Al vertice la musica non cambia, le prime tre vincono ancora

 Al vertice la musica non cambia, le prime tre vincono ancora

Nuova Caorle – Città di Eraclea

Situazione immutata con il Bibione sempre al comando della graduatoria a farsi inseguire da Cavallino e Città di Eraclea. Le prime tre vincono anche questa volta, ma quanta fatica per avere la meglio sulle rispettive avversarie a dimostrare che nulla può mai essere dato per scontato anche quando la squadra più dotata tecnicamente affronta una avversaria di bassa classifica. Alla capolista non bastano 90 minuti per riuscire a piegare la Giussaghese, la rete di Consorte che regala tre pesantissimi punti al Bibione arriva al 93′ quando oramai il pareggio sembrava cosa fatta. Non cambia la sostanza in Nuova Caorle – Città di Eraclea gara che termina pressoché allo stesso modo anche se con un punteggio finale completamente diverso. Eracleensi poco brillanti e distratti in difesa durante il primo tempo terminato sull’uno a zero per i padroni di casa, ma cambio di marcia durante la ripresa quando i granata ribaltano il risultato portandosi sul due a uno. Finale di gara movimentato con il momentaneo pareggio su punizione di Presotto ed il gol vittoria per l’Eraclea al 92′ realizzato da Margherito che evita alla sua squadra di abbandonare anzitempo la rincorsa alla capolista. Nemmeno il Cavallino ha avuto vita facile in casa del Passarella, ultimo in classifica, risultato fermo sull’uno a uno fino al 82′ momento in cui Basso riporta in vantaggio la compagine cavallinotta, poi in pieno recupero Allegretto chiude la gara con la terza rete di marca gialloverde. La Fossaltese invece si stacca ulteriormente dalle prime tre dopo il movimentato pareggio interno con l’Aurora San Nicolò, gara che termina sul tre a tre con due calci di rigore assegnati agli ospiti da parte del sig. Campanerut di Portogruaro.

La zona play-off vede già matematicamente qualificate Cavallino, Città di Eraclea e Fossaltese, rimane però da definire l’ultimo posto disponibile che poco tempo fa sembrava ad appannaggio del Lugugnana ma dopo le ultime due sconfitte le probabilità per i lugugnanesi di disputare gli spareggi non sono più una vera certezza. Sconfitta in casa prima dal Bibione ed ora dal redivivo Pramaggiore per 4-2 il Lugugnana sta subendo il ritorno del Gainiga che ha vinto al 95′ sul terreno del Treporti e dello stesso Pramaggiore che ora proverà a sfruttare questo suo momento positivo. A centro classifica rimane la Giussaghese sconfitta a tempo scaduto a Bibione, mentre l’Altino prosegue nella sua fuga dalla zona play-out battendo la pericolante Villanova per tre a due in una gara nella quale agli ospiti non è stata sufficiente una doppietta di Perissinotto per portare a casa un punto che in ogni caso non avrebbe fatto classifica. Sempre in zona play-out Sindacale e Vigor si dividono la posta in palio pareggiando per uno a uno, la prima con questo punticino si porta momentaneamente al di fuori della zona bollente, la seconda ne è ai margini con le speranze intatte di poterne uscire prima del termine del campionato. In coda le possibilità per il Passarella di evitare la retrocessione diretta sono oramai ridotte al lumicino visti i sei punti da rimontare nelle quattro gare rimanenti.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*