9and : Treporti – Eraclea 3-0

TREPORTI ERACLEA

Teso
Cicoria
Costantini
Vianello
(73′ Trevisan)
Angiolin
Carillo
Tagliapietra
De Marchi
(90′ Bortoluzzi)
Zane
(75′ Lopez)
Scarpi Fabiano
Valeri
All. Scarpi Fabrizio

Mancuso
Terreo
Simonetto
Amadio
Brugnerotto
Teso
(85′ Ferrazzo)
Marian
57′ Geromin)
Boem
(85′ Stefanel)
Pellegrin
Follador
Turchetto
All. De Pieri

Arbitro: Bucciol di Portogruaro 5

Marcatori: 47′ e 51′ Zane (T) 90′ Valeri (T)

Note: 

CRONACA:

Le prime sofferte gare di campionato che portarono ad alcuni risultati negativi per l’Eraclea furono per lo più imputate ad una grave carenza di organico in casa granata, mister De Pieri oltre agli 11 titolari poteva contare su una panchina formata da due soli giocatori dei quali uno è il portiere di riserva. In questi ultimi giorni però la rosa è stata notevolmente ampliata ed ora l’allenatore che siede sulla panchina eracleense ha a disposizione un gruppo di giocatori che supera le 20 unità, non ci sono quindi giustificazioni alla brutta sconfitta subita dall’Eraclea sul terreno di un Treporti per niente trascendentale. La gara stenta a decollare ed il primo tempo scivola via senza alcuna emozione per il pubblico presente in tribuna e senza alcun pericolo per i due portieri, lo zero a zero al termine della prima frazione di gara fotografa alla perfezione quanto hanno espresso le due formazioni sul campo: niente. In particolare è proprio l’Eraclea che sembra essere in “giornata no”, troppi passaggi sbagliati, inferiorità nei contrasti a centrocampo, rare le palle giocabili per gli attaccanti e qualche fallo di troppo per fermare gli avanti avversari quando si avvicinano all’area; ed è proprio da uno di questi falli commesso dalla retroguardia eracleense ad un paio di metri dal limite e dal conseguente calcio di punizione che il Treporti trova la rete del vantaggio. Sono trascorsi due soli minuti dall’inizio ripresa quando Zane Denis appena arrivato dallo Jesolo si incarica di battere il calcio piazzato mandando la sfera ad infrangersi dalla barriera, nell’occasione nessun giocatore granata è veloce ad avventarsi sulla palla vagante che è nuovamente preda dello stesso Zane il quale appena dentro l’area di rigore e senza avversari vicini a contrastarlo lascia partire una terribile sventola che non lascia alcun tempo di reazione a Mancuso. Trascorrono quattro minuti e la retroguardia eracleense ci ricasca: altro fallo poco fuori dell’area, anche se in questo caso ci sembra un po’ dubbio, ed altra punizione per lo specialista Zane che invece di battere teso e forte calcia morbido ad aggirare la barriera sorprendendo ancora Mancuso che nell’occasione si tuffa un po’ in ritardo e non riesce a deviare un tiro non proprio irresistibile. Se il Treporti ha realizzato due gol con due tiri in porta l’Eraclea per il momento non ha mai impegnato il portiere treportino, al 12′ minuto arriva la prima ed unica vera palla-gol a favore dei granata: un preciso servizio sulla sinistra libera Follador il quale si aggiusta il pallone e poi dal vertice dell’area calcia su Teso in uscita il quale respinge come può con il corpo, la sfera finisce a centro area dove Turchetto a porta vuota gira il pallone appena sopra la traversa fallendo una chiara occasione per riaprire la gara. L’Eraclea sotto di due reti sembra finalmente avere la giusta reazione costringendo l’avversario alla difensiva, ma altre particolari occasioni da rete non se ne vedono e la formazione diretta da De Pieri nonostante l’inserimento del neo acquisto Geromin a dar man forte all’attacco colleziona solamente alcuni calci d’angolo senza esito. Da segnalare al 15′ minuto una conclusione dal limite di Follador angolata ma non abbastanza forte che viene parata a terra da Teso e poco più tardi un altro tiro dai 16 metri di Pellegrin che calcia centralmente favorendo la parata del portiere invece di servire Boem libero in area. Trascorrono i minuti senza altre novità se non la sostituzione di Zane uscito fra gli applausi del pubblico locale che viene sostituito da Lopez il quale invece di cercare la porta va a cercarsi guai andando a più riprese a stuzzicare il granata Amadio causando alcune scaramucce che l’arbitro fatica a domare. L’Eraclea cerca senza esito di ridurre le distanze prima del termine, in realtà al 90′ arriva la doccia fredda del 3-0 che il Treporti confeziona in contropiede: fuga di Lopez sulla sinistra ed assist da fondo campo per l’accorrente Valeri puntuale per l’appuntamento con il pallone al limite dell’area piccola anticipando sulla deviazione il diretto marcatore ed il tentativo di chiusura del portiere. Sconforto a fine gara nello spogliatoio granata, considerati gli ultimi rinforzi questa sconfitta arriva inattesa almeno nelle proporzioni del risultato finale, lo stesso risultato al passivo subìto dall’Eraclea a Treporti durante lo scorso campionato con la sostanziale differenza che la squadra treportina la prima volta schierava anche il gruppetto sudamericano che l’aveva portata in alta classifica. Insufficiente la direzione di gara del signor Bucciol di Portogruaro, nessun grave errore, ma una mancanza di carattere e personalità gli hanno impedito di gestire con più severità alcune situazioni critiche che avrebbero potuto degenerare in rissa.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*