7and : Passarella – Eraclea 2-1

PASSARELLA ERACLEA
Borioli
Cappelletto
Teso
(79′ Berto)
Cagnin
Tonetto
Carpenedo
Siciliotto
Lucchetta
Tronco
Rossi
(46′ Pavanello)
Berton
(64′ Pasqual)
All. Momentè
De Stefani
Pinato
Buratto F.
Buratto M.
(67′ Trevisiol)
Basso
Mattiuzzo
Pasian
Giacchetto
(46′ Tonello)
Tonello
(46′ Turcato)
Pasqual G.
Boatto
All. De Pieri

Arbitro: Perinot di Conegliano 5,5

Marcatori: 22′ Tronco (P)(rig.), 57′ Tronco (P), 88′ Boatto (E)(rig.)

Note Espulsi: Buratto F. (E) e Cagnin (P) per doppia ammonizione

CRONACA:
Un buon primo tempo dell’Eraclea, al quale è mancato solo il gol, contrapposto ad una pessima ripresa e per i granata è maturata una brutta ed inaspettata sconfitta. Durante la prima frazione di gioco il fanalino di coda Passarella sembra impacciato e raramente riesce ad affacciarsi dalle parti di De Stefani, in realtà le basta farlo una sola volta al 22′ quando l’ex Tronco viene servito con precisione in area dove entra a contatto con Basso e finisce a terra, l’arbitro non sembra avere dubbi nell’indicare il dischetto del rigore e nemmeno lo stesso Tronco ha alcuna indecisione al momento di trasformarlo. In precedenza al 17′ l’Eraclea aveva avuto una incredibile occasione da rete, a seguito di un calcio di punizione di Giacchetto la palla finiva fra i piedi di Boatto che a non più di tre metri dalla porta si faceva respingere in angolo la conclusione dal portiere. Dopo l’improvviso vantaggio del Passarella al 26′ una pericolosa punizione di Boatto lambisce il palo e per i rimanenti 20 minuti i granata rimangono pericolosamente in attacco ma per una certa imprecisione in fase di conclusione la porta dei padroni di casa rimane inviolata. Al rientro dagli spogliatoi l’Eraclea è inspiegabilmente diversa, nei primi minuti della ripresa non riesce più a costruire alcunché di pericoloso e nel reparto difensivo si denotano certe pericolose indecisioni in fase di rilancio, il Passarella se ne accorge e capisce che può far definitivamente sua la partita. Proprio approfittando di un balbettamento di Buratto Michele in fase di rilancio Tronco viene lanciato tutto solo verso la porta eracleense, con grande freddezza evita l’uscita di De Stefani per poi depositare il pallone in rete. Il due a zero per il Passarella è la logica conseguenza di una ripresa abulica dell’Eraclea che nel secondo tempo non riesce ad essere più pericolosa come nel primo, a complicare le cose ci si mette anche Buratto Federico che protesta troppo energicamente per una ammonizione ricevuta e così in pochi istanti ne guadagna una seconda con la conseguente espulsione. Al 25′ l’Eraclea usufruisce di un calcio di punizione che per la posizione è una specie di calcio d’angolo ravvicinato, sulla battuta di Boatto il pallone attraversa tutto lo specchio della porta senza che nessun avanti granata riesca a spingerlo dentro.
Un minuto più tardi il direttore di gara ristabilisce la parità numerica espellendo Cagnin del Passarella per doppia ammonizione ed al 27′ si ripete la situazione precedente: un’altra punizione per l’Eraclea manda il pallone sotto porta senza che nessuno trovi la deviazione vincente. Alla mezz’ora una secca staffilata del granata Trevisiol chiama il portiere di casa ad una impegnativa deviazione a pugni uniti. Il tempo scorre inesorabile per l’Eraclea e il portiere del Passarella Borioli rimane imbattuto fino a due minuti dal termine quando Boatto subisce un fallo da rigore che poi trasforma in maniera implacabile. Oramai però è troppo tardi per le speranze eracleensi di pareggio, i padroni di casa riescono astutamente a mantenere il possesso di palla e a temporeggiare passando indenni anche i tre minuti di recupero concessi da un arbitro che ha diretto la gara in maniera mediocre ma non sufficiente.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*