Bibione e Fossaltese agganciano in vetta il Cavallino fermato sullo 0-0 a Villanova

 Bibione e Fossaltese agganciano in vetta il Cavallino fermato sullo 0-0 a Villanova

Città di Eraclea – Aurora S.Nicolò

Dopo tre vittorie consecutive il Cavallino sembra essersi preso una pausa e non va oltre il pareggio a reti inviolate sul terreno del Villanova che a quanto pare ha già “digerito” le quattro reti subite la domenica precedente. Bibione e Fossaltese che erano le dirette inseguitrici ne approfittano per rosicchiare i due punti di distacco dalla capolista vincendo entrambe i loro impegni. Due vittorie esterne ambedue con un certo coefficiente di difficoltà: il Bibione vince a Caorle superando per 1-0 la Nuova che sette giorni prima aveva fermato sul pari la Fossaltese, altrettanto importante il successo della stessa Fossaltese capace di espugnare per 3-1 il terreno dell’Altino reduce dalla recente vittoria di Passarella. Probabilmente è da considerarsi prematuro parlare di classifica e di risultati ottenuti dopo sole quattro giornate, anche se c’è già chi sta rispondendo positivamente alle attese della vigilia come le tre attuali capoliste: Cavallino, Bibione e Fossaltese e chi invece sta ancora stentando come il Lugugnana, il Pramaggiore ed il Città di Eraclea. In particolar modo quest’ultima squadra, creata senza badare a spese, ha fino ad ora raccolto tre punticini frutto di tre pareggi ed una sconfitta, cosa che lascia assai perplessa la società granata. Ci sarà anche l’attenuante di un gruppo quasi totalmente nuovo, allenatore compreso, che ha quindi bisogno di più tempo per amalgamarsi nella giusta maniera, ma anche ieri l’Eraclea ha riproposto il problema visto nella gara precedente: buona la partenza con il gol del vantaggio e poi è nuovamente mancata la determinazione di trovare quel secondo gol che possa chiudere la gara subendo poi dall’Aurora la beffa del pareggio a sette minuti dal termine.

Anche il Lugugnana durante l’estate ha apportato varie modifiche alla propria rosa, seppur in modo più limitato rispetto a quella eracleense, e forse il non brillantissimo avvio di campionato ha una causa comune con quella dell’Eraclea. I lugugnanesi durante l’ultimo impegno hanno perso l’occasione dell’aggancio in testa alla graduatoria tornando sconfitti dalla vicina Sindacale per 2-1, decade anche l’imbattibilità della loro porta dopo 277 minuti, quella del Lugugnana rimane comunque la migliore difesa del torneo con due sole reti subite. Qualche segno di ripresa arriva invece dal Pramaggiore, dopo una sconfitta e due pareggi ecco la prima vittoria ottenuta dai rossoblu sul terreno della matricola Gainiga. Secondo successo per la Giussaghese, dopo quello ottenuto con l’Eraclea i giussaghesi si ripetono a Cinto superando di misura la Vigor che rimane così l’unica formazione a zero punti dopo quattro gare. In vantaggio di due reti dopo soli 10 minuti grazie anche ad un calcio di rigore la Giussaghese riesce a controllare la reazione dei padroni di casa che riducono le distanze nella ripresa con Sut senza poi trovare il pareggio. Per finire con la quarta giornata di andata c’è il pareggio fra Treporti e Passarella, succede tutto nelle prime battute di gioco: al vantaggio degli ospiti siglato da Faouzi risponde il Treporti con il calcio di rigore trasformato dal brasiliano Bezerra che (come ci ha fatto notare lo stesso giocatore) non è Fabio Bezerra, l’ex calciatore treportino del campionato 2004-2005, bensì il fratello Heitor. Mercoledì 10 ottobre alle ore 20.30 inizierà la seconda fase del Trofeo Veneto per la quale si è qualificata anche il Città di Eraclea. Queste le due gare in programma per il girone riguardante i granata: Treviso Due – Lugugnana e Città di Eraclea – Marcon, per quest’ultima l’ingresso del pubblico sarà gratuito, vi aspettiamo quindi ad Eraclea mercoledì sera.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*