Città di Eraclea – Jesolo 0-1

CITTA’ DI ERACLEA
JESOLO
(80′ Mancuso) Giro R.
1
Lucchetta
Bincoletto
2
Boatto
Zanusso
3
Bortoluzzo
Sforzin
4
Furlan
Vallese
5
Daneluz
(80′ Furlanetto) Follador
6
Zocchi (87′ Bonaventura)
(72′ Rippa) Bezerra
7
Bittolo (78′ Vianello)
Bozzato
8
Salamon
(58′ Crosariol) Teso
9
Giro N.
Tonetto E.
10
Soncin A. (89′ Saramin)
(89′ Gerotto) Margherito
11
Ciriello (70′ Tomaselli)
Tasca
All.
Zanin
Arbitro: Valerio di Portogruaro
Marcatori: 83′ Giro N. (J)
Note:
Cronaca: L’ultimo derby fra Eraclea e Jesolo risale al 12 febbraio 2006, allora le squadre militavano in seconda categoria e lo Jesolo si rese protagonista di uno sfavillante campionato terminato con la promozione ai play-off, imitato nella passata stagione da una altrettanto brillante Città di Eraclea. Ora le due squadre si ritrovano a fronteggiarsi nuovamente, ma in prima categoria dove giunge presto il primo scontro diretto in occasione della prima fase del Trofeo Regionale Veneto. E’ decisamente prematuro dare un giudizio sulle due compagini viste al comunale di Eraclea in quanto entrambe sono ancora in piena fase di rodaggio ed il Città di Eraclea in particolare accusa ben sei assenze di una certa importanza come: Franco Martin, Alberto Tonetto, Marian, Panont, Bortoluzzo e Roman. Alla vigilia mister Tasca non si deve certo essere sentito a suo agio nello stilare la formazione per la quale ha attinto anche dal gruppo degli juniores lanciando oltretutto il debuttante Riccardo Teso con il numero nove. E’ stato proprio nel settore offensivo dove la formazione eracleense ha incontrato le maggiori difficoltà e non solo per la pesante assenza del bomber Franco Martin ma anche perchè Bezerra, unica punta di ruolo fra i titolari, è ancora lontano da uno stato di forma accettabile e Crosariol, l’altro attaccante sul quale la società punta molto, si è dovuto sedere in panchina in quanto non è ancora pronto per affrontare i 90 minuti. Nonostante tutto il Città di Eraclea, che indossava una inedita divisa gialloblu al posto del classico granata, ha tenuto dignitosamente il campo per tutta la gara ed è stata punita solamente da una ingenuità difensiva a sette minuti dal termine. Il primo tempo è stato caratterizzato da un sostanziale equilibrio, con numerosi rovesciamenti di fronte anche se lo Jesolo si è dimostrato più pericoloso in fase di conclusione. La prima conclusione in porta si registra al 16′ minuto quando Alessio Soncin riceve palla sulla trequarti a seguito di un rilancio della mediana, avanza e poi la lascia partire un secco tiro dalla distanza che viene neutralizzato con sicurezza dalla parata di Roberto Giro. Al 28′ Salamon apre sulla destra a favore del solito Alessio Soncin che controlla e poi appena dentro il vertice dell’area lascia partire un insidioso diagonale per il quale l’estremo granata Giro è chiamato ad una impegnativa deviazione in tuffo. Un minuto dopo arriva la risposta dell’Eraclea con l’unica vera palla-gol della giornata a suo favore: Margherito scende sulla sinistra fin quasi a fondo campo da dove rimette rasoterra verso il centro un delizioso assist sul quale Enrico Tonetto arriva solamente a sbucciare il pallone con la punta del piede a due passi dalla porta. A cavallo della mezz’ora occasionissima anche per gli ospiti, è il 32′ quando Bittolo ben servito sulla sinistra dell’area si ritrova a tu per tu con Roberto Giro, quest’ultimo si supera riuscendo a respingere con il corpo la conclusione ravvicinata a botta sicura del numero sette jesolano. Si conclude così un primo tempo tutto sommato movimentato se consideriamo l’afoso pomeriggio e l’ancora incompleta preparazione atletica delle due squadre, di conseguenza durante la ripresa si registra un comprensibile calo di ritmo. Lo Jesolo non abbandona tanto facilmente la speranza di riuscire a sbloccare il risultato, ma il Città di Eraclea nonostante le numerose defezioni continua nella sua opera di contenimento senza mai disunirsi e senza soffrire in alcuna occasione. La gara scivola via senza ulteriori emozioni interrotta solamente dalla consueta girandola di sostituzioni, nemmeno queste cambiano l’inerzia del match fino all’episodio che segnerà le sorti dell’incontro. Proprio quando la gara sembrava destinata a terminare sullo zero a zero giunge la rete degli ospiti al 38′ minuto: Crosariol perde palla a centrocampo e gli jesolani sono lesti nel rilanciare lungo verso l’area granata cogliendo di sorpresa la spiazzata retroguardia eracleense. Il pallone filtra in un corridoio centrale a favore di Nicola Giro, l’attaccante ospite fino a quel momento inconcludente coglie l’occasione propizia sfruttando l’indecisione del neo entrato Mancuso il quale ritarda l’uscita dai pali e viene perciò inesorabilmente trafitto da distanza ravvicinata. Un Città di Eraclea per niente pericolosa in fase offensiva non ha certo il tempo a disposizione per cercare di pareggiare una gara che lo Jesolo riesce a far sua quando oramai un po’ tutti si erano rassegnati allo zero a zero. In casa granata non ci sarà molto tempo a disposizione per rimpiangere l’occasione perduta in quanto già da mercoledì sera il Città di Eraclea avrà la possibilità di cimentarsi nuovamente sul terreno di Caorle dove si giocherà una gara valida per la seconda giornata del Trofeo Veneto in attesa di recuperare, almeno in parte, i vari giocatori risultati indisponibili nella prima di coppa.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*