7and : Eraclea – Caorle 3-2

ERACLEA CAORLE
Madiotto
Trevisan
Pasqual S.
Bacchin
(81′ Carraro)
Cibin
Saramin
Vettoretto
Rosiglioni
Bonetto
Rinaldi
(73′ Rippa)
Pasqual A.
(86′ Boatto)
All. Pattaro
Gonella
Marchesan
De Carli
Mian
(69′ Geretto)
Donà
Diana
Zanotel
Dobrozi
Infanti
Bellinazzi
(93′ Valente)
Presotto
All. Battiston
 

Arbitro: Peruch di San Donà di P. 6

Marcatori: 47′ Boatto (E), 70′ Bellinazzi (C), 76′ Infanti (C), 80′ Saramin (E), 85′ Bonetto (E)

Note Espulso al 70′ Cibin (E) per proteste

CRONACA:
Finalmente è il giusto avverbio per definire la prima vittoria dell’Eraclea giunta alla settima giornata di questo campionato. Le cose non stavano girando per il verso giusto nemmeno in questo match che vedeva i granata opposti al Caorle: un rigore fallito nel primo tempo e nel secondo una espulsione seguita poi dal gol dello svantaggio, a quel punto però gli eracleensi hanno messo in campo tutto il loro orgoglio e la loro determinazione riuscendo a ribaltare il risultato nel finale della partita ottenendo così la loro prima e tanto desiderata vittoria. Alcune novità nella formazione granata rispetto alla domenica precedente: assenti in difesa capitan Zorzetto e Michelin per squalifica fanno il loro esordio i nuovi acquisti Saramin e Bonetto che saranno gli autori delle due reti con cui l’Eraclea riesce nel finale a ribaltare il risultato. Il primo tempo è tutto a favore dell’Eraclea, la squadra diretta da Pattaro costruisce molto, ma conclude poco fallendo la più grossa occasione da gol: un calcio di rigore. All’11’ minuto Rosiglioni viene servito nei pressi del vertice destro dell’area caorlotta e conclude prontamente verso il primo palo, ma Gonella è attento e respinge in tuffo la minaccia. Poco più tardi, al 17′, l’Eraclea usufruisce di un calcio di punizione che viene battuto da Vettoretto, la traiettoria del pallone sta per scavalcare la barriera ma un giocatore che la forma alza un braccio e devia la palla, la cosa non sfugge all’arbitro che decreta il calcio di rigore. Anche per la battuta del penalty si prepara Vettoretto, dopo la breve rincorsa la sua conclusione è troppo centrale e Gonella ha così il suo momento di gloria riuscendo a deviare il pallone. Il primo tempo prosegue nella stessa maniera: Eraclea protesa costantemente all’attacco senza riuscire a trovare la via del gol e Caorle che bada più a controllare le sfuriate degli avversari che a proporsi in fase offensiva. La ripresa inizia nel migliore dei modi per i granata con il gol che sblocca il risultato: al 2′ minuto Trevisan dopo aver percorso la fascia destra effettua un preciso cross da fondo campo che trova pronto Bonetto per la deviazione di testa, il portiere caorlotto Gonella ci mette una pezza respingendo a fatica la palla che rimane nei pressi della porta e diventa preda di Rosiglioni il quale invece di tentare la conclusione in una zona affollatissima appoggia all’indietro per Giuliano Boatto che calcia con forza gonfiando la rete ospite. A quel punto il Caorle si desta reagendo da subito al gol subito, già un minuto dopo va vicino al pareggio con un’azione combinata Infanti Zanotel il primo scende sulla destra e serve palla verso il vertice opposto dove il suo compagno di squadra conclude forte verso il primo palo ma deve fare i conti con Madiotto che vola alla sua destra per deviare la minaccia. Al 16′ è ancora Infanti l’assist-man del Caorle, il numero nove ospite mette Presotto in condizione di concludere in porta da distanza ravvicinata ma Madiotto si supera e con una grande deviazione sventa la minaccia in calcio d’angolo. Break dell’Eraclea al 18′ minuto con un’azione sulla fascia sinistra che si conclude con un cross di Rosiglioni deviato sotto porta di testa da Vettoretto ma Gonella si stende alla sua sinistra per deviare la palla. Due minuti più tardi è il granata Rinaldi a manovrare in fase offensiva per poi servire un delizioso pallone in corridoio centrale per Bonetto che si incunea nella difesa ospite e conclude quasi a colpo sicuro ma Gonella si salva ancora riuscendo a deviare la sfera con una gamba. Il Caorle continua a premere alla ricerca del pareggio che raggiunge al 25′ minuto: Infanti riceve palla poco fuori area e si libera della marcatura di Vettoretto con una spinta mandandolo a terra, l’arbitro non fischia il fallo e l’attaccante ospite può andare tranquillamente alla conclusione dal limite, il suo tiro viene respinto dal portiere eracleense ed il primo ad arrivare sul pallone è Bellinazzi che insacca facilmente a porta vuota. I granata protestano per il fallo subito e non fischiato, primo fra tutti Cibin che in risposta alle sue vivaci proteste riceve il cartellino rosso. L’Eraclea sembra attraversare un momento di difficoltà, nel primo tempo ed all’inizio del secondo i granata hanno corso moltissimo ed ora ne stanno pagando le conseguenze, il Caorle intuisce le difficoltà dell’avversario ed ora prova a cercare anche il gol del vantaggio. Al 31′ minuto un lungo rilancio della mediana ospite lancia Infanti in contropiede ma anche in posizione di fuorigioco non rilevata dall’arbitro, i difensori eracleensi hanno il torto di fermarsi con il braccio alzato per protestare in questa maniera il numero nove caorlotto può tranquillamente puntare solitario verso l’area avversaria evitare Madiotto in uscita e depositare in fondo alla rete il pallone del due a uno a favore del Caorle. E’ un momento di gelo per l’Eraclea ed i suoi tifosi, perchè si sta prospettando un’altra sconfitta, ma i ragazzi di mister Pattaro trovano lo spirito e la volontà di reagire e con le poche energie rimaste si riversano all’attacco. Se il Caorle in sei minuti è riuscita a ribaltare il risultato l’Eraclea riuscirà a farcela in cinque minuti ed in inferiorità numerica. Al 35′ Boatto difende caparbiamente la palla appena fuori dell’area e conquista un calcio di punizione da posizione interessante: sulla palla si portano Vettoretto e Saramin, ci si aspetta il solito tiro del primo invece parte Saramin con un tiro che scavalca la barriera e si insacca dalla parte opposta di dove è piazzato Gonella lasciandolo fermo a guardare il pallone. Un gran gol che rappresenta una iniezione di entusiasmo per i granata i quali sospinti dal proprio pubblico dopo cinque minuti cercano e trovano anche il vantaggio definitivo: al 40′ Saramin effettua un lungo traversone dalla destra sul quale il portiere Gonella si alza in presa ma ricadendo perde la sfera proprio nei pressi di Bonetto che spinge il pallone in gol realizzando facilmente la rete della vittoria per il primo successo stagionale dell’Eraclea. Durante gli ultimi minuti ed il recupero è inutile l’arrembaggio finale del Caorle, la formazione di mister Battiston ha giocato un primo tempo rinunciatario, ma poi si è rifatta disputando una buona gara nella ripresa, una volta in vantaggio ha avuto il torto di considerare già chiuso il match. L’Eraclea ha creduto nella vittoria e la ha caparbiamente inseguita anche quando si è trovata in svantaggio ed in inferiorità numerica, raggiungendola anche con un pizzico di fortuna in occasione del terzo gol.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*