Città di Eraclea – Silea 1-0

CITTA’ DI ERACLEA
  SILEA
Giro
1
Lorenzetto
Fralonardo
2
Caldato S.
Bincoletto
3
Dotto (85′ Benedetti)
Panont
4
Feltre
Vallese
5
Pastro
Roman
6
Pontello
(90′ Teso) Bozzatto
7
Lorenzon (80′ Tasca)
Tonetto E.
8
Schiavon
Franco Martin
9
Pieretto
Follador
10
Roma (65′ Di Remigio)
(64′ Marian) Margherito
11
Pastore
Tasca
All.
Biscaro
Arbitro: Graziano Tullio di Padova
Marcatori: 45′ Follador (E)
 
 Città di Eraclea - Silea 1-0 Cronaca: Dopo aver chiuso l’anno solare 2008 con una prestigiosa vittoria ai danni di una quotata avversaria come il Marghera, il Città di Eraclea prosegue la sua corsa vincente nel migliore dei modi regolando anche il Silea con un altro successo che le permette di iniziare il 2009 con il piede giusto ed allo stesso tempo di chiudere in bellezza questo girone di andata nelle vesti della matricola che non t’aspetti. La somma di ammonizioni non lascia scampo, prima o poi scatta la giornata di squalifica ed il Città di Eraclea si è ritrovata ad affrontare quest’ultimo impegno con uno stop inflitto contemporaneamente a Sforzin, Tonetto Alberto e Crosariol, tre giocatori che ricoprono dei ruoli importanti nello scacchiere di mister Tasca pure lui fermato per una giornata e costretto a seguire la gara dalla tribuna. Il Silea dopo aver disputato lo scorso anno una entusiasmante stagione sportiva terminata con i 56 punti che gli sono valsi il secondo posto in classifica alle spalle del Portomansuè sembrava potesse ripartire con le medesime speranze ed invece al giro di boa di quest’ultimo campionato per i trevigiani si sta prospettando una decisa involuzione rispetto al recente passato. I silcesi hanno comunque un buon gruppo messo a disposizione di mister Biscaro che anche quest’anno siede sulla panchina del Silea, per buona parte sembra lo stesso della passata stagione in quanto fra i riconfermati oltre al tecnico troviamo: Lorenzetto, Silvano Caldato, Dotto, Feltre, Pontello, Milanese, Roma, Schiavon, Marco Caldato e Cavallin. I trevigiani che hanno bisogno di muovere una classifica inaspettatamente avara di punti e di soddisfazioni sono al contempo consapevoli di trovarsi ad affrontare una avversaria come il Città di Eraclea che sta attraversando un buon momento di forma. Di conseguenza mantiengono un atteggiamento abbastanza guardingo ad inizio gara badando solamente a contenere e lasciando l’iniziativa agli eracleensi. Quest’ultimi cercano di interpretare al meglio il loro ruolo di squadra che attualmente occupa una lusinghiera posizione in graduatoria, Franco Martin e compagni cercano di approfittare del momento positivo che stanno vivendo cercando la porta avversaria fin dalle prime battute, ma la tambureggiante azione del Città di Eraclea può essere descritta con il solo possesso di palla perchè in avvio mancano proprio le conclusione pericolose indirizzate verso lo specchio difeso da Lorenzetto. Se l’Eraclea manovra di più ma non va alla conclusione il Silea al primo alleggerimento scalda le mani a Giro che deve intervenire su un secco tiro di Feltre a conclusione di una manovra dei trevigiani che si era sviluppata sulla sinistra. I padroni di casa guadagnano alcuni calci d’angolo ed un paio di punizione da posizione interessante ma entrambe non inquadrano la porta ospite, mister Tasca che sta “soffrendo in tribuna” richiama l’attenzione di Bozzatto e Margherito e decide di cambiarli di posizione. E’ proprio Margherito spostato dalla solita fascia sinistra verso destra a diventare una preoccupazione in più per la retroguardia silcese che fatica a contenerlo con le buone maniere. Questo cambio di ruolo rende ancora più intraprendente la squadra eracleense alla quale però manca sempre la conclusione vincente per coronare lo sforzo offensivo profuso fin dal primo minuto. Proprio allo scadere del primo tempo Enrico Tonetto batte un calcio di punizione dalla trequarti di destra, una rasoiata velenosa a mezza altezza che attraversa l’area passa davanti a Franco Martin che tenta senza successo l’impatto di testa e finisce dalla parte opposta dove Follador effettua in rapida successione controllo e legnata verso il primo palo che Lorenzetto cerca invanamente di deviare in quanto il pallone gli piega le mani e termina in fondo al sacco. Dopo due mesi di assenza Andrew Follador rientra da titolare indossando la maglia dello squalificato Crosariol e festeggia l’evento regalando ai tifosi granata un gol che alla fine risulterà decisivo per l’esito della gara. Per ovvi motivi ad inizio ripresa l’atteggiamento del Silea cambia, da rinunciataria la squadra di mister Biscaro cerca di prendere l’iniziativa con la speranza di riacciuffare il pareggio creando dopo due soli minuti una prolungata mischia in area eracleense dove la difesa locale riesce a respingere alcuni tentativi di conclusione verso la porta. Dopo essersela cavata a buon mercato la squadra di casa riprende a controllare gli avversari con la consueta attenzione evitando di ritrovarsi in ulteriori situazioni imbarazzanti. Con il passare dei minuti e l’innesto di un giocatore veloce come Marian per il Città di Eraclea si spalancano le porte del contropiede, ma a causa dell’imprecisione il gruppo diretto da Fabrizio Tasca fallirà alcune limpide occasioni per rimpinguare il bottino di reti. Tutte sui piedi di Franco Martin che orfano della solita spalla di Crosariol è l’unica vera punta di ruolo dell’Eraclea, dapprima scaglia una saetta che mette i brividi a Lorenzetto sorvolando di pochissimo la traversa poi le due colossali chance sul finale di gara. Al 35′ su un rilancio della mediana si inserisce prontamente in un corridoio centrale prendendo in velocità l’ultimo difensore, per il capitano eracleense il gol sembra cosa fatta quando punta tutto solo verso l’area, giunto al limite calcia sull’uscita del portiere ma angola troppo il rasoterra che finisce al lato sfiorando solamente il palo alla destra del portiere (nella foto a fianco). Proprio al 90′ Franco Martin finisce per graziare ancora una volta Lorenzetto, situazione simile alla precedente con il bomber eracleense lanciato che crea il vuoto e scatta verso la porta trevigiana, questa volta l’ultimo difensore gli è incollato alle spalle e quando intuisce che sta per calciare lo sbilancia costringendolo ad una blanda conclusione che colpisce il portiere in uscita. In mezzo alle occasioni avute da Franco Martin ce n’è una anche per il neo entrato Marian che penetra in area e va anche a segno, ma l’arbitro non convalida per un presunto fuorigioco. A proposito della direzione di gara, dopo quella insufficiente del signor Andrea Modesto di Castelfranco nella gara precedente eccone finalmente una di buona da parte del signor Tullio Graziano di Padova che ha ben diretto anche se i 22 in campo lo hanno aiutato comportandosi tutto sommato abbastanza bene. Per il Silea che durante la ripresa è diventata più intraprendente non ci sono azioni degne di nota da segnalare e la sconfitta diventa di conseguenza cosa inevitabile, forse con un primo tempo meno rinunciatario le cose sarebbero terminate diversamente. Grande euforia a fine gara non solo nello spogliatoio eracleense ma anche da parte della dirigenza che al termine del girone d’andata tira brevemente le somme di questa prima parte della stagione dichiarando la propria soddisfazione per quando è stato fatto nel 2008 da mister Tasca ed ovviamente dai ragazzi che quest’ultimo ha a disposizione. Ora per completare l’opera ci sarà bisogno di una certa continuità, questo lo si vedrà già da domenica prossima quando al Comunale di Eraclea arriverà un Cessalto rigenerato dall’ex tecnico granata Boer.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*