Vincono tutte le prime della classe, ma Città di Eraclea e Lugugnana sono travolgenti

 Vincono tutte le prime della classe, ma Città di Eraclea e Lugugnana sono travolgenti

Città di Eraclea – Villanova

Il Bibione non molla, è consapevole di avere alle spalle un gruppo di inseguitrici agguerrite che non ci pensano nemmeno a gettare la spugna nonostante la capolista possa ancora contare su un buon vantaggio ad otto giornate dal termine. Non è un compito facile inseguire una squadra che vince sempre, ma non è nemmeno cosa semplice per quest’ultima mantenere a lungo la giusta concentrazione e lo stato di forma necessario per essere sempre vincenti. Il Bibione in questo girone di ritorno non sembra avere lo stesso smalto mostrato all’andata, ma è ugualmente riuscito a portare a casa i tre punti da Passarella dove si è imposto per due a zero faticando un po’ a sbloccare il risultato. Il Cavallino si mantiene a sei punti di distanza espugnando il terreno di Sindacale grazie ad una doppietta di Dei Rossi, scalando di altri tre punti troviamo l’accoppiata Fossaltese – Città di Eraclea. Quest’ultima nell’affrontare il Villanova parte con il piede sbagliato e si ritrova sotto di un gol ad inizio gara, ma si riscatta ben presto e finisce con il travolgere l’avversario con un secco 5-1 sul quale il bomber Franco Martin mette la sua firma con una magnifica tripletta, da sottolineare il gesto atletico espresso nel suo terzo gol. La Fossaltese, in attesa di ulteriori sviluppi riguardanti la vicenda del tesseramento del calciatore Mazzon Luigi, si mantiene in terza posizione a pari punti con il Città di Eraclea regolando il Pramaggiore con una doppietta di Zambon.

Uscita con un pizzico di rammarico dal Trofeo Veneto il Lugugnana si sta ora dedicando esclusivamente al campionato ed al consolidamento della sua piazza valida per i play-off con una spumeggiante vittoria ai danni del Treporti. La squadra treportina dopo l’incoraggiante successo ottenuto nella gara di recupero con il Pramaggiore nel giro di quattro giorni ha perso il secondo recupero giocato contro la Fossaltese ed ora ha subìto questa pesante quaterna dai lugugnanesi. Anche la Vigor vince mettendo a segno quattro gol, il malcapitato di turno è il Gainiga che ritorna sconfitto da Cinto Caomaggiore per 4-2, un incoraggiante successo per i cintesi che li mantiene al di fuori della zona play-out. Si ingarbuglia la situazione proprio in zona play-out, c’è un netto divario di punteggio fra l’alta e la bassa classifica con l’assenza di una zona di centro dove di solito alcune squadre stazionano in posizione tranquilla. Si consideri che Giussaghese, Gainiga e Pramaggiore le quali occupano il sesto, settimo ed ottavo posto hanno solamente quattro punti di vantaggio nei confronti di chi si ritrova attualmente in zona play-out e tranquille non possono di sicuro essere. Nel gruppone di chi si sta giocando la salvezza risultano importanti i successi dell’Altino ai danni della Giussaghese e della rinata Aurora San Nicolò sul terreno della Nuova Caorle che ha ripresentato in panchina il tecnico Stefanutto. L’Aurora nel girone di ritorno sta facendo “passi da gigante” ed è passata dall’ultima posizione alla possibilità di evitare anche gli spareggi salvezza. Domenica prossima il Bibione davanti al proprio pubblico si giocherà una buona fetta di promozione affrontando una delle tre inseguitrici: la Fossaltese.

Commenta per primo questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato
Il tuo commento verrà valutato da un moderatore prima della pubblicazione


*