Noventa – Città di Eraclea 0-0

NOVENTA
  CITTA’ DI ERACLEA
Tuis
1
Giro
(59′ Panizzolo) Sprezzola
2
Bincoletto
Camatta
3
Fralonardo
Guerra A.
4
Panont
Ervas
5
Bozzatto (80′ Tonetto A.)
Lorenzon
6
Margherito
(80′ Murador) Giacomini
7
Roman
(74′ Sfera) Guerra G.
8
Tonetto E.
Pasqualini
9
Franco Martin
Ferrarese
10
Bezerra (80′ Teso)
Amadio
11
Marian
Bergamo
All.
Tasca
Arbitro: Mazzarobba di Conegliano
Marcatori:
Note: Espulso Roman (E) al 89′ per doppia ammonizione
 Noventa - Città di Eraclea 0-0 Cronaca: Le due squadre non si affrontavano dal campionato 2004-2005 di seconda categoria, allora si incontrarono alla prima giornata di andata e per la cronaca il Noventa si impose davanti al proprio pubblico per due a zero con doppietta di Bortolato. La cosa che colpisce maggiormente è invece il fatto che a distanza di soli quattro anni nessuno dei 22 scesi in campo per questo ultimo incontro compaia nella lista di allora, in pratica le due società in questo lasso di tempo hanno totalmente cambiato il loro organico oltre alla categoria di appartenenza. Parlando di organico a disposizione degli allenatori non possiamo certo sottacere le numerose defezioni con le quali mister Tasca ha dovuto fare i conti al momento di stilare la formazione: difesa decimata senza i vari Bortoluzzo, Feletto, Vallese e Zanusso, a centrocampo mancavano Sforzin e Follador, mentre in attacco la defezione portava il nome di Crosariol, giocatore che aveva molto ben figurato nelle gare precedenti. Nonostante questo pesante handicap il Città di Eraclea è ugualmente riuscita a disputare una buona prestazione tenendo testa all’avversario fino alla fine e sfiorando il colpo gobbo con il palo colpito da Marian a conferma del fatto che la formazione scesa in campo si è ben comportata e non ha fatto rimpiangere gli assenti come ha affermato lo stesso allenatore granata a fine gara. Città di Eraclea che dimostra da subito di non temere il fattore campo ed inizia il match come se si trattasse di un incontro casalingo, il reparto difensivo nel quale figurava il rientro di Bincoletto e le conferme di Fralonardo e Panont con il supporto di Bozzatto e Roman lascia ben pochi spazi alla manovra offensiva del Noventa, recuperato il pallone la squadra granata è sempre pronta al rovesciamento di fronte con delle precise manovre che partono dai piedi di Enrico Tonetto, Margherito e Franco Martin che assieme ai veloci Marian e Bezerra provano a finalizzare l’azione offensiva. Dopo aver preso le misure agli avversari il Città di Eraclea al 19′ minuto di gioco ha la più grossa occasione di tutto il match: l’azione si sviluppa sulla destra, la palla viene giostrata a favore di Margherito che avanza per poi effettuare una gran apertura verso il lato opposto dove Marian ha un gran controllo di palla che lo porta in area a tu per tu con il portiere, quest’ultimo cerca l’uscita per chiudere ma Marian lo supera con un diagonale che non si insacca perchè va a sbattere sulla base del palo opposto strozzando l’urlo in gola a tutta la panchina eracleense (nella foto a fianco). Il Noventa fatica a rispondere con qualcosa di altrettanto pericoloso perchè in avanti l’ex torresano Pasqualini combina ben poco e quando ha l’occasione per concludere viene sempre rintuzzato, sembrano invece più attivi Ferrarese ed Amadio, in particolar modo quest’ultimo da del filo da torcere ai suoi angeli custodi che in alcune occasioni devono ricorrere alle maniere forti per arginarlo. Al 36′ minuto i padroni di casa pareggiano il numero dei legni colpiti a seguito di un’azione offensiva che si conclude con un traversone di Ferrarese che attraversa tutta l’area granata uscendo dalla parte opposta dove l’accorrente Alberto Guerra non trovando contrasto può scaricare una gran sventola che non lascia scampo all’estremo Giro salvato dalla traversa sulla quale il pallone picchia con violenza per poi rimbalzare a terra davanti alla porta. La ripresa si apre con il Città di Eraclea protagonista di un’azione da gol al 5′ minuto: gran discesa sulla destra di Panont che evita un paio di avversari e percorre tutta la metà campo noventana palla al piede fino in fondo dove effettua un preciso cross verso il centro area sul quale c’è la gran incornata di Bezerra che nell’occasione è poco fortunato perchè la sfera sorvola di un soffio la traversa. Poco più tardi ci sono da registrare le proteste corali del Noventa che reclama il calcio di rigore quando un traversone dalla sinistra viene intercettato con un braccio da Franco Martin che nell’occasione era arretrato a dar man forte al suo reparto difensivo, il dubbio è sulla posizione del capitano eracleense che al momento del fatto salta nei pressi della linea che delimita il lato corto dell’area. A parere dei noventani è dentro l’area, l’arbitro che fischia l’infrazione lo reputa invece appena fuori e concede solamente il calcio di punizione. In ogni caso l’estremo granata Giro continua a non correre particolari rischi ben coadiuvato dai suoi compagni di squadra che rintuzzano senza sconti ogni tentativo dei noventani ed è il Città di Eraclea ad avere invece un’altra bella occasione per sbloccare il risultato al 28′ minuto con Franco Martin, questa volta nelle sue classiche vesti di attaccante si coordina su un traversone proveniente dalla destra ed effettua una precisa mezza girata che non avrebbe lasciato scampo a Tuis se non fosse stato per una leggera deviazione di un difensore che manda il pallone fuori di pochissimo in calcio d’angolo. Nei minuti finali gli eracleensi in un paio di occasioni provano ad approfittare dei varchi che vanno a formarsi nella metà campo noventana a causa dell’allungamento della squadra di casa ma in entrambi i casi gli avanti granata vengono fermati fallosamente. Nel primo caso è Marian ad andarsene in solitaria ma viene scalciato prima di entrare in area, gli eracleensi chiedono il fallo da ultimo uomo invece l’arbitro si limita ad estrarre il giallo per il difensore del Noventa. Ancora proteste, seppure contenute, quando è Bezerra ad involarsi puntando tutto solo verso la porta avversaria, ma una volta entrato in area viene recuperato alla disperata da un difensore che gli strappa la maglietta mandandolo a terra. Inutili le rimostranze di Bezerra che chiede invano il calcio di rigore mostrando pure lo strappo sulla maglia che l’avversario gli ha appena procurato, l’arbitro non è di questo avviso. La gara è oramai destinata a terminare sullo zero a zero anche se c’è un ultimo sussulto nel finale quando l’eracleense Roman riceve il secondo giallo e lascia mestamente il terreno di gioco, seguito a breve dagli altri 21 protagonisti di un match che non ha mai lasciato spazio alla noia nonostante siano mancati i gol da entrambe le parti.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*