5and : Eraclea – Pramaggiore 1-2

ERACLEA PRAMAGGIORE
Boso
Zorzetto
Bacchin
Vettoretto
Cibin
Rosiglioni
Giaretta
(46′ Schiavon)
Priamo
Berton
(76′ Lessi)
Rinaldi
(62′ Furlanetto)
Boatto An.
All. Schugur
Maronese
Vido
Tesolin
(75′ Mares)
Lazzarin M.
Piccolo
Lazzarin M.
Falcon
Delle Vedove
Longato
(84′ Pacchiega)
Vivan
Stocco
All. Lescarini
 

Arbitro: Barbato di Padova 7

Marcatori: 29′ Stocco (P), 34′ Lazzarin M. (P), 92′ Boatto An. (E)

Note

CRONACA:
Secondo e consecutivo stop casalingo per l’Eraclea, opposti al Pramaggiore i granata vanificano quanto di buono avevano fatto vedere la domenica precedente contro il Burano. Formazione ancora incompleta quella schierata da mister Schugur, rimaneggiata a causa di alcune importanti assenze e per le precarie condizioni fisiche con le quali era sceso in campo Michelin, il difensore eracleense febbricitante prima dell’incontro non aveva voluto far mancare il suo apporto, ma dopo soli 20 minuti è stato costretto a chiedere il cambio e quì la situazione si è complicata per l’Eraclea in quanto in panchina, a causa di alcune defezioni, non c’erano sostituti per il ruolo ricoperto da Michelin e la sua mancanza si è fatta sentire sei minuti dopo quando gli ospiti sono passati in vantaggio. Ma andiamo per ordine cronologico: il Pramaggiore si dimostra da subito pericoloso, al 2′ minuto di gioco un improvviso ribaltamento di fronte permette ad un veloce Longato di involarsi solitario verso la porta difesa da Boso, il portiere tenta l’uscita ed il centravanti prova a superarlo con un pallonetto che termina però a lato. Risponde l’Eraclea al 19′ con un’azione corale che si conclude con un cross a centro area a favore di Giuliano Boatto il cui colpo di testa però è troppo centrale per inpensierire Maronese che blocca in presa. Nei minuti seguenti la formazione di mister Schugur perde Michelin che deve arrendersi alla febbre ed al 29′ a causa di una palla persa a centrocampo da Furlanetto il Pramaggiore è lesto a rilanciare subito in profondità per Stocco che si incunea fulmineo fra le larghe maglie della rabberciata difesa granata evitando anche Boso in uscita per poi infilare la sguarnita porta eracleense. Cinque minuti più tardi gli ospiti mettono una seria ipoteca sulla vittoria, è il 34′ minuto ed il Pramaggiore usufruisce di un calcio d’angolo, dalle retrovie avanza anche il numero quattro Lazzarin che giunto in area può sfruttare la torre di un compagno di squadra per un colpo di testa vincente che manda la palla sotto la traversa della porta eracleense. Due gol di svantaggio sono forse un po’ troppi da rimontare per l’Eraclea se si considera la solidità della difesa ospite, il Pramaggiore è l’unica squadra a non aver ancora subito una rete. Ci prova comunque Vettoretto al 36′ con un calcio di punizione da posizione decentrata che chiama Maronese ad una impegnativa deviazione con i pugni. Terminata la prima frazione di gara in vantaggio per due a zero gli ospiti iniziano la ripresa all’insegna della tranquillità pensando più a tenere sotto controllo i tentativi offensivi dell’Eraclea piuttosto che rischiare di sbilanciarsi in avanti alla ricerca di un terzo gol. I granata invece covano ancora qualche speranza di rimonta che potrebbe diventare più reale al 12′ del secondo tempo, minuto in cui Andrea Boatto sfruttando un passaggio filtrante del proprio centrocampo scatta centralmente sul filo del fuorigioco cogliendo in contropiede la difesa ospite, il capitano dell’Eraclea giunto solitario al limite dell’area calcia in porta ma un grande intervento di Maronese gli nega il gol respingendo la palla con i pugni, per primo sulla respinta arriva Giaretta che con il portiere avversario ancora a terra calcia alto sulla traversa. Passano i minuti ed il Pramaggiore che sente la vittoria sempre più vicina pensa solo a far trascorrere il tempo con ogni espediente, un Eraclea stanca e sbilanciata concede una grande occasione a Stocco per realizzare una sua doppietta personale, ma la punta ospite lasciata tutta sola in area granata conclude con sufficienza mandando la palla sopra la traversa. Tre minuti più tardi azione e conclusione simile nell’area del Pramaggiore dove Berton a due passi dalla porta calcia incredibilmente al lato. Al secondo minuto di recupero l’Eraclea riesce a dimezzare le distanze grazie ai fratelli Boatto: Alessandro sfrutta un lungo spiovente in area di Rosiglioni per far da torre al fratello Andrea il quale piazzato a due passi dalla porta avversaria di testa non può fallire l’obiettivo insaccando l’uno a due. Non c’è ovviamente più tempo per le speranze di pareggio dei granata che ora vedono gli ospiti del Pramaggiore, capolista assieme alla Libertas Ceggia, allungare a quattro i punti di vantaggio nei loro confronti. Buon momento per la formazione diretta da mister Lescarini, il quale a fine partita ha un solo piccolo dispiacere, quello di aver perso l’imbattibilità della propria difesa in campionato dopo 450 minuti. Buono anche l’arbitraggio del signor Barbato di Padova comunque facilitato dalla correttezza in campo delle due squadre.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*