Il Bibione stende la capolista Jesolo e la Muranese passa al comando

 Il Bibione stende la capolista Jesolo e la Muranese passa al comando

Città di Eraclea – Caorle

La gara più attesa della domenica si giocava a San Michele dove si incontravano due squadre che hanno a turno occupato la vetta della classifica, lo Jesolo si presentava nelle vesti di leader del girone determinata a difendere il suo primato dall’assalto della terribile matricola Bibione che ha già dato dimostrazione, con i risultati fino ad ora conseguiti, di non volersi accontentare della sola salvezza. Ne è scaturito un match combattuto che ha riservato diverse emozioni come la partenza sprint con il vantaggio dei padroni di casa dopo due soli minuti e l’immediato pareggio jesolano. Gli ospiti ribaltano il risultato attorno alla mezz’ora, ma il secondo tempo sarà di marca bibionese con altre tre reti realizzate dagli uomini di mister Marzola che finiscono per mandare definitivamente al tappeto uno Jesolo che ha probabilmente risentito della recente gara di coppa disputata con il Calvi Noale. La Muranese impone la consueta legge del suo campo regolando con un secco tre a zero il Musile e grazie allo stop che il Bibione ha imposto allo Jesolo scavalca quest’ultima passando così al comando della classifica. Le prime tre sono inseguite da un gruppone di quattro squadre fra le quali figura anche il Città di Eraclea che conferma il suo buon momento piegando durante la ripresa anche il Caorle dopo un primo tempo equilibrato e non molto spettacolare. Soddisfazione in casa granata per i risultati fino ad ora conseguiti nonostante le consuete defezioni, in attesa di poter recuperare tutti gli assenti e chi sta giocando non in perfetta forma per permettere così a mister Tasca di stilare la formazione tipo.

A pari punti con il Città di Eraclea ecco il Marghera che dopo la debacle casalinga torna alla vittoria espugnando il terreno del Silea con il minimo scarto di due a uno, primo tempo favorevole ai margherini che piazzano l’uno-due vincente, ripresa che vede i trevigiani alla riscossa ma il loro arrembaggio porta alla sola rete di Pastore che non è sufficiente ad evitare la sconfitta ad un Silea fino a questo momento deludente. Quindici punti in classifica anche per Pro Mogliano e Nettuno Lido, la prima dopo l’esonero di mister Pesce si ripresenta davanti al proprio pubblico guidata da Bellomo che conduce i suoi alla vittoria sul Mazzolada, le due reti vincenti sono state entrambe realizzate attorno alla mezz’ora del primo tempo. Il Nettuno Lido invece dopo aver strappato con fatica il pareggio al Città di Eraclea va a conquistare gloria sul campo del Meolo anche se nei due gol dei lidensi c’è una certa complicità della difesa meolese, pure in questo caso la squadra di casa reagisce nella ripresa arrivando però solamente a dimezzare le distanze. A centro classifica passo falso del Noventa che in superiorità numerica dal 36′ del primo tempo per l’espulsione del portiere roncadese non riesce ad avere la meglio su una Pro Roncade in piena crisi di risultati facendosi rimontare in pieno recupero, e non è sempre colpa dell’arbitro quando non si riesce a chiudere una gara come qualcuno vorrebbe far credere. Pareggio anche fra il Cessalto ed i vicini di casa del Sanstino Corbolone, un punto che potrebbe essere considerato pesante per i cessaltini vista la loro precaria classifica ma che allo stesso tempo sta stretto alla compagine di mister Boer visto lo sforzo profuso per buona parte della gara. Rimane ancora deludente la classifica dei sanstinesi che erano partiti con ben altre aspirazioni, a Cessalto si sono limitati ad andare a segno su calcio di rigore trasformato dal loro portabandiera Giacomini. La prossima giornata non sembra offrire alcun scontro al vertice ma l’occasione per le deluse di trovare il momento del riscatto.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*