Lo Jesolo inciampa a Caorle, il Bibione di rigore sale al secondo posto

 Lo Jesolo inciampa a Caorle, il Bibione di rigore sale al secondo posto

Città di Eraclea – Bibione

Quarta gara di campionato e quarto calcio di rigore fischiato a favore, tre su quattro determinanti sul risultato finale, un poker assai proficuo per il Bibione che in questo modo riesce a vincere anche ad Eraclea salendo in seconda posizione. Assai dubbio l’ultimo penalty concesso in avvio di gara ai bibionesi per un fallo di mano commesso con le braccia lungo il corpo, questo ha certamente condizionato la gara del Città di Eraclea incapace poi di reagire nella dovuta maniera, cosa che ha permesso al Bibione di portarsi a casa i tre punti senza faticare più di tanto. La capolista Jesolo rimane tale nonostante la sconfitta subita in quel di Caorle e questo grazie alla contemporanea sconfitta del Sanstino Corbolone. Andando con ordine partiamo da Caorle dove i padroni di casa diretti da mister Padovese hanno la meglio sulla squadra del momento, lo Jesolo, grazie alla doppietta messa a segno da Matteo Agostini anche se gli jesolani possono recriminare alla sfortuna per un paio di legni colpiti da Ciriello e Furlan. Anche Sanstino conosce la sua prima sconfitta in campionato che matura sul terreno di un rinato Mazzolada, i ragazzi di mister Davì dopo il sofferto pareggio ottenuto a San Michele con il Bibione muovono ulteriormente la classifica piegando un quotato Sanstino Corbolone con uno spumeggiante avvio di gara durante il quale gli ospiti si fanno sorprendere dalle reti di Berardo e Casara rischiando pure il tracollo dopo soli 20 minuti quando Vello manca il pallonetto. Rallenta anche il Silea che al Lido di Venezia si vede sfuggire la vittoria durante il recupero dopo aver tenuto la situazione in mano per gran parte della gara, i trevigiani rimangono comunque nelle zone alte della classifica con le quotazioni intatte.

Va peggio al Noventa sconfitta davanti al proprio pubblico da un altalenante Pro Mogliano, i moglianesi dopo la brutta sconfitta casalinga ad opera del Meolo si riscattano lontani da casa sfruttando anche un’autorete di Ervas, in seguito risulta tardiva la rete noventana messa a segno dallo stesso Ervas che riaccende le speranze di pareggio per i padroni di casa spente dal direttore di gara al 47′ della ripresa momento in cui annulla la rete del 2-2 realizzata da Amadio. Nella domenica delle vittorie esterne ecco quella rocambolesca del Marghera a Musile, i margherini sotto di due reti messe a segno dai padroni di casa durante il primo tempo riescono nell’impresa di rimettere le sorti in parità negli ultimi 20 minuti e poi di mettere a segno il colpaccio della giornata trovando il 3-2 al quarto minuto di recupero. Questo è un chiaro segnale per il Marghera di avere una squadra tosta ed in grado di puntare molto in alto, sembra invece opposta la situazione del Cessalto che rimane ultimo in classifica a quota uno dopo la terza sconfitta in quattro gare che subisce a Roncade, l’Europeo si illude con la rete iniziale messa a segno da Piovesan perchè in seguito i roncadesi riusciranno a perforare per tre volte la difesa ospite timbrando così la loro prima vittoria stagionale. Questa rassegna si chiude con il rammarico del Meolo per aver gettato due punti alle ortiche proprio allo scadere della gara interna con la Muranese. Sbloccato il risultato alla mezz’ora del primo tempo con un preciso colpo di testa di Zago i meolesi riescono a gestire questo prezioso vantaggio fino al quarto di recupero quando il muranese Gambin serve loro la classica “doccia fredda” su punizione. Domenica prossima il Meolo andrà a far visita al Città di Eraclea dove è attesa la riscossa dell’inceppata macchina granata, fari puntati anche su Bibione – Sanstino e su Jesolo – Musile.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*