Un inizio di campionato bagnato ed avaro di gol

 Un inizio di campionato bagnato ed avaro di gol

Un grigio e piovoso pomeriggio domenicale ha fatto da cornice alla prima giornata di gare del campionato 2005-2006. Probabilmente proprio a causa dei terreni di gioco non in perfette condizioni per le abbondanti precipitazioni non si sono registrate particolari goleade nelle 8 partite previste dal calendario. Le vittorie più rotonde, almeno nel risultato, sono stati un paio di tre a zero: quello inflitto dal Bibione Cesarolo al Burano grazie ad una doppietta di Alex Cassan fa coppia con il tre a zero esterno del Corbolone di mister Lescarini ottenuto sul terreno della Vigor. L’Eraclea nonostante l’emergenza dovuta alle numerose assenze affronta senza grossi problemi la trasferta di Fossalta di Portogruaro tenendo testa all’avversario fino alla metà della ripresa momento in cui la Fossaltese sblocca casualmente il risultato grazie ad una leggerezza del portiere eracleense, nel finale con l’Eraclea sbilanciata i padroni di casa trovano il raddoppio ancora con Gobesso. A Jesolo la squadra di casa passa in vantaggio grazie al “sempreverde” Fabio Rossignoli, classe 1966, poi raddoppia D’Arienzo ma nel finale il Villanova riduce le distanze, gli jesolani riescono comunque ad incamerare i tre punti in palio. Vince per due a uno anche la neo-promossa Lugugnana che supera il San Michele, ancora più sofferta è la vittoria del Caorle nel match casalingo con il Treporti grazie ad un gol in piena zona Cesarini di Spader. Il Ponte Crepaldo rimonta lo svantaggio iniziale e pareggia per uno uno contro la temibile Mazzolada, con il medesimo risultato termina anche Torre di Mosto-Nuova Caorle grazie all’ennesimo calcio di rigore trasformato dal bomber Pasqualini.  

1ª Giornata di andata

Bibione Ces. – Burano 3-0    

Caorle – Treporti 1-0

Fossaltese – Eraclea 2-0 Jesolo – Villanova 2-1
Lugugnana – San Michele 2-1 Ponte Crepaldo – Mazzolada 1-1
Torre di Mosto – Caorle 1-1 Vigor – Corbolone 0-3

{moscomment}

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato
Il tuo commento verrĂ  valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*