3rit : Sangiorgese – Eraclea 2-2

SANGIORGESE ERACLEA
Munerotto
Battistutta
Bincoletto
Bozzetto
Lessi N.
Vian
(75′ Bardella)
Perissinotto
(63′ Salvador)
Moretto
Gallo
Soncin
(46′ Padovese)
Boatto M.
All. Fornasier
Boso
Zorzetto
Furlanetto
Cibin
Stefenel
Schiavon
(43′ Giaretta)
Boatto Al.
Vettoretto
(61′ Rinaldi)
Berton
(89′ Rizzetto)
Rosiglioni
Lessi
All. Biancotto

Arbitro: Leonardi di San Donà di P. 4,5

Marcatori: 20′ Vian (S)(rig.), 24′ Lessi (E), 72′ Giaretta (E), 74′ Salvador (S)

Note

CRONACA:
L’Eraclea non perde più da oltre due mesi, ma allo stesso tempo non riesce neanche a vincere, con questo sono cinque i pareggi consecutivi inanellati dalla formazione diretta da Nicolaj Biancotto, una striscia di risultati del tutto particolare. Curioso è anche il fatto che nelle ultime quattro gare i granata dopo essersi trovati in vantaggio si siano poi fatti raggiungere. Nonostante la nebbia incombente, il campo pesante ed un arbitraggio da dimenticare il match fra Sangiorgese ed Eraclea è stata una gara combattuta senza risparmio di energie e divertente per il pubblico presente in tribuna. Parte di gran carriera la Sangiorgese cercando di mettere in difficoltà l’Eraclea con un pressing a tutto campo e lunghi rilanci sulle palle recuperate, ma i granata non si fanno sorprendere e con assoluta tranquillità rintuzzano la foga offensiva dell’avversario rispondendo con delle azioni manovrate. Al 19′, però, un episodio modifica gli equilibri in campo: in fase di rimessa il centrocampo granata perde palla e quello sangiorgese è lesto a rilanciare lungo a favore di Gallo spostato sul vertice sinistro del proprio fronte d’attacco, la punta del San Giorgio entra in area ed arriva quasi a fondo campo dove per liberarsi della marcatura di Schiavon gli assesta una gomitata al volto liberandosi così del difensore eracleense, un istante dopo arriva in recupero Cibin il quale nel tentativo di chiudere l’oramai solitario attaccante finisce per far cadere l’avversario e l’arbitro ignorando la gomitata del sangiorgese assegna il rigore ai padroni di casa. Come nell’incontro dell’andata è Vian l’incaricato a trasformare la massima punizione mettendo la palla alla destra dello spiazzato Boso. Quattro minuti più tardi l’Eraclea rimette in parità il risultato con un’ottima e veloce azione manovrata: Zorzetto si sgancia sulla fascia destra e porta palla fino alla trequarti per poi servire a favore di Berton il quale di prima intenzione allunga per Alessandro Boatto anche lui velocissimo a rimettere verso il centro area dove Lessi con una pregevole mezza girata coglie il sette alla destra di Munerotto, un gran gol a coronamento di una veloce azione. Al 35′ l’Eraclea costruisce un’altra azione simile a quella del gol, l’ultimo passaggio è sempre per Lessi, ma questa volta la conclusione del numero undici granata è meno angolata della precedente e Munerotto può stendersi a terra per bloccare la sfera. Arriva dopo due minuti la risposta dei padroni di casa con un insidioso calcio di punizione battuto da Soncin da posizione decentrata la cui traiettoria finisce per colpire la parte alta della traversa. Al 42′ termina la gara di Schiavon colpito duramente al ginocchio da una entrataccia fuori tempo di Bozzetto che rimedia il giallo, ma poteva anche starci qualcos’altro, il difensore eracleense abbandona dolorante il campo e viene sostituito da Giaretta. Con la cronaca si passa ora al secondo tempo: al primo minuto una gran sventola di Vettoretto su calcio piazzato dalla lunga distanza sfiora il palo alla destra di Munerotto che nell’occasione sembrava in ritardo. Un minuto più tardi su un capovolgimento di fronte Gallo ha una grande occasione per riportare in vantaggio la Sangiorgese: il centravanti locale lanciato solitario entra nell’area granata ma calcia al lato sull’uscita di Boso. L’avvio di ripresa è un buon momento per la Sangiorgese che al decimo sfiora ancora una volta il gol del vantaggio: Perissinotto viene imbeccato con precisione sul lato destro dell’area eracleense, Boso non accenna all’uscita permettendo così all’avversario di calciare da posizione ravvicinata, il portiere è battuto ma Rosiglioni sulla linea di porta respinge la minaccia. Dal ventesimo minuto, con la Sangiorgese che stà rifiatando, l’Eraclea torna a farsi minacciosa nella metà campo avversaria ed al 27′ trova il gol del due a uno: Alessandro Boatto scende sulla fascia destra e giunto quasi a fondo campo mette palla verso il centro area avversario, si forma una mischia che viene risolta da una conclusione a mezza altezza di Giaretta sulla quale l’estremo Munerotto con la visuale coperta non può far nulla. La gioia dei granata dura solamente due minuti perchè al 29′ i padroni di casa riagguantano il pareggio: su uno spiovente in area granata Stefenel crede nell’uscita del proprio portiere Boso che invece non si muove, di questo malinteso ne approfitta il neo entrato Salvador che si avventa sul pallone concludendo con un maligno diagonale rasoterra che si infila radente al palo. Nell’ultimo quarto d’ora le due formazioni sembrano assai stanche anche se nel finale sprecano un’occasione per parte, l’Eraclea con Berton il quale dopo un’azione prolungata tarda troppo a concludere e la Sangiorgese con Gallo che calcia al lato una favorevole occasione proprio allo scadere. Termina quindi con un eloquente due a due questa spumeggiante gara che alla fine lascia un po’ di amaro in bocca da entrambe le parti. Note dolenti per l’arbitraggio del signor Leonardi di San Donà di Piave, arrivato all’ultimo momento (14.11) inizia tutto trafelato l’incontro per poi sbagliare spesso durante tutto il match.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*