Caorle beffato dal Bibione che passa a Mogliano, Sanstino salvo.

 Caorle beffato dal Bibione che passa a Mogliano, Sanstino salvo.

Silea – Città di Eraclea

L’ultima giornata di campionato, con il titolo già assegnato alla Muranese, ha definito le posizioni per la disputa dei play-off e la quarta squadra che dovrà giocarsi la salvezza ai play-out. Non sono certo mancate le sorprese sui due fronti, a cominciare dalla gara andata di scena a Mogliano dove i locali hanno rischiato lo stesso piazzamento play-off soccombendo sotto un pesante tre a zero inflitto dal Bibione che compie così una doppia impresa: espugna il terreno di una temibile avversaria e si riprende quella quinta piazza che aveva perso sette giorni prima con la sconfitta interna patita nel match con il Caorle. Succede tutto nel primo tempo, la Pro Mogliano in avvio di gara perde per infortunio una colonna come Touta ed in seguito il Bibione passa in vantaggio con il bomber Colle, prima dell’intervallo ci pensa Consorte a chiudere la gara con una doppietta. Gli uomini di mister Marzola festeggiano l’approdo ai play-off quando giunge la notizia del pareggio del Caorle a Musile, per i caorlotti che erano passati per primi in vantaggio il pareggio di Tegon nel finale di gara unito al quasi inatteso successo esterno dei bibionesi ha il sapore della beffa perchè il loro recente piazzamento play-off sfuma proprio all’ultimo momento. Si conclude invece positivamente la stagione regolare per il Musile di mister Colletto in quanto il punticino incamerato nel pareggio con il Caorle vale il secondo posto in solitaria, un indubbio vantaggio in vista delle gare spareggio-promozione, la prima (come la eventuale seconda) i musilesi la giocheranno in casa affrontando un altalenante ed imprevedibile Bibione. L’altra gara valida per i play-off sarà di scena a Marghera dove i locali affronteranno la Pro Mogliano. A Musile e Marghera sarà sufficiente un pareggio per passare al turno successivo, un vantaggio che consola in parte i margherini dopo la perdita del secondo posto causata dallo stop casalingo targato Noventa. Alla vigilia di questa ultima giornata di campionato anche al Silea rimaneva qualche residua speranza di play-off, per mantenerla viva la squadra trevigiana prima di tutto avrebbe dovuto superare in casa il Città di Eraclea. Nonostante la mancanza di obiettivi la squadra eracleense già tagliata fuori dalla corsa play-off ed al sicuro dalla zona play-out ha ugualmente onorato il campo disputando una combattuta gara in quel di Silea. Per i ragazzi di mister Tasca le difficoltà c’erano tutte a partire da una avversaria determinata a fare bottino da affrontare con una formazione decimata da varie assenze dovute a squalifiche ed infortuni. Nemmeno il caldo pomeriggio pre-estivo ha limitato l’impegno dei granata che alla fine si sono portati a casa un sudatissimo ultimo pareggio che chiude bene questa prima stagione del Città di Eraclea in qualità di neo-promossa con 40 punti all’attivo ed una tranquilla salvezza.

In classifica appena sopra la compagine eracleense troviamo il Nettuno Lido che è andato a far visita al Mazzolada pagando il buon momento che quest’ultima formazione sta attraversando, i portogruaresi difatti timbrano la loro quarta vittoria consecutiva superando i lidensi grazie alle reti di Stefano Drigo e Romeo. Il Mazzolada rimpiange la tardiva riscossa del suo gruppo, nonostante i quattro successi di fila la formazione di mister Davì dovrà affrontare i play-out per mantenere la categoria anche nella prossima stagione, l’avversaria per questo spareggio si chiama Pro Roncade che nell’ultima fatica di campionato ha ceduto di stretta misura a San Stino. I padroni di casa sotto la guida di Boccalon si sono quindi salvati, evitando la lotteria dei play-out, all’ultima giornata superando per due a uno i roncadesi i quali avevano già perso questa speranza sette giorni prima. Una vittoria decisiva per i sanstinesi, perchè senza di questa il Noventa con il sorprendente successo di Marghera li avrebbe scavalcati proprio sul filo di lana. La vittoria casalinga del Sanstino Corbolone ridimensiona quindi l’impresa del Noventa che ora ai play-out dovrà vedersela con il tormentato Cessalto che in questa stagione è stato guidato da tre diversi allenatori. Noventa e Mazzolada affronteranno questi spareggi con il vantaggio di giocare in casa la gara di ritorno ed in caso di parità di punteggio e di differenza reti dopo le due gare saranno dichiarate vincitrici vista la migliore posizione di classifica. Senza storia la gara che si è giocata a Jesolo fra i locali di mister Zanin ed il Meolo, entrambi non avevano più nulla da chiedere al campionato visto che lo Jesolo era già tagliato fuori dalla zona play-off mentre gli ospiti erano retrocessi da tempo. Un match terminato sul 4-1 a favore degli jesolani che è risultato costellato da errori commessi sul campo sia dai 22 giocatori che dall’arbitro portogruarese.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*