Ancora polemiche su un brutto episodio

L’intenzione era quella di stendere un velo pietoso sull’episodio che ha visto il nostro tesserato Giovanni Margherito suo malgrado protagonista quando all’inizio del secondo tempo della gara Gainiga – Città di Eraclea è stato colpito da un pugno in pieno volto sferrato a palla lontana da parte di un avversario, ricordiamo che il forte colpo subito oltre ad aver procurato una profonda lesione al labbro ha costretto lo stesso calciatore granata ad abbandonare il campo ed a raggiungere lo spogliatoio con l’aiuto di un accompagnatore a causa di un forte giramento di testa. Per dovere di informazione riportiamo anche la versione dei fatti che ci è giunta tramite email da parte di un tesserato del Gainiga della quale citiamo un paio di punti salienti qui di seguito. Ci preme comunque premettere che la società calcio Gainiga non è considerata in alcun modo coinvolta ne tantomeno responsabile sull’episodio in questione da parte dell’ A.C.D. Città di Eraclea. La società eracleense oltre a nutrire una profonda stima e rispetto è lieta di avere sempre avuto con la società Gainiga dei buoni rapporti di amicizia che desidera mantenere tali anche se il tesserato, il cui ruolo non è ben chiaro se si limiti a quello di calciatore o anche di dirigente con poteri decisionali, vorrebbe far credere il contrario.

Tornando alla versione dei fatti fornita dal signore che ci ha scritto per prendere le difese del suo compagno di squadra coinvolto nell’episodio in questa si legge: ”vorrei ricordarvi che il calcio è uno sport basato anche sul contatto fisico e che non è raro avere degli scontri violenti con un avversario. Il mio compagno di squadra ammette infatti che il contatto ci sia stato, ma dichiara con altrettanta fermezza che sia avvenuto casualmente”. Riteniamo che nello sport sopra citato ci siano molte discipline sportive ma che non si possa certo confondere il calcio con la boxe, giustificando poi il tutto con il contatto fisico e con gli scontri violenti. Il fatto che il suo compagno di squadra abbia ammesso il contatto fisico con Margherito è da ritenersi già una parziale ammissione. Oltretutto non comprendiamo come mai si sia fatto avanti qualcuno negando di aver sferrato un pugno se nessun nome è stato fatto sulla persona coinvolta, evidentemente a qualcuno prude la coscienza. A questo era proprio servita l’anonimia sull’episodio mantenuta nella cronaca della gara e non per altri motivi. Apprezziamo invece il gesto di distensione fatto dal nostro tesserato Giovanni Margherito il quale nonostante il protrarsi del dolore nel dopo gara, la difficoltà di alimentarsi nell’immediato a causa della lesione interna al labbro ha deciso di voler dimenticare al più presto il torto subìto, di non serbare rancori e di rinunciare anche alla possibilità di una querela per lesioni personali. Come ringraziamento ora si sente dare del bugiardo e del frignone da parte di chi ha seguito tutta la gara da una panchina che quella sera era assai bollente. Evidentemente non tutti vogliono contribuire a stemperare gli animi rendendosi così artefici di quella “pubblicità negativa” che deriva da un eco ripetuto su episodi di questo genere. Peccato che qualcuno abbia perso una buona possibilità per starsene zitto. Concludiamo ricordando ai nostri visitatori che questo sito internet è l’organo di informazione ufficiale dell’A.C.D. Città di Eraclea e come qualsiasi altro sito ufficiale di una società sportiva pubblica notizie riguardanti quella data società, per questo motivo non si è tenuti a riportare le loro o di altri considerazioni personali come qualcuno pretenderebbe, per poter far questo si crea un sito per la propria società di appartenenza. Non si può nemmeno dar sempre risposta alle contro deduzioni fatte di volta in volta da parte di qualcuno sulla cronaca di una gara altrimenti bisognerebbe dedicare una persona solo a questo. L’eccezione fatta per questa volta non si ripeterà.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato
Il tuo commento verrĂ  valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*