Il Bibione torna alla vittoria, ma Città di Eraclea e Cavallino non mollano

 Il Bibione torna alla vittoria, ma Città di Eraclea e Cavallino non mollano

Città di Eraclea – Sindacale

La pausa pasquale sembra aver giovato alla capolista Bibione per rimettersi in ordine dopo i due pareggi consecutivi che ne avevano rallentato la corsa permettendo alle inseguitrici di avvicinarsi. I bibionesi nell’anticipo di sabato pomeriggio tornano alla vittoria imponendosi di misura a Lugugnana con una rete del solito Colle che è anche il capocannoniere del campionato. Città di Eraclea e Cavallino speravano in un risultato positivo del Lugugnana che invece non è riuscita a fermare la capolista nonostante non attraversi un gran periodo di forma. Rimangono ora solo cinque giornate al termine del campionato come cinque sono anche i punti che distanziano chi è in vetta da chi spera ancora nell’aggancio. Cavallino e Città di Eraclea hanno giocato conoscendo già il risultato del Bibione, sapendo quindi di dover assolutamente vincere. La prima nel classico derby con il Treporti, che ha visto il ritorno in panchina di mister Scarpi, ha stentato molto ad imporsi sui “cugini” riuscendovi solamente in pieno recupero con il gol partita di Pizziol. Anche il Città di Eraclea non ha avuto vita facile contro un Sindacale ben messo in campo da mister Simone Bozza, giocatore-allenatore che ha preso per mano la sua squadra durante tutto l’incontro. Questa gara è stata decisa da un colpo di testa di Franco Martin allo scadere del primo tempo, poi ad inizio ripresa il Città di Eraclea ha sfiorato più volte il raddoppio che gli è stato negato da alcune importanti parate dell’estremo De Palma.

Dietro alle prime tre la Fossaltese cade a Giussago, una sconfitta che spegne definitivamente le ultime speranze di scalata al vertice per la squadra diretta da mister Lescarini. Per la Giussaghese che aveva già messo in seria difficoltà la squadra avversaria all’andata si tratta di una vittoria di prestigio che la mette definitivamente al sicuro dalla zona play-out. Lo stesso vale per il Gainiga che si impone per 2-1 sull’Altino, doppietta di Andrea Boatto, salendo così a quota 33 come la Giussaghese. La cura Zimolo sta dando i suoi frutti a Pramaggiore dove la squadra locale ha dapprima fermato sul pari la capolista Bibione ed ora nell’anticipo casalingo ha travolto la Vigor per 5-0, una gara nella quale ha brillato il bomber Stefano Lepore autore di una tripletta che allontana la sua squadra dalle zone pericolose della classifica. Ancora un buon passo in avanti anche per l’Aurora San Nicolò che ha la meglio sul fanalino di coda Passarella ed esce così dalla zona play-out dove ha pure il suo peso la vittoria esterna della Nuova Caorle di mister Rossignoli. A farne le spese è il Villanova che si ritrova tristemente in penultima posizione anche se il distacco dalla coda è per il momento un rassicurante +6. Lo sprint finale per tentare di evitare i play-out comprende sette squadre, da queste usciranno le quattro che dovranno disputare gli spareggi salvezza.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*