Un incredibile errore arbitrale da il via alla goleada dell’Union Sandonatese

 Un incredibile errore arbitrale da il via alla goleada dell'Union Sandonatese

Matteo Lucchetta ingiustamente espulso nel finale
Città di Eraclea umiliata nei minuti finali dall’Union Sandonatese che approfitta di una sciagurata decisione del sig. Mezzarobba di Conegliano non solo per chiudere la gara ma anche per cercare di realizzare il maggior numero di reti possibile dopo che la squadra eracleense si è ritrovata in dieci e senza portiere. Al 34′ della ripresa l’indeciso fischietto coneglianese prende un autentico abbaglio quando lontano dall’azione giudica fuori dall’area un gran salvataggio con le mani del portiere Lucchetta su una conclusione di Comin. Dopo le proteste dei padroni di casa l’arbitro fischia con un colpevole ritardo l’inesistente infrazione ed espelle l’estremo eracleense, a quel punto il Città di Eraclea con le sostituzioni già esaurite non può inserire il dodicesimo e fra i pali ci manda un difensore subendo così tre reti nei dieci minuti finali da parte di chi non sembra mai sazio e cerca di realizzarne ancora. Dopo un avvio di campionato al di sotto delle aspettative e ricco di tensione possono tornare a sorridere sia mister Colletto che mister Gallo in una domenica fortunata pure per i colori del Caorle, quest’ultima compagine riesce ad espugnare il terreno della capolista Silea resistendo per buona parte della ripresa ai tentativi dei trevigiani di sbloccare il risultato per poi infliggere loro il primo stop stagionale grazie ad un calcio di rigore trasformato da Agostini. Anche il Marghera perde il primato in graduatoria dopo il pari a reti inviolate ottenuto a Noventa, inutili i tentativi dei margherini di superare una avversaria che è già al suo quarto pareggio nelle quattro gare disputate. Il colpo grosso della domenica è però quello del Pramaggiore che va a vincere in casa del Casier Dosson, supera in classifica Silea e Marghera e si prende così la vetta della classifica riscattandosi pienamente dalla sconfitta subita alla prima di campionato. I pramaggioresi trovano il gol vittoria dopo soli otto minuti e sono anche in grado di sopperire per buona parte dell’incontro all’inferiorità numerica dovuta all’espulsione di Comisso riuscendo a gestire senza grossi patemi il minimo vantaggio fino alla fine.

Con l’unica eccezione di Union Sandonatese – Città di Eraclea quest’ultima è stata una domenica avara di gol e ricca di pareggi tre dei quali a reti bianche. Oltre alla già citata Noventa – Marghera gli altri zero a zero giungono da Mestre dove il Real San Marco reduce dall’impresa di Caorle trova un duro ostacolo nel Bibione rischiando anche la sconfitta se il proprio portiere Maggiolo non fosse riuscito a parare un calcio di rigore battuto da Durizzan e da San Stino con i padroni di casa del Corbolone che non riescono ad avere la meglio sui ragazzi diretti da Diego Boer, da segnalare un incrocio dei pali colpito da Boian ma anche alcune buone occasioni a favore dei ciliensi che non si sono certo limitati a subire il gioco del Corbolone. La lunga lista dei pareggi si chiude con un paio di uno a uno che in entrambi i casi lasciano l’amaro in bocca ai rispettivi padroni di casa. Si tratta di un paio di vittorie sfuggite per un soffio al Cavallino ed allo Jesolo, nel primo caso i cavallinotti passati in vantaggio dopo soli 5 minuti non riescono a chiudere la gara mancando varie occasioni per il raddoppio e così gli ospiti del Mazzolada ridotti in dieci li beffano al quarto minuto di recupero quando Vello trova lo spiraglio giusto per infilare Boso. Rammarico anche a Jesolo dove la squadra di casa diretta da Nicolaj Biancotto nella sfida con il Nettuno Lido costruisce molto ma non riesce ad andare oltre all’uno a uno maturato ancora nella prima fase del match durante la quale al vantaggio dello jesolano Soncin risponde subito Sopradassi realizzando quel pareggio che resisterà fino al triplice fischio finale. Domenica prossima la quinta giornata di andata ci propone alcuni match interessanti come: Bibione – Silea e Marghera – Cavallino mentre la neo capolista Pramaggiore ospita un Città di Eraclea che dovrà dimenticare al più presto quanto è successo a Musile. Un’altra gara esterna e dall’alto coefficiente di difficoltà per la squadra di mister Piccolo, uno scontro testa coda dall’esito non di certo scontato.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato
Il tuo commento verrĂ  valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*