Jesolo schianta Meolo, mentre l’Eraclea chiude l’andata in bellezza

 Jesolo schianta Meolo, mentre l'Eraclea chiude l'andata in bellezza

Città di Eraclea – Silea

Vista la classifica e la rosa a disposizione l’ago della bilancia pendeva senza dubbio a favore dello Jesolo, ma il Meolo non è certamente partito rassegnato e durante la prima mezz’ora di gioco ha messo in seria difficoltà il quotato ospite in più di una occasione. La squadra di Beninato è andata vicinissima al meritato vantaggio dapprima con il palo colpito da Zanatta e poi Fantinello si è visto negare il gol da un grande intervento di Lucchetta. Pericolo scampato quindi per la capolista che esce alla distanza e con grande cinismo punisce il povero Meolo con la doppietta di Giro alla quale si aggiungono le reti di Carniel ed Alessio Soncin. In seconda posizione anche la Muranese fatica ad avere la meglio sul fanalino di coda Cessalto che a sorpresa si aggiudica il primo tempo per due a uno, ma nella ripresa è il solito Cavalli a fare la differenza siglando il tre a due finale a favore degli isolani dopo che Montrone aveva pareggiato con un gran tiro al volo. In attesa del recupero (Cessalto – Jesolo) rimane di una sola lunghezza la distanza fra la capolista Jesolo e la diretta inseguitrice Muranese, quest’ultima a sua volta è incalzata ad un solo punto dal terzetto: Marghera, Pro Mogliano, Città di Eraclea. Sembra proprio essere quest’ultima la vera sorpresa del girone d’andata raccogliendo la settima vittoria stagionale ai danni di un buon Silea. La squadra di mister Tasca sembra rigenerarsi quando si trova di fronte alle difficoltà come è successo in quest’ultimo incontro per il quale lamentava ben tre squalificati e due infortunati. La rete che ha deciso il match è stata realizzata dal rientrante Follador che festeggia così il suo ritorno dopo due mesi di assenza con un gol importante. Raggiante il presidente Massimo Pasqual a fine gara: “Sono molto soddisfatto di questa prima parte della stagione, ringrazio tutti i ragazzi per il loro grande impegno e l’allenatore Fabrizio Tasca per il modo in cui ha gestito la squadra”.

Affiancate al Città di Eraclea ci sono Marghera e Pro Mogliano, anche loro non mollano la rincorsa alla capolista ed occupano la terza piazza, in questo caso non si tratta di una sorpresa ma di due realtà visto che margherini e moglianesi erano già stati accreditati durante la scorsa estate del titolo di pretendenti ad un posizione finale di prestigio. Destino comune in questa quindicesima giornata perchè tutte e due erano impegnate in trasferta, in due campi impegnativi ed entrambe hanno ottenuto il massimo cioè sono ritornate a casa con i tre punti nella saccoccia. La Pro Mogliano si impone per 3-1 a San Michele in casa di quel Bibione che pare aver perso lo smalto delle prime domeniche, quella verve che aveva permesso ai bibionesi di Marzola di occupare per un certo periodo la vetta della graduatoria, poi forse a causa delle vertigini che questa può provocare ad una matricola ecco il fatidico e prolungato rallentamento che ha portato il Bibione verso il basso fino al centro classifica. Se la Pro Mogliano ha quindi incontrato una avversaria non proprio in forma, il Marghera andava a far visita ad un Noventa in palla che aveva collezionato di recente una buona serie positiva. La corsa dei noventani si è fermata a metà della ripresa, momento in cui Ferigo ha messo a segno il gol partita con cui i margherini si riscattano prontamente dopo la sconfitta patita in periodo natalizio ad Eraclea. Il Musile sbanca Caorle al termine di una gara che non sembra lasciar adito a dubbi, la squadra di Colletto dopo le feste è da subito sembrata più pimpante di quella diretta da Padovese e l’uno due messo a segno dal duo Ferrari-Tegon lo conferma. Musile che aggancia così in classifica un Nettuno Lido che aiutato dalla buona sorte evita la sconfitta, sarebbe stata la terza consecutiva, proprio al 95′, con il Mazzolada evidentemente rammaricato per aver perso due punti proprio in prossimità del triplice fischio finale. Solita situazione ingarbugliata in zona play-out, con Mazzolada e Sanstino Corbolone proprio ai limiti, quest’ultima ha ottenuto una importantissima vittoria esterna di misura proprio contro una diretta concorrente per la salvezza: la Pro Roncade, che dimostra come sempre tanta volontà e voglia di riemergere ma in questi suoi tentativi è ancora una volta poco fortunata. Siamo quindi giunti al giro di boa, domenica prossima si ritorna da dove si è partiti, ma a campi inversi; da non perdere ci sarà sicuramente: Muranese – Pro Mogliano e Noventa – Jesolo.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*