Il Cavallino sorprende l’Union Sandonatese, il Caorle è un rullo compressore

 Il Cavallino sorprende l'Union Sandonatese, il Caorle è un rullo compressore

All’Eraclea non è bastata la doppietta di Marian

Arriva dal girone 24 la vera sorpresa della domenica, il Cavallino vince di misura a Musile soffiando la qualificazione alla squadra favorita alla vigilia per il passaggio del turno: l’Union Sandonatese. La formazione diretta da mister Colletto però si è lamentata per il “gol fantasma” che ha deciso il match: pallonetto di Rosada che scavalca il portiere del Musile in uscita e seguente salvataggio di Carli sulla linea di porta, per l’arbitro invece la palla aveva già superato la fatidica riga bianca. Nel medesimo quadrangolare il derby fra Jesolo e Città di Eraclea, che non aveva interessi di classifica, è risultato ugualmente combattuto e ricco di reti anche a causa di un primo tempo poco brillante e ricco di disattenzioni offerto dagli eracleensi. Dopo le prestazioni positive contro Cavallino e Union i ragazzi di mister Piccolo hanno evidenziato una certa involuzione di gioco che non ha lasciato per niente soddisfatto il tecnico granata a fine gara. Dopo l’illusorio vantaggio iniziale realizzato da Marian un Eraclea molle e deconcentrata concede un po’ troppo allo Jesolo che è lesto ad approfittarne e nel giro di 15 minuti mette a segno ben tre reti che mandano al tappeto la compagine granata. Qualcosa di meglio si vede durante la ripresa ma alla seconda rete messa a segno ancora da Marian non segue quella del pareggio. Il Caorle viaggia all’incredibile media realizzativa di quattro reti per gara, dopo Bibione e Libertas Ceggia anche il Mazzolada subisce una quaterna dal poderoso attacco caorlotto dove è il navigato bomber Doratiotto a brillare su tutti. La squadra diretta da mister Gallo conclude così questa prima fase del Trofeo Veneto a punteggio pieno, al Pramaggiore invece sono sufficienti 5 punti nel girone 25 per passare alla fase successiva. Qualificazione ottenuta dopo il pareggio per uno a uno conseguito sul terreno della Gorghense ma anche a seguito della sconfitta interna del Noventa (la seconda consecutiva) ad opera del Corbolone.

Il Marghera si impone a Camponogara per 3-1 vincendo quindi il proprio mini-girone, quello numero 22, nello stesso quadrangolare il Real San Marco da battaglia alla Robeganese e si porta anche in vantaggio per 2-1 ma alla fine deve cedere ad un paio di reti subite negli ultimi minuti di gioco che fissano il finale sul 3-2 a favore della Robeganese. Ancora una sconfitta per il Nettuno Lido che conclude tristemente il suo girone 23 subendo un 2-1 casalingo ad opera della Salese, in svantaggio di due reti dopo soli 12 minuti i lidensi riducono le distanze già al 25′, in seguito però non riescono più a trovare la via del gol per poter almeno impattare l’incontro. Come è di consuetudine la prima fase del Trofeo Veneto rappresenta una sorta di rodaggio per buona parte delle squadre che si apprestano ad affrontare l’imminente campionato. Al termine di questo primo quadrangolare ogni società ha tratto le proprie conclusioni in base a quanto visto sui campi durante le tre gare di inizio stagione. Non sempre comunque questa fase di pre-campionato rappresenta un vero e proprio banco di prova, anzi questi risultati hanno spesso tratto in inganno portando gli appassionati ad esprimere dei giudizi affrettati, positivi o negativi che siano, che il passare del tempo ha poi smentito. Domenica inizia il campionato e qualcuno sarà chiamato a ripetere i primi successi ottenuti in coppa, per chi ha stentato fino ad ora invece sarà vietato fallire ulteriormente.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*