I primi importanti verdetti della stagione definiscono la testa e la coda della classifica

 I primi importanti verdetti della stagione definiscono la testa e la coda della classifica

Parolari e compagni sono pronti per festeggiare

Muranese in Paradiso dopo il poker inflitto allo Jesolo, alla squadra allenata da Tagliapietra sarà sufficiente un pareggio nella prossima gara casalinga con il Silea per avere la certezza matematica dell’immediato ritorno in Promozione. Gli isolani non hanno trovato grossi ostacoli nell’affrontare uno Jesolo che sembra attendere solo il termine della stagione per riordinare le idee dopo un campionato iniziato molto bene ma che sta terminando in maniera infelice. Oltre al blando ostacolo offerto dallo Jesolo la Muranese ha potuto contare sulla complicità del Silea che proprio all’ultimo istante è riuscita a fermare sul pari la Pro Mogliano, unica squadra che avrebbe potuto ancora creare qualche insidia alla corsa promozione dei lagunari. Gara ricca di emozioni, giocata a viso aperto da entrambe le formazioni trevigiane che i moglianesi stavano per condurre a termine con una importante vittoria se non fosse stato per il colpo di scena finale avvenuto al primo minuto di recupero quando il neo entrato Di Remigio si è conquistato un calcio di rigore poi trasformato da Caldato per il pareggio dei silcesi. La Pro Mogliano viene così raggiunta in graduatoria dal Marghera e dal Musile entrambe vincenti in casa con il medesimo risultato di uno a zero. Il Marghera ha affrontato un Città di Eraclea attanagliato dai numerosi problemi fisici di questo finale di stagione impostando una gara offensiva fin dalle prime battute di gioco. Dopo un primo tempo a senso unico con due legni colpiti dai margherini durante la ripresa si intravvede un leggero miglioramento da parte degli eracleensi che finiscono però per cedere a pochi minuti dal termine proprio quando credevano di riuscire a portare a casa un sudatissimo punto. Il risultato negativo del Città di Eraclea viene mitigato dalle notizie provenienti dagli altri campi, alla luce della sconfitta del Noventa a Mazzolada e considerando lo scontro diretto di domenica prossima tra lo stesso Noventa ed il Sanstino mister Tasca può già affermare con due giornate di anticipo di aver raggiunto l’obiettivo primario chiesto dalla società ad inizio stagione: una salvezza tranquilla. Infatti, qualsiasi possa essere l’incrocio dei risultati delle due rimanenti domeniche di campionato il Città di Eraclea potrà essere raggiunta o scavalcata da una sola fra Sanstino e Noventa ma non da entrambe escludendo così qualsiasi possibilità di play-out per gli eracleensi. Il Musile invece rafforza la sue chances di play-off vincendo ancora una volta di stretta misura, dopo un primo tempo guardingo e basato sulla difensiva da parte di entrambe le contendenti la squadra di mister Colletto riesce ad avere la meglio sulla Pro Roncade puntando sulle individualità, prima ci prova senza esito il solito Visentin su punizione ci riesce invece Ferrari quando ribatte in rete un pallone respinto dalla traversa. Per Pro Mogliano, Musile e Marghera i play-off sono oramai una concreta possibilità, rimane ancora in ballo la quinta piazza attualmente contesa fra Bibione e Silea.

I bibionesi, senza strafare, riescono a passare sul terreno di Cessalto grazie alla doppietta dell’esperto Colle favorita da una leggerezza dell’estremo cessaltino Balsarin, per il quale rimane del tutto immutata la nostra stima. Il Bibione si riprende così il suo piazzamento play-off scavalcando il Silea ed il Nettuno Lido, quest’ultima sperava di ripetere l’impresa della domenica precedente quando espugnò proprio il campo del Bibione, questa volta invece la trasferta di Caorle è risultata indigesta ai lidensi che sono ritornati in laguna con tre reti sul groppone. Tonetto, Agostini e Sartorello riaccendono così qualche flebile speranza di riaggancio alla zona nobile della graduatoria per il Caorle, speranza che potrà rafforzarsi solo in caso di successo a San Michele nel prossimo scontro diretto con il Bibione. La zona play-out è ugualmente quasi definita, sicure di dover giocare gli spareggi per non retrocedere sono il Mazzolada ed il Cessalto, rimangono pochissime chances di evitarli alla Pro Roncade che oltre a vincere con il Mazzolada, cosa non facile di questi tempi chiedete al Noventa, dovrà pure sperare in un pareggio fra Noventa e Sanstino. Matematica a questo punto la retrocessione del Meolo alla cui società va il nostro sincero augurio di un pronto ritorno in prima categoria, nonostante la situazione compromessa i meolesi hanno ugualmente cercato di far risultato a San Stino mettendo in difficoltà i padroni di casa e sprecando più di una occasione nei primi 20 minuti di gioco, ma vengono poi castigati alla prima vera puntata offensiva dei sanstinesi che viene trasformata in rete da Giacomini. Durante la ripresa il Meolo alla ricerca del pareggio finisce ben presto per scoprirsi e subisce altre reti tutte realizzate sul filo del fuorigioco, lo stesso Giacomini va a segno altre due volte rendendosi artefice di una tripletta anche se per il povero Meolo il 4-0 finale sembra una punizione oltremodo eccessiva, d’altra parte come avevamo già sottolineato in precedenza per i meolesi questa non è proprio l’annata fortunata. Il Sanstinocorbolone approfitta della sconfitta del Noventa a Mazzolada per scavalcare in classifica proprio i noventani e riesce così dopo lungo tempo a mettere la testa al di fuori della zona calda. Per il Noventa è senz’altro una brutta sconfitta sconfitta quella patita sul terreno di una squadra già certa di dover giocare i play-out perchè viene aggravata dalle tre espulsioni subite che priveranno mister Bergamo di alcune pedine importanti in vista dell’importantissimo scontro salvezza nel quale i noventani affronteranno proprio il Sanstino. Per quanto finora scritto i campi principali di domenica prossima sono senza dubbio quello di Murano dove gli isolani hanno l’occasionissima di festeggiare la promozione davanti al proprio pubblico e quello di Noventa che potrà chiarire quale squadra fra il Noventa ed il Sanstino Corbolone dovrà affrontare gli spareggi salvezza, aggiungiamo anche San Michele per il match play-off fra il Bibione ed il Caorle. Ad Eraclea invece si giocherà il classico derby fra Città di Eraclea e Jesolo che in questo finale di campionato ed alla luce della classifica di queste due compagini ha perso il consueto interesse.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato
Il tuo commento verrĂ  valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*