Recuperi della terza di ritorno: a sorridere sono la Muranese e la Pro Mogliano

 Recuperi della terza di ritorno: a sorridere sono la Muranese e la Pro Mogliano

Faccia a faccia fra il portiere Gatto e l’arbitro Giacometti i due protagonisti della gara, il primo in positivo il secondo in negativo

Si sono giocati i recuperi della terza giornata di ritorno inizialmente programmata per il primo febbraio ma che in realtà aveva subìto alcuni rinvii a causa della neve che aveva imbiancato alcuni terreni di gioco impedendo il regolare svolgimento delle gare. Fra questi destava interesse la sfida d’alta classifica del Comunale di Eraclea dove a far visita ai locali arrivava la capolista Muranese. Il Città di Eraclea era atteso dai suoi tifosi ad una pronta reazione dopo la recente ed inattesa sconfitta patita in quel di Meolo ed invece i granata di seguito all’uno a zero rimediato in casa del fanalino di coda hanno collezionato un’altra sconfitta con il medesimo risultato anche contro la capolista, una doccia fredda per le loro aspirazioni future. Probabilmente il gruppo diretto da mister Tasca sentiva un po’ troppo l’importanza di questa gara e la tensione che ne è derivata ha da subito giocato un brutto scherzo ad un valido difensore come Panont che dopo soli 5 minuti è entrato un po’ troppo deciso su Cavalli inducendo l’arbitro a fischiare la massima punizione a favore degli ospiti. Fatale è stato anche l’errore di un altro pilastro dell’Eraclea: il bomber Franco Martin che al 4′ della ripresa si è fatto deviare da Gatto, portiere della Muranese, quel calcio di rigore che avrebbe rimesso le sorti in parità. Decisivo per la vittoria della capolista è stato proprio l’estremo Massimiliano Gatto protagonista di alcuni importanti salvataggi che certamente hanno avuto più valenza sul risultato finale del penalty trasformato da Monteiro. Oltre alla sconfitta in casa eracleense incideranno negativamente anche le due espulsioni decretate da un arbitro certamente non all’altezza della situazione che ha tollerato troppo dimostrandosi ceco e sordo a tante provocazioni ed in molti frangenti gli è anche sfuggita di mano la situazione. La Muranese consolida ulteriormente la sua leadership in classifica ed ha ora come prima inseguitrice la Pro Mogliano che, seppur a fatica, ha espugnato il terreno del Meolo grazie ad una rete messa a segno da Vendramini ad inizio ripresa quando risolve una mischia con un gran sinistro che si infila alle spalle di Diop. Il Meolo non riesce così a bissare il successo della precedente domenica allorché l’Eraclea sbagliò un po’ troppo in fase conclusiva, questa volta si è trovato difronte una Pro Mogliano più determinata e pronta a sfruttare il primo errore difensivo dei meolesi.

Dopo le vittorie di Muranese e Pro Mogliano ci sono un paio di pareggi da riportare: l’uno a uno fra Musile e Sanstino Corbolone, che ha visto i padroni di casa incapaci di chiudere la gara con il secondo gol e come succede in questi casi sono stati raggiunti attorno alla mezz’ora della ripresa dai sanstinesi che hanno dovuto affrontare un Musile più determinato di quello incontrato il primo febbraio quando la squadra di Boccalon sotto la neve aveva chiuso il primo tempo sul due a zero. Pari anche nel recupero testacoda fra il Cessalto e l’ex capolista Jesolo, questa gara a differenza delle altre era stata rinviata per impraticabilità del campo ancora il 30 novembre. Nonostante lo zero a zero finale le due compagini si sono affrontate a viso aperto creando numerose palle-gol, lo Jesolo con Carniel ha anche colpito un legno durante il primo tempo. Le due porte però sono rimaste inviolate ed un punto per parte non migliora più di tanto la rincorsa verso i reciproci obiettivi, in particolar modo quella del Cessalto che deve prima di tutto evitare l’ultima piazza e poi… sperare in un mezzo miracolo per evitare i play-out. Mercoledì sera con inizio alle 20.30 è previsto anche l’ultima gara che rimane da recuperare nel nostro girone, a San Michele si giocherà Bibione – Città di Eraclea. Occhi puntati sulla squadra eracleense per capire se gli ultimi due scivoloni sono un malanno passeggero o l’inizio di un periodo di preoccupante flessione.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato
Il tuo commento verrĂ  valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*