Città di Eraclea – Villanova 5-1

Città di Eraclea

Villanova

Giro Pasian
Bincoletto Falcomer D.
Sforzin Falcomer G.
Follador Gastaldin
Vallese Barbesin
(78′ Daneluz) Buson
Roman Puppo
Tonetto A. (46′ Locatelli)
Tonetto E. Trevisan
(66′ Marian) Perissinotto
Franco Martin Bon
Conte Lena
Margherito  
(83′ Stefanel)  
All. Tasca All. Moretto
 
Arbitro: Voltarel Giacomo di Treviso
 
Marcatori: 16′ Perissinotto (V), 20′ Follador (E), 30′ Margherito (E), 46′ (rig.), 86′ e 91′ Franco Martin (E).
 

 Città di Eraclea - Villanova 5-1

Franco Martin trasforma il calcio di rigore

Dieci sono i gol che il Città di Eraclea ha messo a segno nei due incontri di campionato disputati contro il Villanova equamente suddivisi fra andata e ritorno. Altri numeri da sottolineare di questa doppia sfida sono le sette reti che Franco Martin ha realizzato contro i neroverdi, quattro nella gara di andata che rimarrà certamente ricordata a lungo come la grande rimonta dell’Eraclea e tre in quella di ritorno, tutte curiosamente realizzate dal capitano granata durante i secondi tempi. Dopo il previsto turno di sosta della scorsa domenica si ritorna a giocare anche se il Città di Eraclea durante i primi minuti di gara sembra quasi non rendersene conto, ne approfitta il Villanova che al 16′ minuto trova la rete del momentaneo vantaggio. Domenico Falcomer scende sulla destra e da fondo campo scodella palla all’interno dell’area, l’estremo Giro anticipa tutti respingendo con i pugni la sfera al di fuori dei 16 metri dove si trova Buson che tenta la conclusione in porta, in realtà ne esce un tiro svirgolato che si trasforma in un assist a favore di Perissinotto il quale dal limite dell’area piccola corregge la traiettoria del pallone mandandolo in fondo al sacco. La rete subita è la scossa che serviva al Città di Eraclea perchè già un minuto dopo i padroni di casa cominciano a fare sul serio andando vicini al pareggio: discesa di Follador sulla destra che si conclude con un traversone che viene girato in porta da Franco Martin, ma la palla sorvola di pochissimo la traversa a portiere battuto. La rete per i granata è comunque rimandata di poco, trascorrono altri tre minuti e questa volta la squadra diretta da Fabrizio Tasca scende sulla sinistra con Margherito che pennella un preciso cross da fondo campo sul quale Follador svetta più in alto di tutti per un colpo di testa che non lascia scampo al giovane Pasian. I padroni di casa continuano a crescere e gli ospiti faticano a contenerli ed alla mezz’ora il risultato è ribaltato grazie ad una grande azione personale di Enrico Tonetto che semina il panico sulla destra dribblando tre avversari prima di servire un delizioso assist diretto verso il secondo palo sul quale l’accorrente Margherito si fa trovare pronto per la deviazione vincente. L’Eraclea sembra determinata a voler chiudere il primo tempo con un vantaggio più rassicurante per giocare più tranquillamente durante la ripresa ed al 40′ ha l’occasione giusta per il 3 a 1: azione molto simile a quella del pareggio questa volta però il cross dalla sinistra viene effettuato da Alberto Tonetto per il solito stacco di testa di Follador che ancora una volta indirizza palla verso il primo palo ma si vede negare la gioia della doppietta da un gran balzo di Pasian che nell’occasione salva la sua porta con una portentosa deviazione. Tensione fra le fila ospiti al termine del primo tempo, i neroverdi protestano vivacemente con l’arbitro per un loro giocatore rimasto a terra un attimo prima del fischio finale. Gli animi non si calmano e nel tunnel che porta agli spogliatoi il direttore di gara vede un colpo proibito di Buson che lo porta ad estrarre il cartellino rosso per il numero sei ospite. Il Villanova anche se in dieci non ha certo l’intenzione di alzare bandiera bianca e rientra in campo determinata a cercare la rete del pareggio anche con l’inserimento di Locatelli. La speranza degli ospiti però svanisce ben presto perchè il Città di Eraclea già al primo minuto trova la terza marcatura: l’azione nasce da un inserimento di Enrico Tonetto sulla destra che riceve palla sulla trequarti, punta l’avversario, lo salta e poi entra in area subendo quindi il ritorno dello stesso difensore che ingenuamente interviene da tergo agganciandolo sul piede di appoggio. L’arbitro è ben piazzato e fischia subito il calcio di rigore che Franco Martin trasforma con freddezza grazie ad un preciso rasoterra che Pasian intuisce ma non arriva a deviare. Anche dopo la terza rete il Villanova non cambia atteggiamento e con grande cuore si spinge in avanti convinta che la gara non è ancora decisa. Sull’altra sponda l’Eraclea in parte appagata dal 3 a 1 rallenta la propria spinta correndo anche qualche rischio di troppo che si traduce in due palle-gol che gli ospiti si ritrovano fra i piedi ma non sfruttano a dovere al 10′ ed al 15′ minuto. In entrambi i casi i pericoli corsi dai granata sono frutto di un paio di leggerezze difensive sotto forma di rinvii errati che permettono agli attaccanti del Villanova di ritrovarsi a tu per tu con Giro che è però decisivo nel metterci una pezza opponendosi con il corpo in ambedue le situazioni. Fino alla mezz’ora il Città di Eraclea si limita a controllare la sfuriata degli ospiti, poi approfittando anche di un calo fisico degli avversari si ripropone con decisione in avanti e per il Villanova sono ancora dolori. Dopo alcune conclusioni che non inquadrano lo specchio della porta i granata dilagano nel finale: al 41′ minuto la quarta rete arriva da calcio d’angolo, sullo spiovente dalla bandierina Franco Martin prende il tempo ad un paio di avversari e di testa mette il pallone alle spalle di Pasian. Di seguito il capitano granata si merita tutta l’ovazione del pubblico amico quando, al 46′ minuto, sfrutta un traversone di Alberto Tonetto dalla destra per esibirsi in una plastica mezza rovesciata che lascia di stucco anche lo stesso portiere avversario che non può opporsi, un gesto atletico di rara bellezza ad incorniciare questa sua tripletta personale. Applausi per tutti i granata a fine partita che festeggiano così la loro ottava vittoria casalinga, otto sono anche le gare che mancano al termine del campionato, ma con un Bibione che continua a vincere l’opzione play-off si fa sempre più concreta.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*