Caorle – Città di Eraclea 2-1

CAORLE
  CITTA’ DI ERACLEA
Mazzucato
1
Giro
Carrer
2
Bortoluzzo (50′ Bincoletto)
Donà
3
Sforzin
Valente
4
Roman (68′ Zanusso)
(50′ Corazza) Ceccato
5
Vallese
(56′ Andreetta) Buoso
6
Follador
(76′ Gusso L.) Saramin
7
Tonetto E.
Sartorello
8
Bozzato
(71′ Carrer) Gobbo
9
Franco Martin
Agostini
10
Crosariol (56′ Bezerra)
(68′ Manzato) Gusso S.
11
Margherito
Munerotto
All.
Tasca
Arbitro: Campanerut di Portogruaro
Marcatori: 27′ Gusso S. (C), 35′ Franco Martin (E), 58′ Agostini (C)
Note:
 
Cronaca: Pochi gli spettatori intervenuti sulla capiente tribuna del Comunale di Caorle a causa della concomitante gara della nazionale italiana, i presenti hanno comunque assistito ad un buon incontro fra i locali del Caorle e gli ospiti del Città di Eraclea. I rossoblu di casa dopo aver vinto la partita inaugurale con il Bibione scendono in campo intravvedendo la possibilità di passare al turno successivo, speranza che potrebbe appunto amplificarsi vincendo lo scontro con il Città di Eraclea. Anche sull’altra sponda, quella eracleense, si sente la necessità di ottenere un risultato positivo, dopo la sconfitta di stretta misura patita in casa ad opera dallo Jesolo mister Tasca può contare sul recupero di tre fra gli assenti della domenica precedente, un possibilità in più per fare bene ed infatti il Città di Eraclea che si vede in campo a Caorle dimostra da subito maggiore solidità e questa volta è anche capace di impensierire la retroguardia avversaria. Un avvio di gara positivo per i granata, nei primi 20 minuti non si limitano solamente ad arginare i tentativi dei caorlotti ma arrivano anche ad impegnare per un paio di volte l’estremo difensore di casa. Alessio Crosariol che domenica scorsa aveva giocato solamente uno spezzone di gara subentrando durante la ripresa senza particolari risultati per la sua squadra ora sembra trasformato ed assieme a Margherito mette in difficoltà la retroguardia avversaria grazie a delle veloci verticalizzazioni su tutto il fronte offensivo. Gli eracleensi vanno vicini alla marcatura al 26′ minuto quando Enrico Tonetto sfiora il gran gol con un tiro ad effetto scagliato dal vertice esterno dell’area con palla a girare che sfiora l’incrocio dei pali. L’impresa riesce invece un solo minuto dopo a Simone Gusso del Caorle, c’è un batti e ribatti in area eracleense, la retroguardia granata prova a liberare respingendo palla al di fuori dei 16 metri, sulla sfera vagante si avventa il numero 11 rossoblu che di prima intenzione lascia partire una bordata di destro diretta verso il secondo palo che diventa imprendibile per Giro quando tocca terra prima di infilarsi nell’angolo basso alla sua destra. Il Città di Eraclea reagisce nella giusta maniera e riprende a macinare gioco offensivo giungendo in breve alla rete del pareggio: sono trascorsi otto minuti dalla marcatura dei padroni di casa che il rientrante Franco Martin rimette il tutto in parità, Follador da il via all’azione con un preciso rilancio che permette al capitano granata di scattare sul filo del fuorigioco e dopo aver lasciato sul posto un paio di difensori trasforma l’occasione propizia in gol battendo il portiere in uscita. Primo tempo che termina con una rete per parte ed un equo risultato di parità, ripresa che riserva ancora alcune emozioni e delle belle giocate: la prima al 13′ minuto, palla persa a centrocampo dall’Eraclea e Caorle lesto ad approfittarne con un’apertura a favore di Agostini il quale considerata la libertà che gli viene concessa in quel momento prova e trova un gran gol dalla lunga distanza lasciando partire una micidiale conclusione che si insacca nel sette alla destra dell’incolpevole Giro inutilmente proteso in tuffo. Da applauso. Questa volta gli eracleensi sembrano risentire della rete subita e stentano a trovare la giusta reazione, il Caorle cerca di sfruttare il momento favorevole innestando al 17′ minuto una veloce azione di rimessa basata su una precisa serie di scambi che porta Sartorello alla conclusione da fuori area, questa volta però il gran balzo di Giro è determinante per salvare la propria porta deviando la minaccia in angolo. Con il passare dei minuti il Città di Eraclea si rimette in sesto e spinge con maggiore insistenza alla ricerca del pareggio, ma il Caorle si chiude nella propria metà campo a difesa del minimo vantaggio rischiando qualcosa solamente in un paio di occasioni: al 26′ minuto a seguito di un secco tiro dalla lunga distanza effettuato da Bozzato che Mazzucato blocca in due tempi ed al 39′ minuto quando Franco Martin da l’illusione del gol con una conclusione che lambisce l’esterno della rete. Il generoso forcing finale dell’Eraclea non sortisce effetti positivi ed il Caorle finisce per imporsi grazie alle due micidiali conclusioni dalla distanza di Simone Gusso ed Agostini. Padroni di casa che hanno senza dubbio dimostrato una maggiore solidità rispetto allo Jesolo visto giocare ad Eraclea, nei confronti di quest’ultima il Caorle ha ora due punti in più nella classifica del quadrangolare, un vantaggio da amministrare nello scontro diretto e decisivo di domenica prossima.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*