Eraclea beffata all’ultimo secondo, al Cuore Granata manca solo un po’ di fortuna

 Eraclea beffata all'ultimo secondo, al Cuore Granata manca solo un po' di fortuna

All’Eraclea non basta il gol di Bullo per piegare Mazzolada

In questi ultimi tempi al Città di Eraclea non ne va proprio bene una: squadra ricostruita durante l’estate, conseguente avvio di stagione tutto in salita ed ora che sta offrendo delle buone prestazioni, come si è visto nelle ultime due gare, si deve accontentare di un paio di pareggi che le stanno assai stretti visto come sono maturati. Se a Pramaggiore i giocatori granata hanno contestato il direttore di gara che ha convalidato il pareggio dei locali nonostante fosse viziato da un fallo commesso in attacco, nell’ultima fatica casalinga è un pizzico di fortuna in più ad essere mancato alla squadra diretta da Lorenzo Piccolo. Messo alle corde il Mazzolada durante il primo tempo chiuso meritatamente sull’uno a zero grazie alla rete di Bullo gli eracleensi hanno avuto più di un’occasione per chiudere anzitempo il match ma la palla non ha più gonfiato la rete degli ospiti, non solo per l’imprecisione in fase di conclusione ma anche per le decisive parate del portiere portogruarese, poi come nei peggiori incubi la beffa giunge proprio all’ultimo secondo di gioco nel momento in cui l’arbitro sta per fischiare la fine e si materializza con il pareggio del Mazzolada. Il Città di Eraclea rimane così in penultima posizione mantenendo un solo punto di vantaggio sul fanalino di coda Libertas Ceggia che ha ugualmente pareggiato con il medesimo punteggio di uno a uno. Quest’ultimo risultato giunge un po’ a sorpresa in quanto i ciliensi andavano a far visita ad un Silea forte del primato in classifica e di conseguenza con i pronostici della vigilia a suo favore. I silcesi provano ad interpretare il loro ruolo di prima della classe sbloccando il risultato già al 5′ minuto con Berto ma in seguito oltre a sprecare numerose occasioni per rimpinguare il loro bottino di reti finiscono per subire il pareggio del team guidato da mister Boer che rimette le sorti in parità per merito di Moretto. Primato in classifica perso per il Silea che a seguito della concomitante vittoria del Pramaggiore deve ora scalare in seconda posizione.

I pramaggioresi ritornano alla guida in solitaria del girone dopo l’ultimo successo ottenuto in terra jesolana. Ci vogliono comunque due calci di rigore per vincere la resistenza dello Jesolo diretto da Nicolaj Biancotto, il secondo penalty è stato vivacemente contestato dai padroni di casa che innervositi per la doppia punizione inflitta loro dall’arbitro finiscono per subire anche la terza rete dai ragazzi di mister Rauso che si portano sul 3-0 con un gran colpo di testa di Koffi, inutile poi il gol della bandiera realizzato da Amadio. Il Pramaggiore, in qualità di squadra che ha appena fatto il salto di categoria a seguito di un ripescaggio, si è reso artefice di un avvio di campionato che ha positivamente sorpreso un po’ tutti, ma non è il solo perchè anche il Real San Marco che è pure una neo-promossa ha interpretato al meglio le prime gare disputate nella categoria superiore. I mestrini dopo aver stentato nel loro girone del Trofeo Veneto e nelle prime due di campionato, entrambe perse, sembrano aver trovato la quadratura del cerchio inanellando tre vittorie ed un pareggio. Il loro ultimo successo è il 2-1 ottenuto affrontando i lidensi del Nettuno che non hanno certo sfigurato a Mestre mantenendo per lunghi tratti della gara il pallino del gioco in mano ma sono stati ugualmente castigati dalla doppietta di Germano. La seguente reazione della squadra ospite porta alla rete che dimezza le distanze ma giunge tardiva ed il risultato finale sorride così al Real San Marco che si impone per 2-1 proiettando la squadra mestrina in terza posizione che condivide con il Caorle di mister Gallo. Quest’ultima si rende protagonista di una importante vittoria in trasferta in casa di una delle squadre più in forma del momento: il Cavallino. Ai caorlotti per portare a casa i tre punti è sufficiente il gol realizzato da Corazza dopo nemmeno dieci minuti sfruttando una corta respinta della difesa cavallinotta. Dopo un avvio deludente il Caorle sembra voler al più presto riprendersi quei favori del pronostico che quest’estate la davano fra le pretendenti alla vittoria finale. Il Cavallino invece, nonostante questo stop interno, ha comunque confermato il suo ruolo di matricola terribile mettendo a lungo in difficoltà gli ospiti del Caorle, alla squadra di mister Bortoluzzi è mancato solo il gol perchè le occasioni per pareggiare ci sono state. Con questa sconfitta i gialloverdi sono stati agganciati in classifica da Union Sandonatese e Marghera due squadre che si sono ritrovare di fronte in quel di Musile impattando per 2-2 al termine di una sfida ricca di emozioni. I padroni di casa diretti da mister Colletto hanno creato più occasioni da rete concretizzandone un paio grazie al solito duo Morelli Comin, più cinico invece il Marghera che si è porta per primo in vantaggio e poi dopo la sfuriata dei padroni di casa che ribaltano il risultato è bravo a non disunirsi e a riportare le sorti in parità con un’altra rete del giovane Patrick Bortolini, classe 1991, per il neo maggiorenne una doppietta da aggiungere all’albo dei ricordi. Prima vittoria in campionato per il Noventa che giunge in zona Cesarini riuscendo così ad avere la meglio sugli ospiti del Bibione, dopo lo sfortunato autogol ad opera di Andreuzza ed il trascorrere inesorabile dei minuti che lasciavano presagire una brutta sconfitta interna i ragazzi di mister Bergamo non si sono mai dati per vinti rovesciando la situazione proprio nei minuti finali con le reti messe a segno da Schioppalalba e da Ervas. Passo indietro del Corbolone, dopo l’incoraggiante vittoria esterna ottenuta sette giorni prima al Lido di Venezia i sanstinesi rimediano con lo stesso risultato di 0-2 una brutta sconfitta interna ad opera dei trevigiani del Casier Dosson bravi a sfruttare quel contropiede che frutta loro tre pesanti punti per una classifica ora un po’ più tranquilla. Domenica prossima fari puntati sul match che mette di fronte le due big del campionato con il Caorle che ospita l’Union Sandonatese.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato
Il tuo commento verrĂ  valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*