7and : Torre di Mosto – Eraclea 0-1

TORRE DI MOSTO ERACLEA
Presotto G.
Pavan
Rosan
Pasquon 
Marcini 
Madiotto
(63′ Romano)
Stello
(68′ Presotto M.)
Rubin C.
(88′ Rubin N.)
Puppulin 
Pasqualini 
Panzarin 
All. Tamai
Boso F.
Teso A. 
Furlanetto 
Follador
Boso M.
Zorzetto
Cibin
Bacchin
(75′ Amadio) 
Lessi 
Pellegrin
(63′ Pasqual A.)
Rosiglioni 
All. Pavan
 

Arbitro: Simone di San Donà di P. 5,5

Marcatori: 74′ Pasqual A. (E)

Note Espulso Pasquon (TdM) al 91′ per fallo da ultimo uomo

CRONACA:
Terza vittoria consecutiva per l’Eraclea dopo un inizio di campionato in sordina nel quale la squadra granata aveva racimolato un solo punto in quattro gare. Questa è comunque una vittoria di un certo spessore meritatamente conquistata sul campo di una squadra, il Torre di Mosto, che ha dimostrato dei notevoli progressi rispetto allo scorso anno e che darà sicuramente filo da torcere a buona parte delle formazioni di questo girone. L’unica vera nota negativa per l’Eraclea è l’infortunio di Bacchin, alla mezz’ora della ripresa, che va ad aggiungersi ad una lista di infermeria formata anche da Trevisan, Filippi, Stefenel, Bison e Teso Juri, se consideriamo che sono state giocate solamente sette gare questo è un motivo di preoccupazione per lo staff granata. Ad inizio gara l’Eraclea cerca da subito la porta dei padroni di casa, ma il Torre di Mosto non sta certo a guardare e risponde con delle veloci ripartenze che permettono a Puppulin di essere servito per un paio di volte a breve distanza dal portiere eracleense, ma per fortuna di Fabio Boso il centravanti torresano cicca la palla in entrambe le occasioni. La prima occasione a favore dell’Eraclea arriva al 15′ minuto, la difesa del Torre ritarda un rinvio e Lessi è lesto a riconquistare palla al limite dell’area, vi penetra in mezzo ad una selva di gambe per poi calciare da posizione favorevole, ma trova un difensore pronto a respingere la sua conclusione. I padroni di casa attaccano spesso sulla fascia sinistra, in una di queste discese, al 18′, effettuano un traversone verso il centro area granata dove Puppulin controlla e calcia la palla mandandola di poco sopra la traversa della porta eracleense. Il Torre di Mosto durante il primo tempo risponde colpo su colpo alle azioni offensive dell’Eraclea con una manovra che comunque comporta un notevole dispendio di energie anche per chi si inserisce velocemente da dietro e questo influirà sull’andamento della ripresa che vede un Eraclea in progressiva crescita fino ad arrivare al gol decisivo, legittimando poi questo successo. Nel secondo tempo la cronaca delle azioni da gol è quasi tutta a favore dell’Eraclea: all’ottavo minuto un lungo rilancio della mediana eracleense pesca Cibin sulla trequarti, il numero sette granata scatta liberandosi del diretto marcatore, entra in area dribblando il portiere in uscita ma finisce per decentrarsi troppo ed un difensore in fase di recupero riesce a stoppargli la conclusione diretta verso la porta sguarnita del Torre di Mosto. Al 10′ Alessio Teso smista palla verso sinistra servendo con precisione Rosiglioni, controllo e secca conclusione da parte del capitano granata che rischia di sorprendere Presotto, il portiere torresano si salva deviando con un piede la palla in angolo. La costante pressione offensiva dell’Eraclea crea altre due occasioni nello spazio di un minuto: al 28′ azione personale di Lessi che si conclude con una gran sventola dai 30 metri di Follador che il numero uno di casa respinge a fatica in angolo allungandosi alla sua sinistra. Al 29′ Rosiglioni dalla bandierina scodella palla verso il centro area del Torre dove il neo entrato Alessandro Pasqual si abbassa avvitandosi per il colpo di testa mandando così la palla ad infilarsi a fil di palo a mezza altezza alla destra di G. Presotto, nell’occasione sorpreso e probabilmente coperto nella visuale. Un minuto più tardi Lessi in caduta rovina addosso al compagno di squadra Bacchin, il centrocampista granata dolorante al ginocchio deve essere portato fuori dal campo e viene sostituito da Amadio, in questa maniera mister Pavan rinforza la propria linea difensiva in vista del probabile forcing finale dei padroni di casa. I tentativi del Torre di Mosto per riportarsi in parità creano solamente qualche mischia in area granata, Pasqualini e Puppulin non trovano mai lo spiraglio giusto per indirizzare la palla verso la porta granata. L’unica vera conclusione nello specchio parte dai piedi di Panzarin, ma fabio Boso è attento e si allunga alla sua sinistra neutralizzando il tiro dell’avversario in presa plastica. Al primo minuto di recupero Lessi ha ancora energia per scattare in contropiede e sta per andarsene anche a Pasquon, ultimo uomo, ma questi si attacca alla maglia della punta eracleense cercando di frenarne la corsa verso la porta. Nonostante la trattenuta Lessi prova ugualmente a proseguire, ma arriva contemporaneamente anche il fischio dell’arbitro che interrompe il gioco assegnando un calcio di punizione dal limite a favore dell’Eraclea ed espelle Pasquon per il fallo da ultimo uomo. Della battuta se ne incarica Rosiglioni ed ancora una volta il portiere torresano si salva deviando la conclusione con un piede. Sfiorato il due a zero l’Eraclea trascorre indenne i tre minuti di recupero rimanenti portando a casa una vittoria importante sia per la classifica che per il morale di tutto il gruppo granata. Ancora una volta l’Eraclea strappa note positive nella propria metà campo, ora quella granata è la seconda miglior difesa del girone, rimane comunque la storica difficoltà di concretizzare quanto riesce a costruire. A Torre di Mosto la formazione diretta da Franco Pavan ha anche avuto a disposizione alcuni invitanti calci di punizione che però non sono stati sfruttati a dovere. Alcune sbavature di troppo nella direzione di gara del signor Simone di San Donà di Piave, non ci sono comunque stati grossi errori tali da influenzare il risultato finale.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*