Union Sandonatese ad un passo dalla capolista Caorle

 Union Sandonatese ad un passo dalla capolista Caorle Il duello fra le due favorite alla vittoria finale diventa ancora più avvincente con l’ulteriore avvicinamento alla capolista da parte dell’Union Sandonatese che vince la gara interna contro il Cavallino ridimensionandone così le eventuali speranze di potersi inserire nella rincorsa alla vetta della classifica. Questa volta alla squadra di mister Bortoluzzi non è riuscito lo sgambetto fatto ai musilesi a metà settembre durante la prima fase del Trofeo Veneto. L’Union Sandonatese in quel periodo stentava a carburare giocando un inizio di stagione al di sotto delle proprie possibilità, da qualche tempo invece le cose sembrano cambiate per i musilesi che hanno collezionato sei vittorie nelle ultime sette gare disputate. L’ultima in ordine temporale è proprio quella ai danni del Cavallino, dopo averci provato nel primo tempo senza successo i padroni di casa si aggiudicano la vittoria nei primi 20 minuti della ripresa con la doppia firma di Comin. La capolista Caorle riesce per il momento a mantenere un punto di vantaggio sulla diretta inseguitrice grazie al pareggio casalingo ottenuto nel match con il Corbolone. Si decide tutto durante la ripresa, i locali passati per primi in vantaggio con il bomber Agostini vengono raggiunti attorno alla mezz’ora da una rete realizzata direttamente su punizione dal sanstinese Zozzolotto. Se le prime due sono divise da un solo punto, dalla seconda alla terza, che è il Cavallino, ci sono ora ben cinque lunghezze. Le cose non vanno meglio al Pramaggiore, quarto in classifica, la squadra di mister Rauso dopo la sconfitta patita la settimana precedente non trova la forza di superare il Nettuno Lido fra le mura amiche limitandosi ad un pareggio per uno a uno maturato con un gol per tempo. Lo Jesolo aggancia la zona play-off vincendo a San Michele con due calci di rigore entrambi trasformati da Iacobucci, ma l’omologazione del risultato di questa gara è sub-judice in quanto lo jesolano Baiana alla seconda ammonizione non è stato espulso dall’arbitro che a fine gara ha ammesso l’errore riportando il fatto sul verbale di gara. Ci sono quindi delle buone probabilità che Bibione – Jesolo debba essere rigiocata a causa dell’errore tecnico. Il Bibione per il momento rimane in penultima posizione a pari punti del Città di Eraclea che ha incredibilmente perso una gara che alla fine del primo tempo conduceva per due a zero. La doppietta di Bullo non è servita a far tornare il sorriso a mister Piccolo la cui compagine sempre più rabberciata, ma ugualmente viva, da del filo da torcere ad un Noventa molto più compatto mettendo sotto gli avversari per due volte durante la prima frazione di gara. I problemi per i granata iniziano al quarto della ripresa quando un pessimo direttore di gara decide di compensare il precedente rigore fischiato a favore dell’Eraclea assegnandone uno anche al Noventa. Passano due soli minuti e gli ospiti trovano anche il pareggio ma l’azione sembra proprio viziata dal fuorigioco, l’arbitro però convalida. Gli eracleensi subìto il pareggio si sfaldano e finiscono per subire troppo gli assalti dei noventani i quali si riversano a folate continue nella metà campo dei padroni di casa fino all’epilogo del finale di gara nel quale arrivano inevitabili le due reti che sanciscono la vittoria del Noventa. Più sotto del duo Bibione Città di Eraclea rimane ancora la Libertas Ceggia che al pari degli eracleensi viene sconfitta in casa dal Casier Dosson. I ciliensi di mister Boer durante il primo tempo son capaci di rimontare per due volte gli ospiti trevigiani ma non riescono a ripetere per la terza volta l’impresa dopo aver subìto il terzo gol in apertura di ripresa. In questo modo i casieresi escono dalla zona play-out scavalcando in classifica il Nettuno Lido ed il Silea, quest’ultima viene sconfitta a Mazzolada proprio al 90′ da una rete di Anese quando lo zero a zero sembrava oramai scritto. Quasi in fotocopia come tempistica la rete che sancisce la vittoria del Real San Marco nel derby veneziano con il Marghera, gara che va ad appannaggio degli ospiti mestrini i quali sbancano il terreno margherino al primo di recupero quando Marano sfrutta un errore difensivo dei padroni di casa intercettando un rinvio del portiere Bison. Il Real San Marco sarà ancora di scena fra le mura amiche mercoledì pomeriggio quando ospiterà il Città di Eraclea nel recupero della quindicesima giornata di andata, la gara che in calendario era prevista per il 10 gennaio non era stata disputata a causa dell’impraticabilità del rettangolo mestrino reso pesantissimo dalle piogge.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*