Città di Eraclea – Sindacale 1-0

Città di Eraclea

Sindacale

Giro De Palma
Bincoletto Vian
Sforzin Fratter A.
Zanusso (70′ Tronchin)
(46′ Tonetto A.) Ceolin
Vallese (84′ Bianchin)
Roman Bozza O.
Follador Merli
Fregonese Macan
(79′ Marian) (55′ Drigo M.)
Franco Martin Bozza S.
Conte Bozza D.
Margherito Drigo S.
(70′ Tonetto E.) Padovese
All. Tasca All. Bozza S.
 
Arbitro: Alogna Marco di Treviso
 
Marcatori: 43′ Franco Martin (E).
 

 Città di Eraclea - Sindacale 1-0 Durante il girone di ritorno ed in particolar modo quando ci si avvicina al termine della stagione le gare diventano sempre più combattute perchè buona parte delle squadre che scendono in campo alla domenica stanno inseguendo un traguardo da raggiungere nel breve periodo rimasto a loro disposizione. Con questo imperativo si sono affrontate anche Città di Eraclea e Sindacale, i loro obiettivi stagionali sono differenti ma entrambi importanti: il Città di Eraclea ha ancora qualche chance di raggiungere la capolista che è in fuga solitaria dal 28 ottobre scorso, mentre il Sindacale dopo un buon girone di andata ha perso terreno in quello di ritorno ed ha la salvezza ancora tutta da conquistare. Due risultati a disposizione per il Sindacale in quanto quella di Eraclea, in casa della seconda in classifica, è da considerarsi come una trasferta impegnativa e di conseguenza anche un pareggio è da ritenersi un risultato positivo. Al contrario il Città di Eraclea ha un solo bersaglio a disposizione: la vittoria, anche perchè è già a conoscenza del successo ottenuto dalla capolista Bibione nell’anticipo di Lugugnana. Viste le premesse ci si attende una partenza decisa della squadra granata ed invece la gara stenta un po’ a decollare con una prima fase priva di emozioni per gli spettatori presenti. Il Sindacale quando si difende lo fa a pieno organico e chiude un po’ tutti gli spazi alla manovra offensiva portata dalla formazione eracleense che risente della mancanza di un play come Enrico Tonetto costretto alla panchina come il fratello Alberto perchè entrambi non sono in perfette condizioni fisiche. Il primo tempo scivola via con una leggera supremazia territoriale dei padroni di casa che stazionano a lungo nella metà campo avversaria cercando la porta a più riprese con Fregonese e Franco Martin senza esiti particolari. Anche capitan Franco Martin non ha lo smalto delle precedenti gare a causa di un attacco febbrile dal quale si è appena ripreso, ma l’esperienza ed il grande opportunismo da attaccante di razza sono rimasti intatti e lo si comprende al 43′ minuto quando sfrutta al meglio un calcio d’angolo battuto da Conte rubando il tempo ad un paio di avversari per il colpo di testa che manda la palla alle spalle di De Palma (nella foto). Viste le difficoltà di trovare la porta incontrate durante il primo tempo mister Tasca durante l’intervallo lascia Zanusso negli spogliatoi e gioca la carta Alberto Tonetto con la speranza di dare maggior brio alla manovra offensiva della sua squadra. Quello di inizio ripresa è un Città di Eraclea diverso e determinato a trovare quel secondo gol che potrebbe chiudere le sorti del match, un raddoppio che i granata sfiorano in almeno quattro occasioni durante i primi 20 minuti. Al 3′ Margherito in una delle sue solite scorribande sulla fascia sinistra si rende protagonista con un tiro-cross che termina la sua corsa colpendo la parte alta della traversa. L’Eraclea ora spinge con decisione ed al 7′ minuto conquista un calcio di punizione dai 20 metri in posizione centrale che Franco Martin calcia lasciando partire una sassata sulla quale De Palma si allunga in tuffo arrivando a respingere di pugno la conclusione in calcio d’angolo. Un minuto più tardi ci prova Roman che dal centrocampo avanza palla al piede e poi calcia con forza dalla lunga distanza una palla che sembra destinata ad insaccarsi a fil di palo alla sinistra di De Palma bravo e reattivo a salvare nuovamente la sua porta con un gran tuffo. Ancora vicina al gol l’Eraclea al 17′ minuto con il proprio capitano Franco Martin che è lesto riconquistare palla sulla trequarti soffiandola ad un difensore avversario per poi avanzare fino al vertice destro dell’area da dove calcia sul primo palo ma si trova di fronte un De Palma in grande giornata che riesce a togliere la sfera da sotto l’incrocio. La grande fiammata dell’Eraclea non porta quindi al gol sicurezza e con il passare dei minuti la spinta offensiva della squadra granata va gradatamente spegnendosi lasciando spazio all’azione della squadra ospite che sospinta dal cuore e guidata dal proprio allenatore che ricopre anche il ruolo di giocatore a tutto campo si affaccia ora con maggiore insistenza dalle parti di Giro. Considerato il solo gol di svantaggio ed il calo accusato dall’Eraclea nella seconda parte della ripresa Simone Bozza e compagni credono nella possibilità di poter agguantare il pareggio, ma il reparto difensivo dei granata ribatte colpo su colpo senza scomporsi più di tanto evitando guai particolari per la porta difesa da Giro. L’arbitro assegna cinque minuti di recupero e proprio all’ultimo istante arriva l’unico vero brivido per gli eracleensi: il Sindacale nell’ultimo disperato tentativo si riversa nell’area granata, dalla mischia parte una conclusione non forte ma che è destinata all’angolino basso alla destra di Giro che salva il risultato allungandosi in tuffo per deviare la palla in angolo. Non c’è però il tempo per il tiro dalla bandierina perchè il direttore di gara fischia la fine di una gara che vede il Città di Eraclea avere la meglio su un Sindacale mai domo e che esce a testa alta dal comunale eracleense. Questi tre punti servono alla formazione diretta da mister Tasca per mantenersi a cinque lunghezze dalla capolista anche se un’altra giornata se ne è andata ed alla fine ora ne mancano cinque.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*