angolino basso. Con la terza rete dell’Eraclea termina anche l’incontro, di positivo per i granata, oltre all’importante vittoria che fa classifica e morale, c’è il rientro da titolare di Boatto Andrea che dopo un lungo periodo di assenza non poteva trovare modo migliore di ripresentarsi che quello di realizzare una bella doppietta in una squadra che proprio nel gol ha il suo maggiore problema.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*