8rit : Eraclea – Gorghense 1-1

ERACLEA GORGHENSE
Boso
Trevisan
Rosiglioni
Vettoretto
Cibin
(81′ Cibin)
Michelin
Teso
(63′ Bucciol)
Follador
Bonetto
Rinaldi
Pasqual A.
(85′ Rizzetto)
All. Pattaro
Tuis
Manfrè
Basei
(87′ Bellinzani)
Panighel
Vivan
Curtolo
(67′ Golzio)
Fantuz
Anzanello
Borrelli
(83′ De Marchi)
Favero
Rebecca
All. Furlan

Arbitro: Fasan di San Donà di P. 6,5

Marcatori: 24′ Favero (G), 73′ Follador (E)

Note

CRONACA:
Un forte e fastidioso vento ha sicuramente influito sul gioco delle due squadre scese in campo con obbiettivi e stati d’animo diversi: da una parte l’Eraclea sempre bisognosa di far risultato per tentare di allontanarsi dalla zona pericolante della classifica e dall’altra la Gorghense che oramai per questa stagione non ha più traguardi da raggiungere in quanto lontana sia dalla vetta che dalla zona retrocessione. Nonostante le immancabili e pesanti assenze, l’Eraclea facendo leva sul proprio orgoglio personale inizia la gara all’attacco nel tentativo di trovare il gol del vantaggio già dai primi minuti, ma l’impresa non è certamente facile in quanto i padroni di casa non devono solamente fare i conti con le forti folate di vento che spazzano senza interruzione il Comunale di Eraclea ma anche con un avversario ben disposto in campo che gioca tranquillamente e senza patemi d’animo vista la propria rassicurante posizione di classifica. All’ottavo minuto Follador scatta, palla al piede, dalla linea di centrocampo ma una volta giunto a pochi metri dall’area avversaria viene messo a terra: del calcio di punizione si incarica Vettoretto che impegna Tuis a compiere la prima parata di una certa difficoltà della giornata. Un minuto più tardi c’è un cross dalla sinistra di Alessandro Pasqual con palla a spiovere verso il limite dell’area piccola dove Teso arriva in tempo per colpire la sfera ma la sua deviazione ravvicinata è debole e Tuis blocca il pallone. Al 18′ minuto si vedono gli ospiti per la prima volta all’attacco grazie ad una buona azione personale di Anzanello che conclude un paio di dribbling con il tiro in porta ma Boso è attento e para senza grandi difficoltà. Le difficoltà dell’Eraclea di sbloccare il risultato si ingigantiscono al 24′ minuto, momento in cui la Gorghense passa in vantaggio in maniera del tutto casuale e fortunosa: Borrelli in contropiede scende sul centro destra e rimette palla verso il centro, su questo lancio Boso esce dall’area per la respinta con i piedi, ma forse tradito da una folata di vento colpisce il proprio compagno di squadra Cibin, la sfera schizza così alle spalle del portiere verso la sguarnita porta e capitan Favero che aveva seguito l’azione può, tutto solitario, spingere comodamente il pallone in fondo alla rete. L’aver subito il gol in maniera così rocambolesca ha il suo contraccolpo sul morale dei granata che avevano ben iniziato la gara, nel finale del primo tempo gli eracleensi si rovesciano nella metà campo degli ospiti senza però concludere mai in porta in maniera pericolosa. Il secondo tempo è tutt’altra musica per l’Eraclea, la squadra diretta da Luca Pattaro per la prima mezz’ora cinge d’assedio gli avversari costruendo numerose palle gol fallite di un soffio fino a trovare il meritatissimo pareggio. Da ricordare: al secondo minuto lungo rilancio di Vettoretto con palla che a seguito di un alto rimbalzo spiove al limite dell’area della Gorghense dove Bonetto calcia al volo di prima intenzione ma trova sui suoi passi un grande Tuis il quale salva la propria porta allungando una gamba per respingere la sfera con un piede. Al 19′ un cross di Follador è preda di Rinaldi che in area controlla il pallone evita un avversario e poi conclude da posizione defilata, Tuis è battuto ma la palla si infrange sulla base del palo. La retroguardia ospite è sempre più in affanno sulle folate offensive dei granata, il gol del pareggio è nell’aria ed arriva al 28′ minuto: calcio d’angolo battuto dall’Eraclea palla verso il primo palo dove Bonetto giganteggia di testa effettuando una sponda a favore di Follador appostato sul secondo palo e la deviazione di testa del numero otto eracleense non lascia scampo al pur bravo Tuis. Raggiunto il pari l’Eraclea sembra mentalmente disposta a cercare anche il gol del vantaggio ma le energie profuse fino a quel momento sono moltissime e gli attacchi dei granata non sono più lucidi come ad inizio della ripresa. Nel finale si nota un certo risveglio offensivo della Gorghense che sembra però attuato più a tenere lontani i padroni di casa dalla propria area piuttosto che a riportarsi nuovamente in vantaggio. Lo spettacolo negli ultimissimi minuti va così scemando, la gara comunque è stata ugualmente combattuta e divertente per il pubblico, le due formazioni, in particolar modo quella di casa, non si sono certo risparmiate. Con questo pareggio l’Eraclea rimane aggrappata al quart’ultimo posto della graduatoria in attesa di tempi migliori quando, e si spera presto, avrà ancora a disposizione tutto il proprio organico. La Gorghense si è dimostrata una buona formazione, in particolar modo quando deve chiudersi nella propria metà campo è ben organizzata, non sono invece piaciute le continue lamentele degli ospiti su qualsiasi fischio arbitrale a sfavore. Immotivata un certo tipo di contestazione nei confronti del giovane fischietto sandonatese Fasan che ha invece diretto la gara senza particolari errori da segnalare e mantenendo sempre una grande calma.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*