Lugugnana – Città di Eraclea 1-1

Lugugnana

Città di Eraclea

Stocco Giro
Masutti Bincoletto
Furlanetto Da Riol
Fantuz Sforzin
Bozzato Vallese
(84′ Vello) Roman
Vit Tonetto A.
Del Sal Tonetto E.
Anese (30′ Marian)
Dalla Bona Franco Martin
(78′ Adami) Conte
Franzo (66′ Zanusso)
Morsanutto Margherito
(71′ Piva) (78′ Finotto)
All. Verri All. Tasca
 
Arbitro: Martorana Andrea di Treviso
 

Marcatori: 58′ Dalla Bona (E), 59′ Marian (E)

 
 Lugugnana - Città di Eraclea 1-1

L’arbitro Martorana con Marian, autore del pareggio.

Fossaltese, Bibione e Lugugnana: il Città di Eraclea conclude questo impegnativo trio di gare con due pareggi ed una bella vittoria ottenuta nel match contro la capolista, cinque punti conquistati sui nove disponibili che alternativamente allontanano, poi avvicinano ed infine riallontanano la formazione eracleense dalla vetta della classifica. Data un’occhiata al calendario della seconda di ritorno appariva chiaro che la gara più impegnativa per le prime della graduatoria spettava proprio al Città di Eraclea in casa di un coriaceo Lugugnana che nelle ultime due stagioni non ha mai perso alcun scontro diretto con i granata. L’Eraclea scende in campo priva degli infortunati Fregonese e Simonetto, dello squalificato Follador e con i fratelli Tonetto non in perfette condizioni fisiche, ma che hanno prontamente risposto “presente” alla convocazione del loro allenatore. C’è già una prima annotazione di cronaca da fare prima ancora che inizi la gara e riguarda l’arbitro designato per questo match che arriva a piedi tutto trafelato alle 14.22, l’auto è rimasta per strada senza benzina… Niente riscaldamento, probabilmente lo ha già fatto giungendo di corsa al centro sportivo di Lugugnana, appello velocissimo e fischio d’inizio dato con qualche minuto di ritardo. Ci si accorge subito che il fischietto trevigiano è assai contrariato: ammonizioni a go-go e continui rimproveri verbali per i 22 in campo, alla fine a farne le spese saranno per lo più gli eracleensi con ben 6 cartellini gialli a carico. Le due squadre provano a spingere fin dalle prime battute di gioco, ma le due difese montano una attenta guardia chiudendo con precisione sui tentativi di conclusione portati dagli avversari. Nulla di particolare da segnalare fino al 25′ minuto, momento in cui il Lugugnana ha la prima palla-gol della giornata: l’azione dei padroni di sviluppa sulla sinistra dove viene servito Dalla Bona sul quale va in chiusura Da Riol che al momento di entrare in anticipo sulla punta lugugnanese scivola a terra lasciando a quest’ultimo via libera verso l’area. Dalla Bona vi entra dal vertice sinistro e poi lascia partire un secco rasoterra sul quale Giro riesce a salvarsi deviando con un piede. Arriva subito la risposta dell’Eraclea, trascorre un solo minuto ed ecco che l’occasione da gol per gli ospiti si materializza sui piedi di Conte bravo a smarcarsi, ricevere palla poco fuori area e poi fatti due passi è lesto nel lasciar partire una sassata di sinistro che fa la barba al primo palo lambendo la rete esterna della porta difesa da Stocco. Al 30′ minuto lo stoico Enrico Tonetto deve dare forfait per un guaio muscolare ed esce sconsolato, mister Tasca lo sostituisce con Marian. Subito dopo è la presenza in campo di Conte ad essere messa a rischio quando riceve un duro colpo da tergo alla caviglia, rimasto dolorante a terra viene portato fuori per le cure del caso ed in seguito riprende zoppicante il suo posto. Dopo l’intervallo è l’Eraclea a riaprire le danze e lo fa in maniera assai pericolosa al primo minuto con uno scambio fra Franco Martin e Marian, quest’ultimo riceve palla sulla trequarti di destra, il suo veloce scatto palla al piede trova scoperta la retroguardia lugugnanese, giunto a fondo campo Marian evita la chiusura del portiere rimettendo la sfera verso il centro area dove l’accorrente Margherito ha l’occasione di indirizzare il pallone verso la sguarnita porta ma il suo colpo di testa è di quelli da dimenticare e la palla-gol termina abbondantemente sul fondo. Al 13′ minuto il Lugugnana sblocca il risultato e lo fa sfruttando una sbavatura della retroguardia granata, l’azione che si sviluppa sulla sinistra si conclude con un traversone verso il centro dove Bincoletto che è andato in chiusura su un avversario colpisce di testa svirgolando il pallone e mandandolo così alla sua sinistra sotto forma di un involontario assist a favore del solitario Dalla Bona pronto a controllarlo prima di trafiggere Giro con un rasoterra sul secondo palo. La gioia dei padroni di casa si raffredda nel giro di un solo minuto: al 14′ Conte riceve palla nei pressi del vertice sinistro dell’area, la mantiene difendendola sul raddoppio di marcatura per poi servire un preciso assist a favore di Marian il quale inseritosi con tempismo non può fallire l’occasione mettendo il pallone alle spalle di Stocco da distanza ravvicinata. Poco dopo lo stesso Conte dovrà abbandonare il campo, la botta subita nel primo tempo ha lasciato il segno e la caviglia si è ulteriormente gonfiata, per lui del ghiaccio in attesa di ulteriori accertamenti. Zanusso che è il suo sostituto avrà in seguito l’occasione di festeggiare questo suo ritorno sul campo con una rete: Marian con la sua velocità sembra proprio essere il giusto grimaldello per scardinare l’arcigna difesa dei padroni di casa, su un rovesciamento di fronte scatta palla al piede e giunto a limite dell’area al tiro in porta preferisce l’appoggio a favore dell’accorrente Zanusso che riceve palla a centro area, ma invece di concludere subito in porta ha quell’attimo di indecisione che permette ad un difensore in recupero di chiuderlo ed accompagnarlo verso il fondo. Durante gli ultimi minuti affiora anche una comprensibile stanchezza, fra le due è l’Eraclea ad arretrare per prima il baricentro ed il Lugugnana tenta così un ultimo assalto finale sfruttando alcune lunghe rimesse laterali battute da Anese, arrivando però alla conclusione in maniera pericolosa in una sola occasione con un colpo di testa da posizione ravvicinata di Franzo che sorvola di poco la traversa. Ancora protagonista l’arbitro nel finale quando assegna un solo minuto di recupero nonostante i 6 cambi effettuati e le varie ammonizioni da scrivere, in realtà recupera 40 secondi come gli fa giustamente notare mister Verri. La gara termina quindi con un equo e giusto pareggio nonostante le due squadre si siano a lungo prodigate per fare bottino pieno, il Città di Eraclea vede così dilatarsi il distacco dal Bibione a sette lunghezze sganciandosi anche dalle seconde in classifica, ma contro questo Lugugnana non si poteva dare di più.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*