3and : Aurora San Nicolò – Eraclea 1-1

AURORA S.N. ERACLEA
Vendrametto
Marson
Bittolo Bon
Lessing
Serpieri
(79′ Biasotto)
Sorgon
Greco
Vivan
Grieco
(64′ Nadalin)
Fratter
Rauso
All. Della Bianca
De Stefani
Cappelletto
Buratto F.
Pinato
Zorzetto
Buratto M.
Piovan
Boatto An.
Pasini
(62′ Tonello)
Pasqual G.
Giacchetto
(47′ Pasian)
All. De Pieri


Arbitro: Orlando di Treviso 5,5
 
Marcatori: 16′ Giacchetto (E), 74′ Buratto M. (E)(aut.)

Note Espulso: Buratto F. (E)

CRONACA:
Le due formazioni avevano entrambe necessità di cancellare lo zero in classifica ed alla fine ne è uscito un pareggio che non accontenta nessuno: il San Nicolò perchè giocava in casa e l’Eraclea che ha gettato al vento l’occasione di portare a casa i tre punti quando a tre minuti dalla fine ha fallito un calcio di rigore. Le due compagini trascorrono i primi minuti giocando prevalentemente a centrocampo senza scoprirsi più di tanto per non correre rischi, ma alla prima vera occasione da gol l’Eraclea è già in vantaggio: è il 16′ quando il terzino sinistro Buratto Federico calcia una punizione dal vertice sinistro dell’area indirizzando un velenoso pallone verso la porta che il portiere Vendrametto non riesce a trattenere respingendo corto, il più lesto ad approfittarne è Giacchetto che insacca. I padroni di casa cercano di reagire alla rete subita, ma sono confusionari nelle loro azioni offensive, a loro favore c’è da registrare solamente una leggera supremazia territoriale e nessuna vera palla-gol, anzi è l’Eraclea ad avere un’altra buona occasione alla mezz’ora con Buratto F. che impegna nuovamente il portiere da fuori area con una parata a terra. Ancora i granata pericolosi al 35′ con Boatto che lanciato in contropiede entra in area e si trova solo davanti al portiere, ma vanifica l’occasione calciando sul portiere in uscita. Il primo tempo termina con il San Nicolò in avanti alla ricerca del pareggio, ma senza essere mai riuscito a creare una vera palla-gol e la ripresa inizia alla stessa maniera con i minuti che trascorrono senza episodi degni di nota fino al 60′ momento in cui Boatto impegna il portiere di casa a seguito di un calcio di punizione. L’Eraclea controlla l’avversario senza correre grossi rischi fino alla metà del secondo tempo quando il San Nicolò sfodera gli unici cinque minuti veramente pericolosi di tutto l’incontro: al 71′ il portiere granata De Stefani è chiamato nel giro di trenta secondi a due impegnative deviazioni in angolo ed al 74′ arriva il pareggio dei padroni di casa. Il San Nicolò batte un calcio di punizione dalla lunga distanza, il tiro è forte ma senza grandi pretese se non fosse per una sfortunata deviazione, in mezzo all’intasatissima area la sfera incoccia sulla schiena di Buratto Michele e la deviazione mette fuori causa De Stefani. Nei minuti che seguono i padroni di casa sulle ali dell’euforia dovuta al pari provano a far loro l’intera posta in palio senza però raggiungere grossi risultati se non quello di “lasciare” l’Eraclea in dieci per l’espulsione di Buratto Federico che a giudizio del direttore di gara avrebbe commesso un pericoloso fallo ai danni di un avversario: in realtà era un semplice sgambetto! Il tentativo finale di arrembaggio del San Nicolò lascia spazi al contropiede granata e così al 86′ Boatto penentra veloce in area dove viene atterrato con il conseguente fischio dell’arbitro che indica il dischetto del rigore. Della massima punizione si incarica lo stesso Boatto che calcia a mezza altezza un pallone che va a colpire il palo alla destra del portiere di casa, scampato pericolo per il San Nicolò e gol della vittoria mancato per l’Eraclea. E’ l’episodo finale di un incontro non molto bello da vedersi ma combattuto su un terreno reso pesante dall’abbondante pioggia. Discreta la direzione di gara che avrebbe meritato la sufficienza se su questa non gravasse l’esagerata espulsione di Buratto Federico.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*