9and : Eraclea – Libertas Ceggia 1-1

ERACLEA LIBERTAS CEGGIA
Teso An.
Zorzetto
Boatto Al.
Bacchin
Dorigo
Pasian
Pasqual
Rosiglioni
Destito
Follador
(60′ Cerchier)
Berton
All. Pattaro
Puiatti
Scalon
Buoro
Giacomini
Casonato
Moretto
Sergi
(46′ Tomaselli)
Sforzin
Panigutto
Bittolo Bon
Antonini
All. Bergamo

Arbitro: Mannino di Mestre 7

Marcatori: 14′ Boatto Al. (E), 74′ Giacomini (LC)

Note Espulso Antonini al 83′ per doppia ammonizione

CRONACA:
Non sempre è sufficiente disputare un buon incontro e mettere spesso alle corde l’avversario per poter vincere la partita. L’Eraclea ha condotto la gara dettando i propri ritmi per almeno ottanta minuti su novanta, ha creato varie opportunità da gol ma ne ha concretizzata una sola, invece l’avversario di turno, il Libertas Ceggia, con l’unica vera conclusione in porta ha raggiunto il pareggio. I ragazzi di mister Pattaro, orfani del loro capitano Andrea Boatto squalificato, hanno giocato in maniera quasi perfetta senza concedere nulla all’avversario se si esclude l’azione del pareggio. Parte all’attacco l’Eraclea ed al 3′ di gioco un tiro da fuori area di Berton costringe il portiere avversario ad una plastica deviazione in tuffo. Continuano a premere in avanti gli eracleensi che già al 14′ passano in vantaggio: l’azione nasce dai piedi di Pasqual il quale scende sulla destra difendendo il pallone poi giunto nei pressi dell’area effettua un lungo traversone verso il versante opposto a favore di Alessandro Boatto, a quel punto il cursore granata approfittando di una indecisione del suo diretto marcatore riesce con la punta del piede in scivolata ad anticipare il portiere in uscita mettendo il pallone in fondo al sacco. La reazione del Ceggia non si vede, anche perchè nella loro metà campo i granata non sbagliano nulla lasciando le punte avversarie a bocca asciutta, così è ancora l’Eraclea a rendersi pericolosa al 26′ con un traversone verso il centro area di Follador per Bacchin che calcia prontamente in porta ma il suo tiro viene deviato dal corpo di un difensore, la palla schizza verso sinistra dove l’accorrente Boatto per un soffio non arriva in tempo per la deviazione vincente. Bisogna attendere il 37′ per la prima conclusione di una certa importanza del Ceggia: un calcio di punizione dalla lunga distanza di Panigutto che esce di poco a lato anche se Teso sembrava sul pallone. Risponde l’Eraclea verso lo scadere del primo tempo con una prolungata azione di Berton che si conclude con un secco tiro dalla distanza di Zorzetto che sfiora il palo alla sinistra di Puiatti. A differenza delle domeniche precedenti l’Eraclea ha un buon avvio di ripresa continuando a controllare con agevolezza l’avversario e rendendosi pericolosa all’ottavo minuto grazie ad un calcio di punizione di Bacchin che fa spiovere la palla nei pressi dell’area piccola dove Puiatti calcola male l’uscita facendosi anticipare di testa da Follador che, a portiere fuori causa, manda la palla di poco sopra la traversa. Al 15′ gli ospiti hanno una buona occasione per pareggiare con il terzino Buoro il quale imbeccato con precisione in area da buona posizione sparacchia su Teso in uscita. Sempre al 15′ il granata Follador, per un taglio al cuoio capelluto, è costretto a lasciare il campo sostituito da Cerchier, per il giovane eracleense nulla di grave. Al 17′ un preciso assist in area del neo entrato Cerchier serve una palla d’oro sui piedi di Destito, la punta granata è pronto alla battuta ma la sua mira è imprecisa dato che la sua ravvicinata conclusione sfiora l’incrocio uscendo sul fondo. Fino a quel momento gli ospiti hanno creato ben poco in fase offensiva, dal 20′ in avanti cercano di stringere i tempi alla ricerca del pareggio, ma l’Eraclea continua a controllarli a dovere fino al 29′ quando il Libertas Ceggia ottiene un calcio di punizione sul lato destro del proprio fronte d’attacco che viene battuta con palla a spiovere verso il lato sinistro dell’area dove Giacomini sbuca solitario potendo così schiacciare di testa il pallone in rete. Dopo aver condotto a lungo il match l’Eraclea è beffata ad un quarto d’ora dalla fine, ma non si demoralizza e riprende da subito a spingersi all’attacco costringendo l’avversario a difendersi con quasi tutti gli uomini. Al 38′ Cerchier viene liberato in area da un assist di Rosiglioni, si aggiusta la palla e calcia in porta a colpo sicuro, ma Puiatti è bravo a chiudere lo specchio opponendosi con il corpo. Ancora protagonista il portiere ospite al 40′ quando respinge con i pugni uniti una forte e ravvicinata conclusione di Bacchin. Subito dopo Rosiglioni scende sulla sinistra e giunto sulla trequarti calcia verso la porta il pallone si alza ed il portiere lo considera fuori, invece la sfera finisce per colpire la parte alta della traversa per poi finire sul fondo. Ultimo grande brivido per gli ospiti del Ceggia al 2′ minuto di recupero quando Cerchier batte un calcio di punizione da posizione centrale, la conclusione viene deviata dalla barriera spiazzando così il portiere Puiatti il quale osserva impotente la palla che, per sua fortuna, finisce di pochissimo a lato. A fine gara il pareggio sta molto stretto all’Eraclea che ha costruito svariate palle-gol, un sorriso ed un sospiro di sollievo invece fra le fila del Ceggia per lo scampato pericolo. Buona la direzione di gara del signor Mannino di Mestre.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*