Città di Eraclea – Nettuno Lido 1-1

CITTA’ DI ERACLEA
  NETTUNO LIDO
Mancuso
1
Longo
Sforzin
2
Bajo
Fralonardo
3
Vianello
Vallese
4
Storelli
Roman
5
Ruzzene
Panont
6
Ricciardi (63′ Maggio)
(84′ Tonetto A.) Tonetto E.
7
Toffolo (71′ Rossi)
Margherito
8
Scarpa
(69′ Marian) Crosariol
9
Sambo
Follador
10
Busatto
(78′ Zanusso) Bozzatto
11
Barbini (43′ Fulco)
Tasca
All.
Busetto
Arbitro: D’amico Rosario di Bassano del Grappa
Marcatori: 54′ Panont (E), 90′ Busatto (NL)
 
 Città di Eraclea - Nettuno Lido 1-1 Cronaca: Finisce come all’andata non solo per il medesimo risultato di uno a uno ma anche per il grosso rammarico del Città di Eraclea per come è maturato il pareggio dei loro avversari. All’andata i lidensi hanno pareggiato grazie ad un calcio di rigore che definire dubbio è poco, nel ritorno giocato ad Eraclea invece l’uno a uno è giunto proprio allo scadere al termine di un match che gli eracleensi hanno condotto per buona parte dei 90 minuti. Archiviata la grigia sconfitta di Roncade mister Tasca si rimbocca le maniche per approntare una formazione sufficientemente competitiva da affrontare un avversario come il Nettuno Lido che si presenta con delle credenziali di tutto rispetto: ha appena battuto la capolista Muranese e la settimana precedente anche la vice capolista Pro Mogliano, è inoltre imbattuto da due mesi. Non di certo un compito facile per il tecnico granata viste le assenze del portiere Giro, al suo posto debutta Mancuso da titolare, del terzino Bincoletto e del bomber Franco Martin, quest’ultima sembra proprio la più pesante. Lo spauracchio di chi ha appena sconfitto le prime due della classe svanisce fin dal primo minuto perchè il Città di Eraclea prende in mano il pallino del gioco mantenendo l’avversario nella sua metà campo per lunghi tratti del primo tempo. I lidensi si fanno vedere in poche occasioni ed il portiere eracleense non tocca un pallone fino al termine della prima frazione di gioco ricoprendo il ruolo dello spettatore. Non risulta molto impegnato nemmeno il suo collega della porta difronte durante la prima mezz’ora, perchè il Città di Eraclea a dispetto dei numerosi palloni recuperati e prontamente giocati in avanti fatica a trovare lo spiraglio giusto fra le maglie dell’attenta e ben piazzata retroguardia ospite per liberare un giocatore che possa concludere in porta. Vuoi per l’imprecisione all’ultimo passaggio o al momento di concludere nonostante la continua pressione granata l’estremo Longo non corre grossi rischi fino al 41′ minuto quando Margherito servito sulla sinistra dell’area si avvicina alla porta avversaria per poi concludere in porta da distanza ravvicinata, ma il portiere lidense è bravo a chiudere sul primo palo deviando la minaccia con un piede. Due minuti più tardi è Crosariol ad avere una colossale occasione per sbloccare il risultato: riceve palla sfruttando un corridoio centrale e scatta veloce infilandosi fra gli ultimi due difensori che non riescono a chiuderlo, si trova così a tu per tu con Longo che non riesce a battere perchè la sua conclusione viene respinta da una gamba del portiere. Ad inizio ripresa il Nettuno Lido cerca di cambiare l’inerzia della gara ma è un fuoco di paglia che dura cinque minuti, perchè il Città di Eraclea riprende in mano l’iniziativa trovando ben presto la rete del vantaggio. Al 9′ Crosariol riceve un lungo rilancio dalle retrovie e scatta sulla sinistra palla al piede, giunto sul fondo effettua un retropassaggio per Bozzatto che è pronto a lasciar partire una insidiosa conclusione dal limite sulla quale un difensore ospite ci mette la gamba rischiando l’autogol, infatti la sfera deviata termina in angolo sfiorando il palo alla sinistra di Longo. Enrico Tonetto si incarica della battuta dalla bandierina con uno spiovente a centro area respinto di testa da Scarpa la palla torna allo stesso Tonetto che la indirizza lunga verso il secondo palo dove Panont che nel frattempo si era sganciato dalle retrovie in cerca di fortuna trova la deviazione sottomisura che spinge la sfera in fondo al sacco. Dopo aver festeggiato Panont al suo primo centro con la maglia granata l’undici eracleense si getta nuovamente in avanti alla ricerca del gol della sicurezza, ma si rivive il film del primo tempo perchè alla grande generosità dei ragazzi diretti da mister Tasca manca sempre la giusta finalizzazione in porta. Ci provano i vari Bozzatto, Crosariol, Margherito Tonetto ed il neo entrato Marian ma per Longo ci sono solo delle rimesse dal fondo da battere, è proprio in quei frangenti che si rimpiange l’assenza del bomber Franco Martin ed il suo opportunismo nello sfruttare le occasioni favorevoli. Alla mezz’ora giallo nell’area del Nettuno perchè Enrico Tonetto lanciato a rete viene travolto dal difensore che lo sta tallonando quando quest’ultimo gli frana addosso, puntuale il fischio del signor D’amico di Bassano che sopraggiunge sul posto non per indicare il dischetto del rigore come si si aspettava ma per ammonire l’incredulo Tonetto per una simulazione del tutto inesistente. Dopo aver fallito numerose occasioni per il raddoppio per il Città di Eraclea arriva la beffa proprio al 90′ minuto a seguito dell’unica sbavatura commessa dall’attenta difesa granata. Il portiere Mancuso ha una indecisione in uscita anche perchè gli piomba addosso un avversario impedendogli la presa del pallone, allora Vallese a scanso di equivoci decide di spazzare in angolo. Un calcio d’angolo che sarà fatale per i padroni di casa, la palla spiove all’altezza del primo palo dove un primo tentativo di conclusione dei lidensi carambola su Vallese con palla che termina verso il lato opposto della porta proprio sui piedi di Busatto il quale del tutto indisturbato non ha difficoltà ad insaccare da distanza ravvicinata (nella foto a fianco la palla colpisce Vallese per poi terminare al nr. 10 Busatto). Una doccia fredda per il Città di Eraclea che perde due importanti punti proprio al termine di una gara che non è riuscita a chiudere prima, per il Nettuno Lido invece un punto che lo premia oltremodo per quanto ha fatto vedere nell’arco dei 90 minuti.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*