6and : Ponte Crepaldo – Eraclea 2-2

PONTE CREPALDO ERACLEA
Enzo D.
Enzo G.
Momentè
Scarpa
Mazzuccato
Zane
Mazzuia
Buratto
De Zotti
Ceccato
Pasqual
All. Mayer
 
 
 
Teso An.
Zorzetto
Pinato
(60′ Cella)
Boatto Al.
Basso
Teso Al.
Pasian
Priamo
Lessi
(89′ Schiavon)
Boatto An.
Cerchier
(77′ Turcato)
All. De Pieri

Arbitro: Pizzo di Padova 5

Marcatori: 45′ Pasian (E), 52′ De Zotti (rig.)(PC), 62′ Zane (PC) 81′ Priamo (E)

Note Espulso De Zotti (PC) al 26′ del s.t. per proteste

CRONACA:
Come sempre è stata rispettata la tradizione nel classico derby fra l’Eraclea ed il Ponte Crepaldo: banda comunale nel pre-partita, pubblico caloroso, partita molto combattuta sul campo e qualche piccolo tafferuglio al rientro negli spogliatoi. L’incontro è come sempre molto sentito dalle due formazioni e dai dirigenti presenti, l’Eraclea inizia nel migliore dei modi mettendo da subito in difficoltà l’avversario, il Ponte Crepaldo è costretto a difendersi cercando un gioco di rimessa molto spesso impreciso nei rilanci effettuati dal mediano Scarpa. All’ottavo minuto di gioco la prima palla-gol per l’Eraclea capita sui piedi del centravanti Lessi che appena dentro l’area batte a rete impegnando l’estremo Enzo in una difficile deviazione in angolo con i pugni. Nella prima mezz’ora di gioco i padroni di casa del Ponte Crepaldo si rendono pericolosi solamente con un paio di calci d’angolo che terminano con conclusioni a lato di poco. Al 36′ altra bella occasione per l’Eraclea, un tiro-cross di Pasian dal lato destro viene respinto con i piedi in angolo dal portiere, sul seguente tiro dalla bandierina Cerchier di testa sfiora il palo. I granata continuano a mantenere l’iniziativa, il gol è nell’aria ed arriva allo scadere del primo tempo: c’è un angolo a favore dell’Eraclea il pallone spiove in un’area piena di maglie, si crea una mischia davanti ad Enzo, Pasian batte a colpo sicuro ma il pallone si schianta sulla traversa e ricade in area sempre nei pressi dello stesso Pasian che questa volta gonfia la rete portando meritatamente in vantaggio la propria squadra. Se il primo tempo è stato quasi tutto a favore dell’Eraclea, il secondo tempo inizia sotto il segno del Ponte Crepaldo, la formazione di casa probabilmente strigliata dal proprio allenatore durante l’intervallo inizia la ripresa a testa bassa, al quarto minuto, su un angolo battuto da Pasqual, Ceccato di testa sfiora il palo. I padroni di casa premono molto nei primi minuti del secondo tempo e la difesa granata comincia a balbettare sulle veloci incursioni degli avversari, al sesto minuto succede l’irreparabile quando il terzino Pinato trattiene De Zotti per la maglia, l’attaccante dei bianco-verdi cade in area e l’arbitro assegna il calcio di rigore. Per la trasformazione si presenta lo stesso De Zotti che realizza il penalty, il direttore di gara però ha visto una irregolarità nella rincorsa del numero nove e fa ripetere, secondo calcio dal dischetto e palla ancora in rete per il pareggio del Ponte Crepaldo. Raggiunta la parità i padroni di casa cercano di approfittare del momento favorevole mantenendo il baricentro avanzato, dieci minuti dopo al 17′ l’arbitro assegna un calcio di punizione al Ponte Crepaldo per un discutibile fallo di mano di Cerchier, il calcio piazzato è decentrato e lontano dalla porta, se ne incarica Zane il quale con un secco rasoterra infila l’angolo basso alla destra di Teso Andrea che nell’occasione è sembrato muoversi in ritardo perchè probabilmente coperto da un compagno di squadra. In questa maniera un evanescente Ponte Crepaldo nel giro di dieci minuti con un rigore ed una discutibile punizione ribalta il risultato portandosi sul due a uno. Trascorsi cinque minuti di comprensibile stupore e disorientamento l’Eraclea si riorganizza e costringe nuovamente l’avversario nella propria metà campo, fino al termine dell’incontro si assiste ad un monologo granata che mette in seria difficoltà i beniamini di casa. I bianco-verdi stentano a contenere gli attacchi eracleensi, sono spesso costretti al fallo sistematico che l’arbitro non sempre sanziona con dei cartellini gialli, affiora un certo nervosismo che porta all’espulsione del crepaldino De Zotti per proteste al 26′ di gioco. Con i granata che premono all’attacco il Ponte Crepaldo ridotto in dieci cerca di rispondere in contropiede, al 32′ si rende pericoloso con un tiro di Zane dal lato sinistro dell’area eracleense sul quale Teso è costretto ad una difficile deviazione in angolo. La pressione dell’Eraclea viene premiata al 37′ quando su azione d’angolo una mischia in area viene risolta dal generoso Priamo che scaraventa in rete il pallone del due a due. Negli ultimi minuti il Ponte Crepaldo è in decisa difficoltà e i granata cercano il colpo del k.o. ma anche a causa di una certa stanchezza falliscono un paio di buone occasioni da rete. La partita termina quindi con un risultato di parità che sta stretto all’Eraclea e premia un Ponte Crepaldo velleitario ed arruffone nel gioco nonostante i vari e costosi nuovi acquisti di questa stagione. Insufficiente, ma non disastroso, l’arbitraggio, il direttore di gara ha sorvolato un pò troppo su certi interventi dei padroni di casa ed ha concesso un discutibile calcio di punizione al Ponte Crepaldo che ha portato al secondo gol dei bianco-verdi.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*